Martedì 21 Gennaio 2020 | 20:36

NEWS DALLA SEZIONE

serie c
Tifosi investiti: curva del Potenza in lutto, niente trasferta

Tifosi investiti: curva del Potenza in lutto, niente trasferta

 
La decisione
Lite tra tifoserie, muore un 33enne: 25 persone in carcere

Lite tra tifoserie lucane, muore 33enne: 26 persone in carcere. Autista arrestato: «Ero circondato, avevo paura» FOTO

 
La tragedia
Basilicata, auto con tifosi del Melfi investe 2 tifosi del Rionero: uno è morto, l'altro è grave

Lite tra tifoserie, supporter del Melfi investono 2 tifosi del Rionero: uno è morto, l'altro è grave. FOTO
Arrestate 26 persone

 
La richiesta
Potenza, «una sezione della Dia nel Metapontino»: istanza al ministro

Potenza, «una sezione della Dia nel Metapontino»: istanza al ministro

 
La denuncia
Omofobia a Potenza: Giulia picchiata in strada da teppisti

Omofobia a Potenza: Giulia picchiata in strada da teppisti perché omosessuale. Solidarietà dalle sardine lucane FT

 
La relazione Dia
In Basilicata aumentano i tentativi di «infiltrare» l’economia legale

In Basilicata aumentano i tentativi di «infiltrare» l’economia legale

 
nel Potentino
Muro Lucano, muore avvolto dalle fiamme mentre brucia sterpaglie

Muro Lucano, muore avvolto dalle fiamme mentre brucia sterpaglie

 
in Basilicata
Rionero in Vulture, Centro Oncologico riceve donazione per ricerca su un tumore raro

Rionero in Vulture, Centro Oncologico riceve donazione per ricerca su un tumore raro

 

Il Biancorosso

mercato
Bari, ingaggiato centrocampista Laribi, in prestito dal Verona

Bari, ingaggiato centrocampista Laribi, in prestito dal Verona

 

NEWS DALLE PROVINCE

GdM.TVSequestro e denuncia
Bari, lavori all'ex Kursaal: i rifiuti finivano in acqua sul lungomare

Bari, lavori all'ex Kursaal: i rifiuti finivano in acqua sul lungomare

 
TarantoLa sentenza
Caso Scazzi, processo ai falsi testimoni: 4 anni a Ivano Russo, 5 anni a Michele Misseri

Caso Scazzi, 11 condanne per le bugie al processo: 5 anni a Ivano Russo, 4 anni a Michele Misseri

 
Leccel'appuntamento
«Something», i Beatles e il loro 1969: a Lecce il libro di Donato Zoppo

«Something», i Beatles e il loro 1969: a Lecce il libro di Donato Zoppo

 
Potenzaserie c
Tifosi investiti: curva del Potenza in lutto, niente trasferta

Tifosi investiti: curva del Potenza in lutto, niente trasferta

 
BrindisiNel Brindisino
Ostuni, donna uccisa da colpo di pistola accidentale: 3 denunce per aggressione a giornalista

Ostuni, donna uccisa da colpo di pistola accidentale: 3 denunce per aggressione a giornalista

 
Batil caso
Magistrati arrestati a Trani, i giudici: «A Savasta niente attenuanti, non ha detto tutto»

Magistrati arrestati a Trani, i giudici: «A Savasta niente attenuanti, non ha detto tutto»

 
Materaprocura di matera
Furti per 500mila euro in scuole Puglia e Basilicata: 2 arresti e 5 denunce

Furti per 500mila euro in scuole Puglia e Basilicata: 2 arresti e 5 denunce VD

 
FoggiaIl caso
Foggia, danneggiata Camera del Lavoro Cgil: «Serve reazione»

Foggia, danneggiata Camera del Lavoro Cgil: «Serve reazione»

 

i più letti

nuove povertà

Problemi economici: 2 lucani su 10 rinunciano a curarsi

È il dato più alto in Italia: i cittadini sono meno propensi alla prevenzione

sanità medici salute

Sanità

Il 21,4% dei cittadini lucani rinuncia alle cure per questioni di natura economica. Un dato superiore alla media nazionale (che è del 17), anche se ciò che maggiormente preoccupa è che solo il 46,4 dichiara di aver fatto negli ultimi 2 anni esami ed analisi di propria iniziativa, a fronte del 62,6% della media nazionale e del 61,6 di quella del sud. È il dato più alto a livello nazionale, visto che in tutte le altre regioni la propensione alla prevenzione è ben più alta che in Basilicata. È quanto emerge dall’indagine Tech4Life, voluta da Confindustria Dispositivi Medici, Federazione di Confindustria che rappresenta le imprese dei dispositivi medici, e realizzata da Community Media Research. In pratica, quindi, 2 cittadini su 10, nella nostra regione, dichiarano di non potersi permettere cure e analisi, ma, come anticipato, il dato più preoccupante è quello della prevenzione, con 6 lucani su 10 che, nell’ultimo biennio, non hanno fatto esami medici. Normale, a questo punto, che i cittadini lucani si affidino a internet per questioni di salute in maniera omogenea rispetto alla media italiana (il 57% lo ha fatto almeno una volta contro il 57,1 della media italiana): è un dato rilevante, che mostra come più di 1 cittadino su 2 si affidi a internet per informarsi sulla propria salute. Ampliando lo sguardo all’intero Mezzogiorno, si scopre che quasi il 62% dichiara di essersi affidato a internet per diagnosi e cure.

Dall’indagine emerge anche che i cittadini del Mezzogiorno sono meno propensi alla prevenzione rispetto alla media nazionale (61,6% ha fatto esami di propria iniziativa negli ultimi 2 anni contro il 62,6 della media nazionale), ma hanno una propensione verso la medicina predittiva: il 52,3% farebbe esami per predire l’insorgenza di malattie croniche o degenerative contro il 48,5 della media nazionale. Inoltre, rispetto all’autopercezione del proprio stato di salute, coloro che risiedono nelle regioni del sud risultano essere meno ottimisti degli altri italiani: il 79,5% si ritiene in buono stato (contro l’80,6 degli italiani) e il 3,4% non si sente in forma (2,7 è il dato nazionale). I meridionali, però, sono però più disponibili a condividere i propri dati personali per finalità di ricerca. I «contrari» a livello nazionale sono il 59,4%, per lo più adulti (66,9 è over 55), e vivono maggiormente nel Nord Est (67,1), mentre a Sud i contrari sono solo il 54,3%. Dati che non sono solo sintomatici di quanto sia crescente e difficoltoso a volte il rapporto dei lucani con la sanità, i suoi costi e tutto quello che concerne questo mondo, ma che si ricollegano a quelli contenuti nel «Rapporto 2019-Donare per curare. Povertà sanitaria e donazione farmaci» redatto dal Banco Farmaceutico. Dal quale si evince che, anche nella nostra regione, il numero di individui in povertà assoluta continua ad essere elevato. Per capirci, è raddoppiata rispetto al 2007. Diminuisce, invece, la povertà relativa, quella che indica in modo più ampio le diseguaglianze calcolate in termini di consumi. Dopo il picco dello scorso anno, infatti, è passata da 12,3% a 11,8.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie