Venerdì 23 Agosto 2019 | 18:00

NEWS DALLA SEZIONE

Lavoro
Fca a Melfi, da settembre stop produzione per altri 30 turni

Fca a Melfi, da settembre stop produzione per altri 30 turni

 
La protesta
Venosa, disabile si incatena in Comune: «Voglio che mi ridiano il cane»

Venosa, disabile si incatena in Comune: «Voglio che mi ridiano il cane»

 
Inquinamento
Maratea, allarme liquami: nuovo stop bagni a Fiumicello

Maratea, allarme liquami: nuovo stop bagni a Fiumicello

 
San Carlo
Potenza, medici malati e infortunati: chiuso reparto neonatale, disposta inchiesta

Potenza, medici malati e infortunati: chiuso reparto neonatale, disposta inchiesta

 
I controlli
Laghi di Monticchio, chiuso ristorante: aveva lavoratore in nero

Laghi di Monticchio, chiuso ristorante: aveva lavoratore in nero

 
Il caso
Melfi, Comune condizionato dalla criminalità, si insedia commissione

Melfi, Comune condizionato dalla criminalità, si insedia commissione

 
Il caso
Regione Basilicata, il «concorsone» scompare dopo dieci anni di attesa

Regione Basilicata, il «concorsone» scompare dopo dieci anni di attesa

 
Al San Carlo
Potenza, ricoveri sospesi a Neonatologia: i piccoli saranno trasferiti

Potenza, ricoveri sospesi a Neonatologia: non ci sono medici, bimbi trasferiti

 
Il recupero
Potenza, abbandonati in un sacco e gettati in canalone: la polizia salva 9 cuccioli

Potenza, abbandonati in un sacco e gettati in canalone: la polizia salva 9 cuccioli

 
Operazione della Gdf
Reddito di cittadinanza: due furbetti scoperti nel Potentino

Reddito di cittadinanza: due furbetti scoperti nel Potentino

 
a «La vita in diretta»
La Gazzetta e il pensionato che all’Inps risultava deceduto : la storia va in tv

La Gazzetta e il pensionato che all’Inps risultava deceduto: la storia va in tv

 

Il Biancorosso

IL PUNTO
Il Bari gioca la carta Schiavone ci sarà più qualità a centrocampo

Il Bari gioca la carta Schiavone
ci sarà più qualità a centrocampo

 

NEWS DALLE PROVINCE

LecceL'evento
Notte Taranta: grande attesa per il Concertone con Elisa e Gué Pequeno

Notte Taranta: grande attesa per il Concertone con Elisa e Gué Pequeno

 
BariL'operazione della Gdf
Bari, 6mila paia di scarpe contraffatte dalla Grecia: sequestro al Porto

Bari, 6mila paia di scarpe contraffatte dalla Grecia: sequestro al Porto

 
TarantoIl caso
ArcelorMittal, Usb proclama sciopero: «ci sono microchip nelle tute»

ArcelorMittal, Usb proclama sciopero: «ci sono microchip nelle tute»
Veicolo si ribalta in reparto Irf

 
BatIl caso
Le saline di Margherita di Savoia diventano di proprietà francese

Le saline di Margherita di Savoia diventano di proprietà francese

 
FoggiaLotta alla droga
Trinitapoli, beccati 92 pacchi di cannabis light, ma in realtà era marijuana illegale

Trinitapoli, beccati con 92 pacchi di finta-cannabis light: arrestati in 2

 
HomeSulla strada 379
Scontro tra 2 auto sulla strada per Torre Canne: un morto e un ferito

Scontro tra 2 auto sulla strada per Torre Canne: un morto e un ferito

 
PotenzaLa protesta
Venosa, disabile si incatena in Comune: «Voglio che mi ridiano il cane»

Venosa, disabile si incatena in Comune: «Voglio che mi ridiano il cane»

 
MateraIl sogno
Matera si candida a «Cinecittà» del Mezzogiorno

Matera si candida a «Cinecittà» del Mezzogiorno

 

i più letti

Clamoroso errore

Potenza, è vivo e vegeto, ma per la banca è morto tre mesi fa

L'Inps, credendolo deceduto, gli ha sospeso la pensione

Il dipendente in pensione è quasi un «povero assoluto»

È vivo e vegeto. In perfetta forma. Ma per l’Inps è deceduto tre mesi fa e per questo gli è stata sospesa la pensione. Ha scoperto di essere passato a miglior vita recandosi allo sportello bancario per una banale operazione con la sua carta di credito. Bloccata. Inaccessibile. «Scusi signore, ma lei qui risulta deceduto», gli ha detto l’impiegato dell’istituto di credito. Deceduto? Sogno o son desto? Si è dato un pizzicotto Nicola Di Grazia, 84 anni, di Tolve ma residente a Potenza. Sveglio, arzillo, sorpreso. E, soprattutto, vivo.

Gesti scaramantici a parte, il pensionato vuole vederci chiaro in questa storia e recuperare gli assegni pensionistici che ingiustamente l’ente previdenziale gli ha negato in questi tre mesi di «fake news». «Ecco, mi vedete, vi sembro morto? - racconta la sua storia alla Gazzetta -. Non mi sono sentito mai così bene». Di Grazia si consolerà pensando che l'Inps, certificando il suo falso decesso, gli abbia allungato la vita. Come e più di una telefonata degli anni '80-'90. Ma dovrà armarsi di santa pazienza per recuperare il «maltolto», anche perché la burocrazia, si sa, è celere e determinata quando si tratta di mettere mano al portafogli del cittadino. Taglia le scadenze con la facilità di un'affettatrice di salumi. Quando, invece, è lo Stato che deve restituire soldi, l’apparato burocratico costruisce attorno a sé un «girone dantesco» fatto di labirinti, scartoffie, timbri e raccomandate. Risultato: tempi lunghi e cittadino sfiancato.
A ogni modo, il pensionato è deciso ad andare avanti. Ha già inoltrato all’Inps una lettera di diffida e messa in mora chiedendo «l’immediata erogazione della pensione, degli arretrati e degli interessi con rivalutazione, riservandosi azione risarcitoria per i danni subiti a causa della omessa tempestiva erogazione delle somme».

«Dal mese di giugno - racconta Pino Di Grazia, figlio di Nicola - mio padre non riceve la pensione. Non se n’era accorto prima perché continuava a pagare le utenze attraverso le domiciliazioni dei contratti di fornitura. Ci siamo recati in banca - sottolinea - perché avevamo notato che sul conto c’erano meno soldi di quanti ce ne sarebbero dovuti essere in virtù delle pensioni di questi ultimi mesi. E abbiamo scoperto questa storia incredibile, con la banca a cui risulta che mio padre, suo correntista, è scomparso da oltre tre mesi». L’Inps ammette l'errore e sta «resuscitando» il signor Di Grazia. L’«untore» di questa falsa notizia? Varie ipotesi: un errore dell'archivio informatico, un omonimia, il banale cambio di una lettera nel cognome del malcapitato. Interpellato sulla vicenda, l'istituto di previdenza, dopo i necessari accertamenti, assicura di provvedere a ripristinare il sistema per pagare, nel più breve tempo possibile, gli arretrati.

C'è chi racconta di aver visto nell'Aldilà luci accecanti, giardini di pace e oasi sterminate. Per Di Grazia - prima affossato e, ora, in attesa di essere miracolato dalla burocrazia - il regno dei Cieli (in terra) gli stava costando la pensione. Il Paradiso può attendere.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie