Domenica 31 Maggio 2020 | 22:19

NEWS DALLA SEZIONE

VIOLENZA
Lagonegro, tentò di violentare la figlia dell'amante, condannato

Lagonegro, tentò di violentare la figlia dell'amante, condannato

 
L'onorificenza
L'imprenditore Umberto Pesce tra i Cavalieri del Lavoro

Basilicata, l'imprenditore Umberto Pesce tra i Cavalieri del Lavoro

 
fase 2
2 giugno, riaprono 3 musei in Basilicata

2 giugno, riaprono 3 musei in Basilicata

 
Crisi
Melfi, altro stop: l’auto non tira, frenata a 500X e Jeep Renegade

Melfi, altro stop: l’auto non tira, frenata a 500X e Jeep Renegade

 
Temporali
Maltempo Puglia

Puglia e Basilicata, maltempo da brividi: prima la shelf cloud e poi la maxi grandinata

 
In Basilicata
Rionero, vinti oltre 33 milioni con l' Eurojackpot

La fortuna bacia Rionero, vinti oltre 33 milioni con l'Eurojackpot

 
La decisione
 Crob Rionero

Rionero, da domani stop alla sigarette all'Ospedale oncologico regionale

 
In basilicata
Covid, screening sui lucani: solo uno su tre accetta il test

Covid, screening sui lucani: solo uno su tre accetta il test

 
cetaceo spiaggiato
Maratea, delfino morto trovato tra gli scogli della darsena

Maratea, delfino morto trovato tra gli scogli della darsena

 
Oggi la festa
Potenza, «San Gerard prutettor»: la voce di Michela Sabia  omaggia il Santo Patrono

Potenza, «San Gerard prutettor»: la voce di Michela Sabia omaggia il Santo Patrono

 
L'annuncio
Melfi, Fca conferma investimenti per l'ibrido di Compass e Renegade

Melfi, Fca conferma investimenti per l'ibrido di Compass e Renegade

 

Il Biancorosso

L'INTERVISTA
Fogliazza e i veleni sul Bari: uno sfogo, nulla di personale

Fogliazza e i veleni sul Bari: uno sfogo, nulla di personale

 

NEWS DALLE PROVINCE

Barifase 2
Bari, distanze non rispettate: sanzionato titolare locale quartiere Murattiano

Bari, distanze non rispettate: sanzionato titolare locale quartiere Murattiano

 
PotenzaVIOLENZA
Lagonegro, tentò di violentare la figlia dell'amante, condannato

Lagonegro, tentò di violentare la figlia dell'amante, condannato

 
BrindisiFASE 2
Brindisi, contrordine, ordinanza sospesa: locali aperti anche dopo mezzanotte

Brindisi, contrordine, ordinanza sospesa: locali aperti anche dopo mezzanotte

 
LecceIL DIBATTITO
Lecce, su rete 5g esperti al lavoro

Lecce, su rete 5g esperti al lavoro

 
BatLA PROTESTA
Borgovilla, ancora chiuso il mercato settimanale

Barletta Borgovilla, ancora chiuso il mercato settimanale

 
Foggiaoperazione «Ares»
A San Severo mafia, droga e racket in 37 chiedono il rito abbreviato

San Severo, mafia, droga e racket: 37 chiedono rito abbreviato

 
MateraArte
Fase 2 a Matera, riaprono i siti delle chiese rupestri nei Sassi

Fase 2 a Matera, riaprono i siti delle chiese rupestri nei Sassi

 
TarantoIl siderurgico
Arcelor Mittal, parlamentari M5s: «Chiarire rinvio prescrizione Aia»

Arcelor Mittal, parlamentari M5s: «Chiarire rinvio prescrizione Aia»

 

i più letti

I dati

Basilicata, abusi edilizi in calo: ma va giù solo 1 su 4

Sono 946 le ordinanze di demolizione emesse in Regione negli ultimi 15 anni: solo 224 sono state eseguite

Basilicata, abusi edilizi in calo: ma va giù solo 1 su 4

In Basilicata, nel periodo 2004-2018, a fronte di 946 ordinanze emesse per la demolizione di immobili riconosciuti come abusivi, ne sono state eseguite solo 224. Il dato è contenuto nel dossier di Legambiente, «Abbatti l’Abuso», che fotografa lo stato dell’arte in tutta Italia sul fenomeno dell’abusivismo edilizio e del rispetto delle procedure previste dalla legge. Nonostante questo non lusinghiero risultato, però, la Basilicata non può certo dirsi ai vertici della classifica nazionale, che è saldamente in mano a Campania, Sicilia, Puglia e Calabria.

Ma in cosa si concreta solitamente l’abusivismo edilizio? Negli ampliamenti volumetrici degli immobili regolari, fatti di terrazzi, vani accessori, parcheggi e tettoie. Oppure nelle realizzazioni in aperta campagna, dove, al posto di magazzini agricoli, sorgono ville e impianti sportivi. Non mancano, poi, i bilocali con bagno e cucina realizzati nei seminterrati o al posto di garage e magazzini commerciali.

Nello stesso periodo, a Potenza città, sono state emesse 461 ingiunzioni, per le quali sono state effettuate 100 demolizioni «in proprio», cioè direttamente dal soggetto che ha commesso l’abuso, e 24 d’ufficio, vale a dire da parte del Comune, che poi ha agito in rivalsa. Infine, solo 2 le acquisizioni gratuite al patrimonio immobiliare comunale, in seguito alla totale inerzia del responsabile dell’abuso.

Stando ai dati fornitici dal responsabile dell’Unità operativa controllo del territorio del Comune di Potenza, Carlo Giordano, nel 2018 nel capoluogo di regione, a fronte di 42 esposti pervenuti, ne sono stati evasi 31, mentre sono stati 37 i referti tecnici posti in essere; 6 le ingiunzioni di demolizione per assenza di permesso a costruire (articolo 31 Dpr 380-01); 4 quelle per interventi di ristrutturazione edilizia (articolo 33); una per interventi abusivi su aree pubbliche (articolo 35). Per l’effetto, le sanzioni pecuniarie comminate nel complesso ammontano a poco meno di 28mila euro, mentre sono stati recuperati per spese di demolizione quasi 60mila euro.

Ma qual è l’andamento dell’abusivismo, in Italia e in Basilicata? Legambiente riferisce che rispetto al boom degli ultimi decenni del secolo scorso, l’abusivismo non è scomparso ma ha solo «scelto di non dare troppo nell’occhio: è diventato una pratica più subdola e quindi meno facile da individuare». In questo anche facilitato dalle restrizioni dei condoni, in particolare quelli del 1994 e del 2003, che hanno escluso gli immobili nelle aree a vincolo. L’abusivismo, dunque, vive.

E segue, in generale, una prassi prevalente. Quella di avviare i lavori con le «carte in regola». In questo caso le opzioni sono due: avere ottenuto i permessi per costruire sulla base di false dichiarazioni, oppure scegliere di proseguire i lavori in difformità dai permessi, aumentando e spostando le cubature o modificando la natura degli immobili, sperando di farla franca. Nel 2018 ci sono state in Italia 3.908 infrazioni, una media di 10,7 ogni 24 ore, con denunce per 4.977 persone.

Il dato è in leggera flessione rispetto all’anno precedente, ma testimonia come l’edilizia, anche quella “in nero”, abbia ricominciato a lavorare. Cresciuto, infine, anche il numero degli arresti, da 11 a 48, e quello dei sequestri, salito da 1.166 a 1.178.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie