Mercoledì 26 Giugno 2019 | 23:52

NEWS DALLA SEZIONE

Graduation day Unibas
Potenza, la Giornata del laureato in stile college: 130 nuovi "dottori"

Potenza, la Giornata del laureato in stile college: 130 nuovi "dottori"

 
L'inchiesta
Potenza, raccolta abusiva di scommesse: sequestro in una ricevitoria

Potenza, raccolta abusiva di scommesse: sequestro in una ricevitoria

 
La nomina
Potenza, ecco la giunta di Guarente: 4 donne in squadra

Potenza, ecco la giunta di Guarente: 4 donne in squadra

 
Nel potentino
Melfi, rubano 110 pannelli fotovoltaici: denunciati 3 cittadini del Burkina Faso

Melfi, rubano 110 pannelli fotovoltaici: denunciati 3 cittadini del Burkina Faso

 
L'episodio 2 anni fa
Potenza, tentò di violentare una 20enne al parco, nigeriano a processo

Potenza, tentò di violentare una 20enne al parco, nigeriano a processo

 
Arrestato
Picerno, minaccia di morte ex moglie e la spinge

Picerno, minaccia di morte ex moglie e la spinge: in manette

 
Cassazione
Melfi, ucciso e fatto pezzi: annullamento bis condanna presunti killer

Melfi, ucciso e fatto pezzi: annullamento bis condanna presunti killer

 
Occupazione
Melfi, Fca annuncia stop produzione in 30 turni. Uilm preoccupata

Melfi, Fca annuncia stop produzione in 30 turni. Uilm preoccupata

 
Ospedale San Carlo
Potenza. allarme a Neonatologia: ci sono solo 5 medici in reparto

Potenza, allarme a Neonatologia: ci sono solo 5 medici in reparto

 
I dati
Basilicata, abusi edilizi in calo: ma va giù solo 1 su 4

Basilicata, abusi edilizi in calo: ma va giù solo 1 su 4

 
Alle 5.50
Potenza, scossa di terremoto di magnitudo 2.9

Potenza, scossa di terremoto di magnitudo 2.9

 

Il Biancorosso

CALCIO MERCATO
Machach, talento francese del Napoliè l'ultima idea intrigante del Bari

Machach, talento francese del Napoli è l'ultima idea intrigante del Bari

 

NEWS DALLE PROVINCE

LecceIl caso
Lecce, ergastolano tenta di uccidere compagno di cella: è in coma

Lecce, ergastolano tenta di uccidere compagno di cella: è in coma

 
BariA Japigia
Bari, morti da roghi ex discarica: famiglie si oppongono ad archiviazione

Bari, morti da roghi ex discarica: famiglie si oppongono ad archiviazione

 
FoggiaLa tragedia
Foggia, muore infilzato nel cancello della Sapienza: in centinaia ai funerali

Foggia, muore infilzato nel cancello della Sapienza: in centinaia ai funerali

 
Potenza Graduation day Unibas
Potenza, la Giornata del laureato in stile college: 130 nuovi "dottori"

Potenza, la Giornata del laureato in stile college: 130 nuovi "dottori"

 
TarantoIl siderurgico
Taranto, la minaccia di Mittal: «Senza immunità, a settembre si chiude»E intanto parte il Cig per 1400 operai

Taranto, la minaccia di Mittal: «Senza immunità, il 6 settembre si chiude».
Di Maio: no a ricatti. Salvini: no chiusura

 
GdM.TVIl rogo
Torre Guaceto, incendio minaccia la Riserva:  interviene il Canadair

Torre Guaceto, incendio minaccia la Riserva: distrutti tre ettari

 
MateraGiustizia
Potenza-Matera, scoppia la guerra delle toghe

Potenza-Matera, scoppia la guerra delle toghe

 
BatIl caso
Barletta, tentano di rubare la pensione ad anziana: arrestati

Barletta, tentano di rubare la pensione ad anziana: arrestati

 

i più letti

Mobilità

Trasporti pubblici lucani, fondi ordinari ma pochi bus: mancano 200 mezzi

Da Roma 60 milioni sui 75 annui. Solo a luglio i primi mezzi nuovi

Trasporti, «servizi a chiamata»  per salvare i piccoli comuni

POTENZA - Trasporto pubblico locale in Basilicata, arrivano i fondi ma i problemi restano. Specie per il trasporto su gomma. La notizia del finanziamento di circa sessanta milioni di euro che il ministero ha reso fruibile come anticipo dell’ottanta per cento della complessiva somma di circa settantacinque milioni di euro, se, da un lato, rappresenta un elemento di tranquillità, anche se va detto che la somma citata non è altro che la quota annuale ordinaria che lo Stato riversa alla nostra regione, dall’altro, però, non risolve certo tutte le problematiche esistenti. Che, in questa fase, sono soprattutto relative ai mezzi cosiddetti «Euro Zero», cioè a quei bus immatricolati quasi tutti prima del 31 dicembre del 1992, che rientrano nelle categorie M2 e M3, alimentati a benzina o gasolio Euro zero. Mezzi che, come è noto, a partire dal 1° gennaio 2019 non possono più circolare.

Su questo, infatti, l’annunciata fruibilità della somma che il ministro dei Trasporti, Danilo Toninelli, ha enfaticamente annunciato, non incide in alcun modo. Lasciando aperti quindi tutti i problemi, ma non solo. In attesa che venga finanziata anche la restante parte di competenza statale (circa quindici milioni di euro), infatti, quella somma non copre neanche il fabbisogno totale che la Regione Basilicata deve garantire annualmente per il comparto, che si attesta sui centodieci milioni. Insomma, non solo non c’è nulla di eccezionale nell’arrivo di siffatti fondi, quanto, soprattutto, le somme citate servono solo a coprire una parte del fabbisogno e, come detto, non incidono sul rinnovo del parco mezzi.
Parliamo di circa duecento mezzi obsoleti che sono già andati pensione e che, stando a quanto dichiarato sia dalle aziende del Cotrab che dallo stesso assessore regionale ai Trasporti, Carmine Miranda Castelgrande, potranno in parte essere sostituiti materialmente non prima di giugno-luglio. Solo in estate, infatti, arriveranno i nuovi mezzi (una sessantina) per i quali ci sono state già le offerte vincolanti delle aziende. Poi bisognerà capire come arrivare a coprire tutti e duecento i bus andati in pensione e, soprattutto, con quali fondi e in quanto tempo.

Nel frattempo, le trentacinque aziende del trasporto pubblico locale su gomma hanno un ulteriore problema, sebbene in questa fase si manifesti «solo» sotto forma di rischio: i mezzi «Euro Zero» sono stati sostituiti in larghissima parte da mezzi che, solitamente, erano in magazzino, destinati a essere utilizzati solo in caso di guasto dei bus in servizio. Morale della favola? Qualora un mezzo di una qualsivoglia linea dovesse andare in panne, c’è il concreto rischio che le aziende non abbiano in magazzino mezzi sostitutivi. Il che vuol dire che potrebbe anche configurarsi l’interruzione di un pubblico servizio, tenuto conto che il tpl è, appunto, un servizio pubblico che va assicurato senza se e senza ma.
La speranza, dunque, è che, pur viaggiando a vista, il settore mantenga l’attuale stato di autosufficienza senza incappare in situazioni preoccupanti. E, soprattutto, senza incorrere nuovamente in episodi purtroppo già registrati come fiamme a bordo, bus in panne o situazioni simili, già abbondantemente viste sulle nostre strade.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie