Lunedì 25 Marzo 2019 | 20:47

NEWS DALLA SEZIONE

Quote rosa
Regionali, una donna in Regione dopo 10 anni: è una 33enne della Lega

Regionali, una donna in Regione dopo 10 anni: è una 33enne della Lega

 
Elezioni
Regionali Basiicata, ecco il nuovo Consiglio: ritorna Pittella, confermati 5 su 20

Regionali Basilicata, ecco il nuovo Consiglio: ritorna Pittella, confermati 5 su 20

 
I risultati
Regionali Basilicata, M5s primo partito con il 20%, a seguire la Lega, Pd all'8%

Regionali Basilicata, M5s primo partito con il 20%, a seguire la Lega, Pd all'8%

 
La regionali
Basilicata, centrodestra verso la vittoria. Exit poll: Bardi avanti (38-42%), tonfo del M5S

Basilicata al centrodestra: centrosinistra «sfrattato» dopo 24 anni, tonfo M5S 
Bardi: «Scritta la storia». Pittella rieletto

 
Si vota dalle 7 alle 23
Elezioni regionali in Basilicata, urne aperte: si vota dalle 7 alle 23

Regionali, le elezioni in Basilicata
Alle 19 affluenza circa 40% FOTO

 
Verso il voto
Basilicata, in allestimento i seggi elettorali per 573mila elettori

Basilicata, in allestimento i seggi elettorali per 573mila elettori

 
Energia e polemiche
Basilicata, un colpo di coda sull’eolico raddoppiata la potenza

Basilicata, un colpo di coda sull’eolico raddoppiata la potenza

 
La foto
Elezioni Basilicata, bufera su Trerotola: il candidato presidente del c.sinistra tesserato con Msi

Elezioni Basilicata, bufera su Trerotola: il candidato presidente del c.sinistra tesserato con Msi

 
Il caso
Elezioni in Basilicata, spuntano 5 impresentabili per l'Antimafia

Elezioni in Basilicata, spuntano 5 «impresentabili» per l'Antimafia

 
Fondi Europa-Regioni
Basilicata, in arrivo 5 mln per un nuovo Hospice a Potenza

Basilicata, in arrivo 5 mln per un nuovo Hospice a Potenza

 

Il Biancorosso

LA PARTITA
Il meglio di Palmese-Baritutte le emozioni biancorosse

Il meglio di Palmese-Bari
tutte le emozioni biancorosse

 

NEWS DALLE PROVINCE

PotenzaQuote rosa
Regionali, una donna in Regione dopo 10 anni: è una 33enne della Lega

Regionali, una donna in Regione dopo 10 anni: è una 33enne della Lega

 
TarantoInquinamento ex Ilva
Il Comune di Taranto discute di ambiente: presente Emiliano

Il Comune di Taranto discute dell'aumento della diossina: presente Emiliano

 
LecceLa protesta
Xylella a Lecce, i no Tap manifestano contro Lezzi: «Lei ci tradì, evviva Marco Poti»

Xylella a Lecce, i no Tap manifestano contro Lezzi: «Lei ci tradì, evviva Marco Poti»

 
HomeL'operazione dei cc
Margherita di Savoia, rapina una farmacia e poi fugge su auto rubata: arrestato 41enne

Margherita di Savoia, rapina una farmacia e poi fugge su auto rubata: arrestato 41enne

 
GdM.TVLo spettacolo sportivo
Matera 2019, Fiona May in scena stasera con «Maratona di New York»

Matera 2019, Fiona May in scena stasera con «Maratona di New York»

 
HomeIl caso
Bari, acido caustico al posto del succo: grave bimbo di 5 anni

Gioia del Colle, beve al bar acido caustico al posto del succo: grave bimbo di 5 anni

 
HomeL'inchiesta
La crudeltà il vero volto della mafia del Foggiano: 9 morti su 10

La crudeltà il vero volto della mafia del Foggiano: 9 morti su 10

 
BrindisiI funerali
L’addio a Davide, Sara e Giulia: tre comunità del Brindisino unite dal dolore

L’addio a Davide, Sara e Giulia: tre comunità del Brindisino unite dal dolore

 

Mobilità

Trasporti pubblici lucani, fondi ordinari ma pochi bus: mancano 200 mezzi

Da Roma 60 milioni sui 75 annui. Solo a luglio i primi mezzi nuovi

Trasporti, «servizi a chiamata»  per salvare i piccoli comuni

POTENZA - Trasporto pubblico locale in Basilicata, arrivano i fondi ma i problemi restano. Specie per il trasporto su gomma. La notizia del finanziamento di circa sessanta milioni di euro che il ministero ha reso fruibile come anticipo dell’ottanta per cento della complessiva somma di circa settantacinque milioni di euro, se, da un lato, rappresenta un elemento di tranquillità, anche se va detto che la somma citata non è altro che la quota annuale ordinaria che lo Stato riversa alla nostra regione, dall’altro, però, non risolve certo tutte le problematiche esistenti. Che, in questa fase, sono soprattutto relative ai mezzi cosiddetti «Euro Zero», cioè a quei bus immatricolati quasi tutti prima del 31 dicembre del 1992, che rientrano nelle categorie M2 e M3, alimentati a benzina o gasolio Euro zero. Mezzi che, come è noto, a partire dal 1° gennaio 2019 non possono più circolare.

Su questo, infatti, l’annunciata fruibilità della somma che il ministro dei Trasporti, Danilo Toninelli, ha enfaticamente annunciato, non incide in alcun modo. Lasciando aperti quindi tutti i problemi, ma non solo. In attesa che venga finanziata anche la restante parte di competenza statale (circa quindici milioni di euro), infatti, quella somma non copre neanche il fabbisogno totale che la Regione Basilicata deve garantire annualmente per il comparto, che si attesta sui centodieci milioni. Insomma, non solo non c’è nulla di eccezionale nell’arrivo di siffatti fondi, quanto, soprattutto, le somme citate servono solo a coprire una parte del fabbisogno e, come detto, non incidono sul rinnovo del parco mezzi.
Parliamo di circa duecento mezzi obsoleti che sono già andati pensione e che, stando a quanto dichiarato sia dalle aziende del Cotrab che dallo stesso assessore regionale ai Trasporti, Carmine Miranda Castelgrande, potranno in parte essere sostituiti materialmente non prima di giugno-luglio. Solo in estate, infatti, arriveranno i nuovi mezzi (una sessantina) per i quali ci sono state già le offerte vincolanti delle aziende. Poi bisognerà capire come arrivare a coprire tutti e duecento i bus andati in pensione e, soprattutto, con quali fondi e in quanto tempo.

Nel frattempo, le trentacinque aziende del trasporto pubblico locale su gomma hanno un ulteriore problema, sebbene in questa fase si manifesti «solo» sotto forma di rischio: i mezzi «Euro Zero» sono stati sostituiti in larghissima parte da mezzi che, solitamente, erano in magazzino, destinati a essere utilizzati solo in caso di guasto dei bus in servizio. Morale della favola? Qualora un mezzo di una qualsivoglia linea dovesse andare in panne, c’è il concreto rischio che le aziende non abbiano in magazzino mezzi sostitutivi. Il che vuol dire che potrebbe anche configurarsi l’interruzione di un pubblico servizio, tenuto conto che il tpl è, appunto, un servizio pubblico che va assicurato senza se e senza ma.
La speranza, dunque, è che, pur viaggiando a vista, il settore mantenga l’attuale stato di autosufficienza senza incappare in situazioni preoccupanti. E, soprattutto, senza incorrere nuovamente in episodi purtroppo già registrati come fiamme a bordo, bus in panne o situazioni simili, già abbondantemente viste sulle nostre strade.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400