Venerdì 16 Novembre 2018 | 09:22

NEWS DALLA SEZIONE

Sanità
Potenza, stop dialisi fino a gennaioScoppia il caso dei tetti di spesa

Potenza, stop dialisi fino a gennaio
Scoppia il caso dei tetti di spesa

 
Deposito atomico
Basilicata in prima fila tra nucleare e petrolio

Basilicata in prima fila tra nucleare e petrolio

 
Violazioni tributarie
Potenza, emettevano fatture inesistenti: sequestrati beni per 205mila euro

Potenza, emettevano fatture inesistenti: sequestrati beni per 205mila euro

 
Il caso
Potenza, nascondeva la cocaina sul camion della frutta: un arresto

Potenza, nascondeva la cocaina sul camion della frutta: un arresto

 
Il vademecum
Potenza, truffe anziani: ecco come evitarle

Potenza, truffe anziani: ecco come evitarle

 
Rimedi antigravidanza «hot»
Potenza, farmacista «spione»: chiesta la condanna a 9 anni e 4 mesi

Potenza, farmacista «spione»: chiesta condanna a 9 anni e 4 mesi

 
Evasione
Potenza, non dichiara 110mila euro: individuato dalla GdF

Potenza, non dichiara 110mila euro: individuato dalla GdF

 
Su rete stradale e autostradale
Ponti e viadotti, nel Potentinonon c'è nessuna criticità

Ponti e viadotti, nel Potentino
non c'è nessuna criticità

 
L'indagine
Rionero, spaccio di droga tra gli studenti: indagati tre ragazzi

Rionero, spaccio di droga tra gli studenti: indagati tre ragazzi

 
A san fele
Incendiò l'auto della mamma della ex: 25enne arrestato per stalking nel Potentino

Incendiò l'auto dell'ex suocera: 25enne arrestato per stalking

 
Regione Basilicata
Pensioni, Regione a rischio stopcon «quota 100» via 450 addetti

Pensioni, Regione a rischio stop con «quota 100» via 450 addetti

 
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno

Rimedi antigravidanza «hot»

Potenza, farmacista «spione»: chiesta condanna a 9 anni e 4 mesi

Accusato di violenza sessuale aggravata e continuata: otto le pazienti filmate in bagno mentre si masturbavano (assistite da Telefono Donna) e individuate dal giudizio che si celebra col rito abbreviato

farmacia

POTENZA - Altro che bravata, altro che goliardata. Ieri il Pm Veronica Calcagno ha chiesto una condanna a 9 anni e 4 mesi di reclusione per il farmacista potentino Rodolfo Perri (detto Rudy) di 60 anni già titolare della farmacia di piazza Sedile (a una decina di metri dal portone del Comune) accusato di violenza sessuale aggravata e continuata per aver indotto delle pazienti che si erano rivolte a lui per chiedere consigli professionali, ad esempio come evitare una gravidanza indesiderata dopo un rapporto a rischio, a masturbarsi nel gabinetto della sua farmacia mentre, di nascosto, le riprendeva.
Una richiesta avanzata al Gup Rosa Maria Verrastro, che il 30 novembre, dopo aver sentito gli avvocati difensori Leonardo Pace e Giampaolo Magnante, dovrà emettere la sentenza a seguito del processo con rito abbreviato, e che rende in cifre la gravità della vicenda secondo l’accusa. Il calcolo della pena, infatti, è partito da 14 anni per ridursi in virtù dello sconto di pena riconosciuto per la scelta del rito alternativo. Ma, alla fine, il risultato è comunque pesante e rende chiaro che, in caso di accoglimento della richiesta del Pm, una condanna di questo tipo, divenuta definitiva, farebbe inesorabilmente aprire le porte del carcere.

Il caso, del resto, per come ricostruito dall’accusa la su gravità la mostra sicuramente sia perché «abitudinario»; nel senso di protratto nel tempo, sia perché avrebbe coinvolto anche una ragazza minorenne e, ancora, perché Perri avrebbe approfittato del fatto che le giovani donne si affidavano a lui come professionista per abusarne.
Un cliché tutto sommato ben «rodato»: quando un donna in preda al panico si rivolgeva a lui temendo di aver avuto un rapporto sessuale che potesse preludere alla gravidanza, o perché non protetto o perché qualcosa era andato storto, lui la rassicurava dicendo di avere la soluzione e la invitava, per questo, a passare presso la su farmacia in orario di non apertura al pubblico. Una volta all’appuntamento la vittima sarebbe stata invitata prima ad effettuare un test delle urine, con un tester che lo stesso farmacista avrebbe tenuto in mano, e successivamente ad applicare un preparato galenico fatto dallo stesso Perri a cui venivano attribuite potenzialità spermicide, che avrebbe però funzionato solo se preceduto da atti di autoerotismo e masturbazione da fare stesso nel bagnetto della farmacia.
Fu al termine di una di queste operazioni che una delle 8 vittime individuate dalle indagini si sarebbe accorta della presenza nel bagno di una chiavetta usb con telecamera nascosta che filmava tutto e avrebbe, così, sporto denuncia facendo scattare le indagini.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400