Venerdì 18 Gennaio 2019 | 22:53

NEWS DALLA SEZIONE

Nel potentino
Articoli tossici: 37mila prodotti sequestrati a Viggiano

Articoli tossici: 37mila prodotti sequestrati a Viggiano

 
La decisione
Regionali, il centrosinistra alle primarie il 10 febbraio per scegliere il candidato

Regionali, il centrosinistra alle primarie il 10 febbraio per scegliere il candidato

 
Emergenza maltempo
Neve a Potenza, sindaco chiude le scuole, pioggia di insulti su Facebook

Neve a Potenza, sindaco chiude le scuole, pioggia di insulti su Facebook

 
Il giallo
Potenza, neonato muore al San Carlo: avviata indagine interna

Potenza, neonato muore al San Carlo: avviata indagine interna

 
La decisione del Tribunale
Elezioni in Basilicata, Tar accoglie ricorso M5S: «Non si voterà a maggio»

Elezioni in Basilicata, Tar accoglie ricorso M5S: «Non si voterà a maggio»

 
Giustizia e ambiente
Potenza, Petrolgate uno scudo contro la prescrizione

Potenza, Petrolgate uno scudo contro la prescrizione

 
Allerta meteo
Maltempo in Basilicata: domani scuole chiuse a Potenza

Migliora il maltempo in Basilicata: revocato divieto mezzi pesanti

 
Emergenza maltempo
Manca il sale per le strade, provincia Potenza chiede risorse

Manca il sale per le strade, provincia Potenza chiede risorse

 
Il concorso della gazzetta
Basilicata, il presepe più social che c’è: vince Mario Bochicchio

Basilicata, il presepe più social che c’è: vince Mario Bochicchio

 
Servizi di assistenza
Basilicata, la spesa sociale qui langue: 60 euro contro 116 nazionali

Basilicata, la spesa sociale qui langue: 60 euro contro 116 nazionali

 

Scuola

Potenza, classe col metodo Montessori: è la prima in Basilicata

La cerimonia di inaugurazione nell'Istituto Sinisgalli

Potenza, classe col metodo Montessori: è la prima in Basilicata

(foto Tony Vece)

Sono 46 i bambini della scuola d’infanzia con un’età compresa tra i 3 e i 6 anni che a Potenza aderiranno alla concezione scolastica del metodo Montessori. Ieri, in una cerimonia ufficiale, si è tenuta l’inaugurazione della classe Montessori nella scuola primaria di via Anzio dell’istituto Comprensivo «L. Sinisgalli» del capoluogo lucano. Nella specie sono state inaugurate nel pomeriggio nella scuola dell’infanzia di Malvaccaro dell’istituto comprensivo Sono «Sinisgalli» di Potenza la Casa dei bambini, le prime sezioni dell’infanzia statali ad indirizzo Montessori in Basilicata. Il progetto prevede per il prossimo anno scolastico di potenziare il servizio con una ulteriore sezione e l’apertura di una prima classe primaria. Presente, tra gli altri, al taglio del nastro Vito De Filippo, ex sottosegretario di Stato all’Istruzione. «L’approccio montessoriano si fonda sul profondo rispetto dei bambini lavorando in collaborazione diretta con loro – ha spiegato la dirigente scolastica, Giovanna Gallo – anche il movimento e l’apprendimento sono interdipendenti poiché i piccoli decidono dove stare e si possono muovere liberamente senza una precisa autorizzazione della maestra. Il bambino assorbe con una grande facilità tutto ciò che lo circonda attraverso i sensi, infatti, la Montessori ha messo a punto una serie di materiali ed oggetti con i quali, il piccolo, riesce ad acquisire abilità specifiche attraverso il gioco e la sperimentazione manuale». «Nella concezione di Montessori, l’educazione non è un episodio della vita: essa dovrebbe cominciare con la nascita e durare così a lungo come la vita stessa. L’educazione è concepita da lei non soltanto come una trasmissione di cultura, ma piuttosto come un aiuto alla vita in tutte le sue espressioni». Queste parole di Mario M. Montessori sintetizzano lo spirito che informa tutto l’approccio educativo montessoriano e ne segnano la differenza rispetto all’istruzione tradizionale. La finalità di questo approccio non è solo quella di «istruire» per «trasmettere cultura», immettendo informazioni e nozioni disciplinari come avviene nella scuola tradizionale. La finalità è, invece, quella di e-ducare (portare fuori) il potenziale di cui ciascun individuo dispone, aiutandolo ad esprimersi al meglio in tutte le espressioni della vita e lungo tutto il suo percorso. Ma cosa significa per un genitore affidare il proprio bambino ad un metodo sì riscoperto, ma di cui si devono recuperare le tracce e che occorre attualizzare? Gli insegnanti sono convinti della solidità pedagogica del sistema e ringraziano i genitori che si sono affidati a questo nuovo ciclo: «Il metodo parte dai bisogni e dalle aspettative di ogni singolo bambino. L’obiettivo, del tutto naturale e spontaneo, è quello di portare alla ribalta la loro identità pedagogica», spiegano gli insegnanti del Sinisgalli.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400