Mercoledì 23 Gennaio 2019 | 23:17

NEWS DALLA SEZIONE

Verso le elezioni
Basilicata al voto, Lacorazza (Pd) si candida

Basilicata al voto, Lacorazza (Pd) si candida

 
Elezioni
Regionali, Basilicata al voto il 23 marzo: firmato il decreto

Regionali, Basilicata al voto il 24 marzo: firmato il decreto

 
Allarme analfabetismo digitale
Basilicata, a rischio «ghetto»: in 2 famiglie su 10 nessuno sa usare il web

Basilicata, a rischio «ghetto»: in 2 famiglie su 10 nessuno sa usare il web

 
A Lauria
In auto 120grammi di marijuana: 2 arresti nel Potentino

In auto 120grammi di marijuana: 2 arresti nel Potentino

 
Nel potentino
Articoli tossici: 37mila prodotti sequestrati a Viggiano

Articoli tossici: 37mila prodotti sequestrati a Viggiano

 
La decisione
Regionali, il centrosinistra alle primarie il 10 febbraio per scegliere il candidato

Regionali, il centrosinistra alle primarie il 10 febbraio per scegliere il candidato

 
Emergenza maltempo
Neve a Potenza, sindaco chiude le scuole, pioggia di insulti su Facebook

Neve a Potenza, sindaco chiude le scuole, pioggia di insulti su Facebook

 
Il giallo
Potenza, neonato muore al San Carlo: avviata indagine interna

Potenza, neonato muore al San Carlo: avviata indagine interna

 
La decisione del Tribunale
Elezioni in Basilicata, Tar accoglie ricorso M5S: «Non si voterà a maggio»

Elezioni in Basilicata, Tar accoglie ricorso M5S: «Non si voterà a maggio»

 
Giustizia e ambiente
Potenza, Petrolgate uno scudo contro la prescrizione

Potenza, Petrolgate uno scudo contro la prescrizione

 

Nel Potentino

Venosa, 12 arresti per droga. Procura: «Preoccupante sinergia criminalità lucana-foggiana»

Perfettamente organizzati per il traffico di cocaina, eroina, hashish e marijuana: tre sono in carcere e 9 ai domiciliari con braccialetto elettronico

Spaccio, i clan da Materaallo Jonio: 44 indagati

Un sequestro di droga dei Cc

Accusate di far parte di un’associazione per delinquere «dedita ad un frenetico traffico di sostanze stupefacenti» con base a Venosa (Potenza), 12 persone sono state arrestate stamani dai Carabinieri (tre sono in carcere e nove ai domiciliari con il braccialetto elettronico).
I militari hanno notificato anche dieci divieti di dimora a Venosa, emessi dal gip presso il Tribunale di Potenza. Il clan - secondo l’accusa - trafficava in cocaina, eroina, hashish e marijuana, sostanze acquistate in provincia di Foggia e spacciate nel Potentino. I Carabinieri hanno sottolineato i "criteri tipicamente 'imprenditoriali' di programmazione e gestione dell’illecita intermediazione degli stupefacenti», in particolare nella ripartizione dei proventi dello spaccio, nella diversificazione dei ruoli nell’organizzazione, nella determinazione dei prezzi e nelle condizioni per «allungare» i pagamenti. Al vertice del gruppo, secondo gli investigatori, c'era il 47enne Antonio Scoca che garantiva un continuo rifornimento di stupefacente ai vari associati/rivenditori al dettaglio "esercitando la proprio indiscussa autorità - si legge in un comunicato della Procura - anche mediante l'uso della forza e minacce".

L’inchiesta denominata «Turn over» ha portato alla luce «una allarmante sinergia fra la criminalità organizzata lucana e quella operante nel limitrofo circondario foggiano».
È quanto pensa la Procura della Repubblica di Potenza, che ha coordinato le indagini dei Carabinieri. Gli investigatori hanno accertato almeno altri tre aspetti. Il primo, che «desta particolare allarme sociale», riguarda «diversi episodi di spaccio che avvenivano in prossimità di luoghi di aggregazione giovanile"; il secondo si riferisce al fatto che alcuni degli arrestati - e «associati» al clan - sono «poco più che ventenni che, grazie all’'expertise' delinquenziale trasmesso dal vertice dell’associazione, manifestano già una caratura criminale di rilievo ed un crescente ruolo nell’attività di spaccio». Infine, terzo aspetto, «è emerso purtroppo l’impiego, in talune attività illecite, anche di tre soggetti minorenni».
Dal punto di vista dell’impiego di giovani poco più che ventenni, «le indagini hanno disvelato un graduale 'ricambio' dei circuiti dello stupefacente nel territorio venosino e l'allarmante compresenza di 'veterani' e di figure 'emergenti', che ha reso necessario un tempestivo intervento cautelare»

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400