Mercoledì 20 Febbraio 2019 | 18:31

NEWS DALLA SEZIONE

L'analisi
Badante di condominio: la creatività dei lucani

Badante di condominio: la creatività dei lucani

 
In Basilicata
Elezioni, Carmen Lasorella rinuncia alla candidatura

Elezioni, Carmen Lasorella rinuncia alla candidatura

 
La nomina
Basilicata, Berlusconi presenta il candidato unico del centro destra: è Bardi

Basilicata, Bardi candidato unico del centrodestra

 
Mobilità
Trasporti pubblici lucani, fondi ordinari ma pochi bus: mancano 200 mezzi

Trasporti pubblici lucani, fondi ordinari ma pochi bus: mancano 200 mezzi

 
Dal gip di Potenza
Lavello, donna di mezza età in crisi col marito amava «partner» under 18: condannata

Lavello, donna 40enne in crisi col marito amava «partner» under 18: condannata

 
Nel potentino
Francavilla in Sinni, crolla tetto di casa, madre e figlio in ospedale, uomo ancora sotto le macerie

Francavilla in Sinni: crolla tetto di casa, 3 persone estratte vive, grave un uomo

 
Fotoreporter ferito
Il San Carlo si offre di curare l'occhio di Micalizzi

Il San Carlo si offre di curare l'occhio di Micalizzi

 
L'invito
Potenza, l'ospedale San Carlo si offre di curare il reporter ferito in Siria

Potenza, l'ospedale San Carlo si offre di curare il reporter ferito in Siria

 
«È un piano senza effetti»
Basilicata, stop inceneritori nel 2020: Tar boccia ricorso ex Fenice

Basilicata, stop inceneritori nel 2020: Tar boccia ricorso ex Fenice

 
criminalità
Mafia lucana fa flop, per l'operazione «Iena» solo due condanne

Mafia lucana, flop per operazione «Iena»: solo 2 condanne

 

NEWS DALLE PROVINCE

HomeDurante il comizio
Bari, la gaffe della leghista Tateo dal palco con Salvini: «Il Pd non aiuta i giovani a prostituirsi»

Bari, la gaffe della leghista Tateo dal palco con Salvini: «Il Pd non aiuta i giovani a prostituirsi»

 
AnalisiL'analisi
Badante di condominio: la creatività dei lucani

Badante di condominio: la creatività dei lucani

 
BatIl caso
Discarica ad Andria, ecco il verbale del «via libera»

Discarica ad Andria, ecco il verbale del «via libera»

 
TarantoDecide il giudice del lavoro
Ex Ilva, ricorso Usb contro ArcelorMittal: udienza rinviata al 19 marzo

Ex Ilva, ricorso Usb contro ArcelorMittal: udienza rinviata al 19 marzo

 
LecceNel mirino della criminalità
Lecce, nuova «sfida» al prete antimafia Don Coluccia

Lecce, nuova «sfida» al prete antimafia Don Coluccia

 
BrindisiIl caso
Brindisi, sfiammata del Petrolchimico: nessun superamento dei limiti

Brindisi, sfiammata del Petrolchimico: nessun superamento dei limiti

 
FoggiaGuerra fra clan
Mafia, agguato per vendicare la morte del boss: un arresto a Foggia

Mafia, agguato per vendicare la morte del boss: un arresto a Foggia

 
MateraUn 21enne materano
Tenta di strozzare madre disabile per avere denaro, arrestato

Tenta di strozzare madre disabile per avere denaro, arrestato

 

s. nicola di melfi

«Grave pericolo per la salute
e acque potabili compromesse»

Sigilli agli impianti di messa in sicurezza dell’inceneritore Il pericolo inquinamento

«Grave pericolo per la salute e acque potabili compromesse»

Francesco Russo

Fortemente sospettato di essere causa di inquinamento. Non solo delle acque industriali e sotterranee. Ma anche di quelle ad uso potabile. Per questo motivo, il termovalorizzatore Rendina Ambiente di San Nicola di Melfi è finito al centro di un procedimento penale. A conclusione di indagini coordinate dalla Procura della Repubblica di Potenza e delegate al Nucleo operativo ecologico (Noe) dei carabinieri è stata data esecuzione ad un’ordinanza emessa dal giudice per le indagini preliminari che ha disposto la misura del divieto di dimora in Basilicata per l’amministratore delegato Luca Alifano ed il sequestro preventivo degli impianti di messa in sicurezza e di bonifica dello stabilimento industriale. Il reato contestato è quello di inquinamento ambientale, mentre le indagini riguardano il termodistruttore per rifiuti speciali - pericolosi e non - fino a poco tempo fa appartenente alla società Fenice e gestito oggi da Rendina Ambiente, nel più importante polo industriale della Basilicata, nell’area di San Nicola di Melfi.

L’impianto di smaltimento tramite incenerimento - ricorda il procuratore Francesco Curcio - è interessato «da una diffusa e storica contaminazione delle falde acquifere sotterranee da inquinanti quali nichel, mercurio, fluoruri, nitriti, tricloroetano, tricloroetilene, tetracloroetilene, bromodiclorometano e dibromoclorometrano», ritenuti tutti «pericolosi e cancerogeni». Nel procedimento panale risulta indagato Luca Alifano in qualità di amministratore delegato di Rendina Ambiente. Sulla base delle indagini svolte dal Noe e di una consulenza tecnica collegiale al manager viene contestato «il delitto di inquinamento per non aver provveduto alla bonifica del sito inquinato» ed in particolare «per aver omesso di predisporre un modello concettuale di bonifica adeguato che tenesse conto che le misure di sicurezza adottate si erano rivelate inefficaci, in quanto vi è stata la diffusione di elementi inquinati all’interno del sito Fenice e nelle aree circostanti, nonché la contaminazione dell’acqua industriale e di quella destinata al consumo umano, concorrendo in tal modo a determinare la grave compromissione della matrice ambientale delle acque sotterranee nelle aree circostanti il sito Rendina Ambiente, nonché la compromissione delle acque potabili con grave pericolo per la salute pubblica».

Si tratta, insomma, di accuse pesantissime, nei confronti di una società da tempo nel mirino di associazioni ambientaliste e delle istituzioni locali, fra cui il Comune di Melfi e la stessa Regione Basilicata. «Tale condotta omissiva - specifica il procuratore della Repubblica del Tribunale di Potenza - ha determinato il protrarsi della compromissione del bene ambientale già accertata nel 2009, ed un ulteriore aggravamento della stessa, come risultato delle analisi acquisite».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400