Giovedì 21 Marzo 2019 | 15:10

NEWS DALLA SEZIONE

Il caso
Elezioni in Basilicata, spuntano 5 impresentabili per l'Antimafia

Elezioni in Basilicata, spuntano 5 impresentabili per l'Antimafia

 
Fondi Europa-Regioni
Basilicata, in arrivo 5 mln per un nuovo Hospice a Potenza

Basilicata, in arrivo 5 mln per un nuovo Hospice a Potenza

 
Regionali 2019
Basilicata, mondo agricolo sul piede di guerra

Basilicata, mondo agricolo sul piede di guerra

 
Le previsioni
Economia: nel 2019-2023 Potenza crescita zero

Economia: nel 2019-2023 Potenza crescita zero

 
Verso le elezioni
Berlusconi operato d'urgenza per ernia inguinale: annullato tour in Basilicata

Berlusconi operato d'urgenza per ernia inguinale: annullato tour in Basilicata

 
I fatti tra il 2017 e il 2018
Potenza, ex dirigente sanitario molestava dipendente: rinviato a giudizio

Potenza, ex dirigente sanitario molestava dipendente: rinviato a giudizio

 
Sanità in Basilicata
Liste di attesa e mobilità, accordo tra aziende lucane: arriva task force

Liste di attesa e mobilità, accordo tra aziende lucane: arriva task force

 
Il rapporto banche.imprese
Sud arretra, l'Obi: ripresa tra 10 anni, a Potenza crescita zero

Sud arretra, l'Obi: ripresa tra 10 anni, a Potenza crescita zero

 
I controlli
Evadevano il fisco per 120mila euro: scoperti in 2 a Maratea

Evadevano il fisco per 120mila euro: scoperti in 2 a Maratea

 
Dall'ispettorato del lavoro
Furbetti dell'assegno di disoccupazione nei campi in Basilicata: denunciati

Furbetti dell'assegno di disoccupazione nei campi in Basilicata: denunciati

 
Il comizio
Melfi, Salvini a contestatori: «Siete 10 sfigati, partigiani si rivolterebbero nella tomba»

Melfi, Salvini a contestatori: «Siete 10 sfigati, partigiani si rivolterebbero nella tomba»

 

Il Biancorosso

LA NOTIZIA
Vi ricordate lo steward della Turris?Condannato a cinque anni di Daspo

Vi ricordate lo steward della Turris?
Condannato a cinque anni di Daspo

 

NEWS DALLE PROVINCE

HomeIl caso
Elezioni in Basilicata, spuntano 5 impresentabili per l'Antimafia

Elezioni in Basilicata, spuntano 5 impresentabili per l'Antimafia

 
HomeIl confronto
Giornata Memoria vittime mafia a Bari, Rita Dalla Chiesa: «Ho speranza nei giovani»

Giornata Memoria vittime mafia a Bari, Rita Dalla Chiesa: «Ho speranza nei giovani»

 
Materail «diplomificio» dello jonio
Policoro, ottenere il diploma? Un sogno al costo di 2.500 euro annui

Policoro, ottenere il diploma? Un sogno al costo di 2.500 euro annui

 
LecceNel Leccese
Trepuzzi: furto al Comune nella notte, rubati 7 computer

Trepuzzi: furto al Comune nella notte, rubati 7 computer

 
BrindisiNel Brindisino
Trovati 2 escavatori nelle campagne: erano stati rubati a Lecce

Trovati 2 escavatori nelle campagne: erano stati rubati a Lecce

 
BatAnalisi e scenari
Commercio agroalimentare nella Bat: «l’export cresce poco»

Commercio agroalimentare nella Bat: «l’export cresce poco»

 
FoggiaCieli aperti
Foggia, droni a go-go Amendola vuole più sicurezza

Foggia, droni a go-go Amendola vuole più sicurezza

 
TarantoNel tarantino
Castellaneta Marina, sequestrato ristorante sulla spiaggia completamente abusivo

Castellaneta Marina, sequestrato ristorante in spiaggia abusivo

 

Potenza

Via Sacra e L.go Pedio «pronti entro l’estate»

Quasi ultimato l’asse parallelo a via Pretoria. Nello spiazzo, «cavea», mercato e area relax

Via Sacra e L.go Pedio «pronti entro l’estate»

POTENZA - Orizzonte in vista. Sicuramente per la «via sacra del centro storico di Potenza (la parallela a via Pretoria che lambisce le chiese) ma probabilmente anche per il contiguo Largo Pedio.

L’asse viario potrebbe essere definitivamente ultimato e interamente aperto già entro Ferragosto, mentre di lì a poco dovrebbe arrivare anche la sistemazione del larghetto. «Entro l’estate» si lascia scappare dopo molte insistenze per avere una data l’assessore ai lavori pubblici Sergio Potenza, ma con la precisazione che si tratta solo di un obiettivo, al netto di sorprese e delle opere che devono realizzare altri.

Ma partiamo dall’asse viario. Alla ultimazione totale dei lavori mancano in tutto una quarantina di metri, non di più. Si tratta del tratto di via Rosica che passa davanti al Tar e congiunge vicolo Giordano Bruno con via Iv Novembre. Non era stato realizzato prima perché utilizzato come «snodo» al fine di consentire sempre la transitabilità veicolare in zona, e ora si è arrivati al dunque.

I lavori sono partiti l’ultima settimana di giugno e, a vedere il cantiere ora fermo, sono già a buon punto. I sottoservizi (acqua, fogna, cavidotti) sono stati ultimati ed è stata fatta la calata di calcestruzzo. Sembrerebbe questione di qualche giorno ma non è così. «Il calcestruzzo deve “maturare” per consolidarsi - spiega l’assessore Potenza - e serve un periodo di riposo di 28 giorni. Senza aspettare ci sarebbe il concreto rischio che al passaggio di un mezzo pesante il piano possa cedere». Così dopo l’attesa si procederà a rimontare le basole di pietra e la strada sarà ultimata mettendo termine a un’opera partita a fine giugno 2016 e per la quale era previsto un termine di 700 giorni che, considerati i tempi di stop imposti dal meteo, possono dirsi rispettati.

Resta invece da ultimare la sistemazione di Largo Pedio, quell’area che non tutti conoscono con questo nome ma è facilmente identificabile come il largo davanti alla porta di San Giovanni. Qui un po’ di tempo è stato portato via dalla selezione di un’idea sul da farsi, un altro po’ servirà per l’esecuzione di lavori non di competenza comunale e poi, trattandosi di un’area antica, c’è sempre l’incognita di ciò che si trova nel sottosuolo: basta un cunicolo fognario sfondato e progetti saltano.

Comunque, stando alle intenzioni, già in questo periodo di stop delle opere in via Rosica dovrebbe procedere il cantiere per realizzare un area, per così dire, trivalente. da una parte una «cavea», ossia un piccolo anfiteatro come nelle iniziali intenzioni del Comune, poi un’area destinata agli agricoltori che effettuano la vendita diretta dei loro prodotti, e, infine, una «zona relax» con una fontanella e alcune sedute.

Il primo problema sul piano dei tempi che, come anticipato, mirano a vedere «l’alba» prima della fine dell’estate, è costituito dalla rottura di una condotta idrica. Un lavoro necessariamente da fare prima e di competenza di Acquedotto Lucano. Non certo una grande opera, ma i tempi di ultimazione condizioneranno necessariamente il resto. Sempre sperando che non ci siano ulteriori sorprese.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400