Martedì 26 Gennaio 2021 | 00:52

Il Biancorosso

Il post-partita
Auteri incontentabile: «Dobbiamo migliorare»

Auteri incontentabile: «Dobbiamo migliorare»

 

NEWS DALLE PROVINCE

Leccela polemica
Lecce, a Palazzo Carafa girata scena di video trap: il Comune si dissocia

Lecce, a Palazzo Carafa girata scena di video trap: il Comune si dissocia

 
Tarantopiano industriale
Mittal Taranto, azienda conferma per il 2021 produzione di 5 milioni di tonnellate d’acciaio

Mittal Taranto, azienda conferma per il 2021 produzione di 5 milioni di tonnellate d’acciaio

 
Homela tragedia
Bari, bambino di 9 anni trovato impiccato in casa a San Girolamo: si ipoitizza suicidio

Bari, bimbo di 9 anni trovato impiccato in casa a San Girolamo: si ipotizza suicidio. Gioco online? «Non sappiamo»

 
FoggiaLa decisione
Foggia, sparò da balcone a Capodanno: convocato Consiglio comunale per sfiducia del presidente

Foggia, sparò da balcone a Capodanno: convocato Consiglio comunale per sfiducia del presidente

 
Potenzamaltempo
Avigliano, a causa del gran vento «impazzisce» pala eolica: intervengono i vigili del fuoco

Avigliano, a causa del gran vento «impazzisce» pala eolica: intervengono i vigili del fuoco

 
Materanel Materano
Marconia, sorpresa a spacciare cocaina e hashish in casa: arrestata 65enne

Marconia, sorpresa a spacciare cocaina e hashish in casa: arrestata 65enne

 
Covid news h 24Emergenza contagi
Ceglie Messapica, focolaio Covid in un scuola media con 18 positivi: 13 studenti e 5 docenti

Ceglie Messapica, focolaio Covid in un scuola media con 18 positivi: 13 studenti e 5 docenti

 
Batviabilità
Andria, lavori infiniti sulla Sp 231 aumentano disagi e pericoli

Andria, lavori infiniti sulla Sp 231 aumentano disagi e pericoli

 

i più letti

La Malfa, la passione politica un'eredità

ROMA - La sua passione per la politica è un'eredità di famiglia. Figlio di Ugo La Malfa, leader storico del Partito repubblicano, tra i padri fondatori della Repubblica italiana, Giorgio La Malfa nasce a Milano il 13 ottobre 1939. Laureato negli Usa in giurisprudenza ed economia politica, segue il padre nel percorso politico. Entra in Parlamento nel 1972, a 33 anni. Negli anni Settanta rimane comunque piuttosto nell'ombra. Ha posizioni più moderate rispetto a quelle del padre, convinto sostenitore dell'intesa con i comunisti di Enrico Berlinguer. La Malfa junior è invece più incline alla chiusura nei confronti della sinistra.
Nel 1979, il padre, allora vicepresidente del Consiglio, muore e nel 1981 Giorgio diventa segretario del Pri, al posto di Giovanni Spadolini, diventato presidente del Consiglio, e viene nominato ministro al Bilancio e alla programmazione economica. Negli anni Ottanta La Malfa lega il Pri al Pentapartito che dal 1983 al 1990 governa l'Italia. Nel 1991 il segretario rompe con la maggioranza per la Legge Mammì sulle telecomunicazioni.
Nel 1992 alle elezioni il Pri ottiene il 4,6%, risultato deludente per La Malfa che sperava di intercettare il voto dei moderati in fuga dalla Dc. Nel 1994 si schiera con il centro nel Patto per l'Italia. Due anni dopo, il Pri entra nell'Ulivo nella lista 'Per Prodì. Cinque anni di legislatura e tre governi di centrosinistra convincono La Malfa a fare il grande salto ed entrare nella Cdl.
Nel centrosinistra si sente discriminato e vede in Berlusconi la possibilità di riscatto. Dopo il successo elettorale del centrodestra nel 2001 viene nominato presidente della commissione Finanze della Camera.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400