Venerdì 14 Dicembre 2018 | 15:26

GDM.TV

Prandelli alla Roma per tre anni

ROMA - Tre anni di contratto per circa un milione e mezzo di euro a stagione. Sono questi i termini dell'accordo tra la Roma e il neo allenatore Cesare Prandelli. L'ex tecnico del Parma sarà presentato alla stampa lunedì. Si parla già di quali giocatori gialloblù possano seguirlo nella capitale, ossia Matteo Ferrari, Bonera e Gilardino.
Cesare Prandelli è il degno erede di Fabio Capello, ha fatto bene nel Parma e farà altrettanto bene alla Roma «se la piazza glielo permetterà». Arrigo Sacchi, l'uomo che negli ultimi due anni al Parma ha preso Prandelli sotto la sua ala protettiva, lo ha consigliato, accompagnandone l'ascesa fino alla sua definita consacrazione tra gli allenatori emergenti della serie A, non ha dubbi sulle capacità del suo allievo di affermarsi anche in una grande come la Roma, nonostante il pesante fardello dell'eredità di Capello. «Se non sarà la piazza a creargli qualche problema particolare - dice l'ex ct - lui ha dimostrato anche nelle difficoltà che ha avuto quest'anno il Parma di essere all'altezza».
Il sodalizio tra Sacchi e Prandelli è sbocciato nel 2002, insieme hanno vissuto momenti esaltanti, valorizzando molti giovani (uno su tutti, Gilardino), ma anche la crisi della Parmalat e la bufera che ha travolto la famiglia Tanzi. Prandelli ha preso la guida della società gialloblù dopo l'interregno di Carmignani, un altro uomo di Sacchi (fu suo vice anche in azzurro). Parma è stata per il tecnico bresciano l'occasione per riscattarsi dall'ultima deludente esperienza al Venezia, squadra che insieme con il Verona aveva guidato alla promozione in serie A, dopo essersi fatto le ossa guidando le giovanili dell'Atalanta.
Un'esperienza quella parmigiana che, nonostante le vicende societarie, con la necessità per ragioni di bilancio di privarsi in corsa di alcuni dei pezzi pregiati (soprattutto Adriano, trasferitosi durante la stagione all'Inter), si è conclusa pochi giorni fa con la decisione di lasciare la panchina gialloblù, con le voci che già si rincorrevano di un suo imminente passaggio alla Juventus, la sua vecchia squadra da giocatore.
All'inizio del mese lo stesso Sacchi e l'amministratore delegato Luca Baraldi gli avevano chiesto cosa intendesse fare, lui si era preso una pausa di riflessione di 15 giorni. Poi la decisione di non firmare un nuovo contratto col Parma. Alla fine non andrà alla Juve, ma alla Roma. Ciò non toglie che comunque il suo addio lascia al Parma molti rimpianti. «C'è dispiacere e piacere insieme - conclude Sacchi - Dispiacere per noi che sia andato via, piacere per lui perchè sicuramente ha fatto un salto in avanti. Siamo contenti per lui ma anche per noi che l'avevamo scelto. Da noi ha lavorato benissimo in questi due anni, è stato uno degli allenatori più bravi del campionato italiano. Ha fatto un lavoro splendido. Gli auguro le migliore fortune, le merita sia come tecnico sia come uomo».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

MULTIMEDIA

Nuovo video per BandAdriatica, Elisa canta con Calcutta, il progetto Party Hard racconta Taranto

Nuovo video per BandAdriatica, Elisa canta con Calcutta, il progetto Party Hard racconta Taranto

 
Rotonda - Bari:  il punto con La Voce Biancorossa, segui la diretta

Rotonda - Bari: il punto con La Voce Biancorossa, segui la diretta

 
Torre Guaceto: masseria rurale trasformata in resort, sequestri

Torre Guaceto: masseria rurale trasformata in resort, sequestri

 
Decennale della Regia Aeronauticail Re passa in rassegna 4mila piloti

Decennale della Regia Aeronautica
il Re passa in rassegna 4mila piloti

 
Il bimotore Savoia Marchetti S 55uno dei simboli del progresso italiano

Il bimotore Savoia Marchetti S 55
uno dei simboli del progresso italiano

 
Inaugurazione aeroporto di Bariintitolato a Umberto di Savoia

Inaugurazione aeroporto di Bari
intitolato a Umberto di Savoia

 
Kosovo, l'attività del 5° Reggimento alpini

Kosovo, l'attività del 5° Reggimento alpini

 
Calendario, l'uomo e la tecnologia

Calendario, l'uomo e la tecnologia

 
Calendario, storie e immagini

Calendario, storie e immagini

 
Rivivi la  "Mangusta" interforze

Rivivi la "Mangusta" interforze

 
Noi siamo la Marina: gli incursori

Noi siamo la Marina: gli incursori