Mercoledì 02 Dicembre 2020 | 01:38

NEWS DALLA SEZIONE

La curiosità
Covid a Lucera, arriva la tenda degli abbracci: così i malati potranno stringere i familiari

Covid a Lucera, arriva la tenda degli abbracci: così i malati potranno stringere i familiari

 
La novità
Covid 19, così la tradizionale cioccolata calda di San Nicola diventa virtuale

Covid 19, così la tradizionale cioccolata calda di San Nicola diventa virtuale

 
Un pezzo di storia
Addio all'ultimo superstite dell'esplosione del porto di Bari nel 1945

Addio all'ultimo superstite dell'esplosione del porto di Bari nel 1945

 
Turismo
Cenone più camera da letto in hotel, trulli e masserie: il trucco delle feste fuori casa

Puglia, cenone più camera da letto in hotel, trulli e masserie: il trucco delle feste fuori casa

 
nel Barese
Ceglie del Campo, rubati ori della Madonna: colpo da 200mila euro

Ceglie del Campo, rubati ori della Madonna: colpo da 200mila euro

 
L'analisi
Calvino e Rodari: l'arte della fantasia in una lezione del prof. Giuseppe Lagrasta

Calvino e Rodari: l'arte della fantasia in una lezione del prof. Giuseppe Lagrasta

 
Identità e confronti
Da Bari a Itaca viaggiano le scritture fra due mari

Da Bari a Itaca viaggiano le scritture fra due mari

 
Baby talento
Da Ruvo a Ballando con le Stelle: Francesco Ficco sbaraglia la concorrenza

Da Ruvo a Ballando con le Stelle: Francesco Ficco sbaraglia la concorrenza

 
Il ritrovamento
Salento, è stata ritrovata l'asinella Grisonda rubata qualche giorno fa

Salento, è stata ritrovata l'asinella Grisonda rubata qualche giorno fa

 
Tecnologie
È «foggiano» il rover quadrupede finalista all’evento della Nasa

È «foggiano» il rover quadrupede finalista all’evento della Nasa

 
Il caso
Lecce, allarme Cutting, adolescenti a rischio: «I tagli ci danno sollievo»

Lecce, allarme Cutting, adolescenti a rischio: «I tagli ci danno sollievo»

 

Il Biancorosso

Biancorossi
Antenucci, gioia e veleni col sogno intatto della B

Antenucci, gioia e veleni col sogno intatto della B

 

NEWS DALLE PROVINCE

MateraNel Materano
Investito da furgoncino sulla SS Jonica a Policoro: morto sul colpo

Investito da furgoncino sulla SS Jonica a Policoro: morto sul colpo

 
FoggiaLa decisione
Puglia, la Regione nomina Dattoli come commissario del Riuniti

Puglia, la Regione nomina Dattoli come commissario del Riuniti

 
PotenzaConcussione
Potenza, si fa dare denaro e regali: arrestato carabiniere forestale

Potenza, si fa dare denaro e regali: arrestato carabiniere forestale. In manette anche funzionario Ente Parco

 
LecceIl virus
Ispezione nel Tribunale di Lecce: al via verifiche su norme anti-Covid

Ispezione nel Tribunale di Lecce: al via verifiche su norme anti-Covid

 
TarantoIl siderurgico
Arcelor Mittal, Confcommercio Taranto: «Carbone è modello superato»

Arcelor Mittal, Confcommercio Taranto: «Carbone è modello superato»

 
BariLa novità
Covid 19, così la tradizionale cioccolata calda di San Nicola diventa virtuale

Covid 19, così la tradizionale cioccolata calda di San Nicola diventa virtuale

 
BatBat
Andria, anziana uccisa a colpi di stampella per rapina, si aggrava posizione marocchino: omicidio aggravato

Andria, anziana uccisa a colpi di stampella per rapina, si aggrava posizione marocchino: omicidio aggravato

 
BrindisiCultura
Fasano, per il Mibact Masseria Tavernese è immobile di interesse culturale

Fasano, per il Mibact Masseria Tavernese è immobile di interesse culturale

 

i più letti

L'intervista

Paolo Sassanelli: «Noi attori segregati in casa e lontani dalle amate scene»

L'attore barese e la moglie Marit Nissen, fra stage online e fiction tv

Paolo Sassanelli: «Noi attori segregati in casa e lontani dalle amate scene»

Ormai noialtri attori siamo davvero come un «gruppo di famiglia in un interno», chiusi e sbarrati dentro questo appartamento del Covid. Specie se si è attori in coppia, poi».
A parlare è Paolo Sassanelli, attore barese, ma trapiantato da secoli nella Roma dei film e delle fiction: parla di sé nonché della moglie Marit Nissen, attrice anche lei, nata tedesca, ma naturalizzata italo-barese stante la lunga contaminazione con Sassanelli. Da cui anche due figli, Lilian e Ian.

Di cosa sente soprattutto la nostalgia in questo periodo, Sassanelli?
«Del teatro in ribalta naturalmente, anche se lo dicono tutti. Per dire, io in questo periodo dovevo essere a Bari, al Teatro Abeliano con una mia “prova d’attore”, inserita nella serie Solisti, dal titolo Volevo fare l’attore. Era prevista per il 26 di questo mese di novembre, ora è stata rinviata al 21 gennaio dell’anno prossimo. Sempre nella speranza che non vi siano altri intoppi, altri lockdown. Lo stesso dicasi per lo spettacolo che dovrei dare in debutto, sempre a Bari ma al Teatro Kismet, in dicembre verso Natale: è un testo di Alessandro Piva, che cura anche la regia, Quanto basta, dove sono (sarei!) in scena accanto a Lucia Zotti. Una storia, quella appunto di una vecchia coppia “in un interno”, sospesa fra comicità e malinconia. Staremo a vedere se la cosa va in porto, anzi in scena».

Questo per quanto riguarda il teatro dal vivo, fra programmazioni, sogni e bisogni. Ma intanto, «nel frappé» come si suol dire, che fa l’attore Sassanelli, come impiega le sue giornate?
«Intanto, nel frappé!, la vita e il lavoro continuano. In streaming partecipo attivamente a questo Collecting Zoom per attori. Una sorta di “palestra di allenamento” per attori e affini, perché riteniamo che occorra lavorare in continuazione, per non perdere il gusto e per non dimenticare il mestiere. Offriamo spazi per insegnanti e insegnamenti. Adesso, per esempio, stiamo lavorando sul Giulio Cesare di Shakespeare, con tutta una serie di “provini”, ovviamente online».

Niente fiction televisive in lavorazione?
«Ebbene sì, e sia reso grazie alla Madonna - benedice Sassanelli -. È in produzione per la Rai una nuova serie de L’ispettore Coliandro, la fiction tratta dai personaggi di Carlo Lucarelli, con protagonista Giampaolo Morelli e con la regia dei Manetti Bros (cioè i fratelli Marco e Antonio Manetti). Io interpreto uno dei colleghi di Coliandro, sono l’ispettore Gamberini. Il tutto nella serie di Coliandro è ambientato, com’è noto, a Bologna, sicchè spesso mi tocca fare il pendolare fra Roma e Bologna, per fortuna!».

Come dire che lo spettacolo «eppur si muove». Vale lo stesso per lei, Marit Nissen?
«Sono, sarei, impegnata - risponde l’attrice nonché, come s’è detto, consorte del Nostro - in alcuni film realizzati a cura del Teatro dell’Elfo di Milano. Certo Milano, in questo periodo, non è la location ideale, ma per l’appunto “la guerra (quella dello spettacolo) continua!».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie