Giovedì 24 Settembre 2020 | 00:22

NEWS DALLA SEZIONE

Sabato 25
Immigrazione, luci e ombre della sanatoria in agricoltura nel nel Foggiano: inchiesta Tv7

Immigrazione a Foggia, luci e ombre della sanatoria in agricoltura: inchiesta Tv7

 
la scoperta
Trapianti, scoperta causa più frequente rigetto rene: studio compiuto con Università Bari e Foggia

Trapianti, scoperta causa più frequente rigetto rene: studio compiuto con Università Bari e Foggia

 
Curiosità
Sammichele, la zampina e il conte Vaaz: uno storico trova il legame

Sammichele, la zampina e il conte Vaaz: uno storico trova il legame

 
la storia
Sant'Arcangelo, scarpe realizzate a mano esportate in tutto il mondo

Sant'Arcangelo, scarpe realizzate a mano esportate in tutto il mondo

 
L'intervista
«Chiedimi la luna»: la favola di Cristiano Caccamo arriva in Puglia

«Chiedimi la luna»: la favola di Cristiano Caccamo arriva in Puglia

 
Nuovi talenti
Giovane biologa tra i finalisti al premio «Giovedì scienza»

Matera, giovane biologa tra i finalisti al premio «Giovedì scienza»

 
La curiosità
Nuoto, a Potenza la piscina olimpionica sarà dedicata a Bud Spencer

Nuoto, a Potenza la piscina olimpionica sarà dedicata a Bud Spencer

 
Vicenda depuratore
Manduria, reflui depurati in mare il «no» di Romina Power

Manduria, reflui depurati in mare il «no» di Romina Power

 
la trovata
Galatina, al liceo Vallone sagome di grandi personaggi come distanziatori, la ministra Azzolina: «Idea geniale»

Galatina, al liceo Vallone sagome di grandi personaggi come distanziatori, la ministra Azzolina: «Idea geniale»

 
la curiosità
Bari, elettore centenario al seggio per votare: lungo applauso degli scrutatori

Bari, elettore centenario al seggio per votare: lungo applauso degli scrutatori

 
Il personaggio
Rutigliano, Pietro Masotti l'attor giovine star della fiction

Rutigliano, il giovane Pietro Masotti conquista il pubblico femminile di Raiuno

 

Il Biancorosso

NEWS DALLE PROVINCE

Batpost voto
Trani, con il Bottaro bis ecco il nuovo consiglio comunale

Trani, con il Bottaro bis ecco il nuovo consiglio comunale

 
Tarantola vertenza
Miattal Taranto, stop sciopero di domani: «C'è impegno ministro Patuanelli»

Mittal Taranto, stop sciopero di domani: «C'è impegno ministro Patuanelli»
«Nessun licenziato in Ilva As»

 
Foggiaemergenza contagi
Foggia, dipendente positivo Covid: chiuso Ufficio anagrafe

Foggia, dipendente positivo Covid: chiuso Ufficio anagrafe

 
Brindisiil provvedimento
Ostuni, truffava commercianti e imprenditori: 49enne arrestato dalla Ps

Ostuni, truffava commercianti e imprenditori: 49enne arrestato dalla Ps

 
Potenzala sentenza
Potenza, giornalista diffamata su Fb: funzionario Regione condannato a 1 anno e 6 mesi

Potenza, giornalista diffamata su Fb: funzionario Regione condannato a 1 anno e 6 mesi

 
Leccela svolta
Lecce, duplice omicidio, sospettato in Procura: è un 37enne di Aradeo

Lecce, duplice omicidio, interrogato sospettato: la Procura smentisce
Autopsia: «Ferocia omicida su donna»

 
BariAvvio anno scolastico
Scuola in Provincia di Bari: 110 nuove aule «anti Covid» e 75 cantieri in 25 Comuni

Scuola in Provincia di Bari: 110 nuove aule «anti Covid» e 75 cantieri in 25 Comuni

 
Materal'anniversario
Matera, quel 21 settembre che cambiò la nostra storia

Matera, quel 21 settembre che cambiò la nostra storia

 

i più letti

LA STORIA

Bari, regala ai vip di Puglia le maglie anni'80 create da lui

Grazie al suo progetto, Giuseppe Gimmi trova un modo originale per riaccendere la memoria, riportarla nel presente e renderla sempre viva

Regala ai vip di Puglia le maglie anni'80 create da lui

Cosa resterà degli anni ’80? L’interrogativo lo sollevò il cantante Raf alla fine di quel decennio (il brano dell’artista foggiano è del 1989) e oggi sembra arrivare una risposta dal giovane Giuseppe Gimmi, nato a Fasano ma barese d’azione. Lui gli anni ’80 non li ha vissuti – è nato nel 1997 – ma se n’è innamorato trasformandoli in una specie di marchio originale della sua creatività, attraverso la produzione di una serie di magliette ispirate al periodo. Sì, Giuseppe ha tanti altri interessi: la musica, anzitutto. Compone brani e annuncia: «A settembre il mio primo singolo». E comunque vive il presente se pensiamo alla grande passione per una star italiana del mondo musicale contemporaneo, quel Tommaso Paradiso già leader del famoso gruppo «Thegiornalisti».

Ma gli anni ’80 sono una specie di sentimento del tempo da ripercorrere «con nostalgia» come lui stesso ama dire. E non è un caso che il personaggio eletto da Giuseppe a simbolo di questo affetto per l’epoca della new wave sia l’attore e regista Carlo Verdone (insieme a due grandi maestri del cinema scomparsi, Sergio Leone e Alberto Sordi).

«Verdone l’ho conosciuto personalmente» dice Giuseppe Gimmi e in una foto sui profili social del giovane lo si vede insieme al suo idolo. Ma Verdone non è il solo «grande» degli anni ’80 ad aver ispirato Gimmi e che lui ha incrociato sul proprio cammino, anzi. Soprattutto le pagine Instagram del giovane testimoniano non solo la passione di cui dicevamo, ma soprattutto il fatto che le sue creazioni abbiano fatto il giro d’Italia e siano state apprezzate da altri protagonisti di quel periodo: da Jerry Calà a Lino Banfi solo per citare due nomi. «Ho fatto tutto con semplicità e amore – racconta Giuseppe – partendo da un’idea: personalizzare la linea di magliette, renderla unica. Le forme e i colori sono quelli degli anni ’80 e prendo spunto da copertine di dischi o dal cinema. Dietro c’è uno studio preciso e approfondito e ogni volta che creo una maglietta mi sembra di rivivere quegli anni, la loro magia». In realtà Giuseppe Gimmi ha donato sue creazioni anche a chi, come il sindaco Antonio Decaro, il rapper Fabri Fibra, il conduttore televisivo Alessandro Cattelan, il cantautore Diodato, negli anni ’80 era un bambino o poco più.
Ma, Giuseppe spiega, queste variazioni sul tema sono dettate dal fatto che quell’epoca di «semplicità, amore e spensieratezza se paragonati al presente» possa ancora rappresentare la voglia di vivere che va sempre coltivata come la memoria. Tornando ai personaggi degli ’80, Giuseppe Gimmi ha consegnato le sue magliette a veri «mostri sacri» come Lino Banfi, Enrico Montesano, Jerry Calà, Alvaro Vitali. E’ come riattivare una macchina del tempo e veder scorrere immagini indimenticabili della commedia all’italiana. A loro va aggiunta un’altra icona come Michele Placido, che negli anni ’80 raggiunse una popolarità grandissima con lo sceneggiato «La piovra». Grazie al suo progetto, insomma, Giuseppe Gimmi, trova un modo originale per riaccendere la memoria, riportarla nel presente e renderla sempre viva. Per un giovane nato negli anni ’90 più di una sfida.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie