Mercoledì 12 Agosto 2020 | 17:30

NEWS DALLA SEZIONE

all'Abeliano
Lavorare nel sociale grazie al teatro: a Bari arriva il workshop «Stare» di Gabriele Vacis

Lavorare nel sociale grazie al teatro: a Bari arriva il workshop «Stare» di Gabriele Vacis

 
LA GAZZETTA NEI BAR
La partita in tv, un caffè e la Gazzetta

La partita in tv, un caffè e la Gazzetta

 
TURISMO
Il Pollino senza crisi Covid: mai tanti turisti come ora

Il Pollino non conosce crisi-Covid: mai tanti turisti come ora

 
FASE 3
Lucera, festa patronale senza processione: messa in Duomo per 200 fedeli

Lucera, festa patronale senza processione: messa in Duomo per 200 fedeli

 
SAPORI
Ecco le bontà dell'estate secondo la tradizione

Vincotto e salsa: ecco le bontà dell'estate secondo la tradizione nel Barese

 
LA GAZZETTA NEI BARI
Gravina, Gazzetta & coni gourmet

Gravina, Gazzetta & coni gourmet

 
L'INTERVISTA
La gioia di Lotoro per la nomination negli Stati Uniti

La gioia del pianista Lotoro per la nomination negli Usa: gli occhi del mondo puntati su Barletta

 
L'INTERVISTA
L'alfabeto di Federico

L'alfabeto di Federico Fellini: amarcord e futuro nelle pagine di Iarussi

 
musica
Notte della Taranta: Diodato ospite del Concertone a Melpignano

Notte della Taranta: Diodato ospite del Concertone a Melpignano

 
l'iniziativa del comune
Offerta ai turisti del Pollino. Dormi 2 notti, ne paghi una

Rotonda, offerta ai turisti nel Pollino: dormi 2 notti, ne paghi una

 
RIQUALIFICAZIONE
Bari, prende corpo il nuovo polo della cultura nell'ex Caserma Rossani

Bari, prende corpo il nuovo polo della cultura nell'ex Caserma Rossani

 

Il Biancorosso

serie C
Vivarini, Auteri e i «due» Bari

Vivarini, Auteri e i «due» Bari: grandi cambi o tanta fantasia

 

NEWS DALLE PROVINCE

FoggiaIl furtto
Gargano, rubano soldi e documenti a coppia di turisti della Repubblica Ceca

Gargano, rubano soldi e documenti a coppia di turisti della Repubblica Ceca

 
TarantoI dati del 2020
Mittal, la denuncia del comitato difesa salute: «Ai Tamburi raddoppio di benzene nell'aria»

Mittal, la denuncia del comitato difesa salute: «Ai Tamburi raddoppio di benzene nell'aria»

 
BariLA GAZZETTA NEI BAR
La partita in tv, un caffè e la Gazzetta

La partita in tv, un caffè e la Gazzetta

 
Bati fatti nel 2018
Trani, rapinarono e sequestrarono un autotrasportatore: arrestati padre e figlio

Trani, rapinarono e sequestrarono un autotrasportatore: arrestati padre e figlio

 
Leccenel basso salento
Gagliano del Capo, si intrufola in casa di una donna e tenta di violentarla: arrestato

Gagliano del Capo, si intrufola in casa di una donna e tenta di violentarla: arrestato

 
BrindisiTRAGEDIA
Brindisi, scontro auto-scoote: muore motociclista 51enne

Mesagne, scontro auto-scooter: muore motociclista 51enne

 
PotenzaIL CASO

Aiuti alle imprese colpite da crisi: c'è un caso Viggiano, il sindaco prende i soldi del bando comunale

 
MateraNel Materano
Policoro, gasolio venduto illecitamente: 8 indagati

Policoro, gasolio venduto illecitamente in stazione di servizio «abusiva»: 8 indagati

 

i più letti

La recensione

La pioggia di Allen bagna volentieri amori e disamori

Il regista torna sui suoi temi con un ottimo cast

La pioggia di Allen bagna volentieri amori e disamori

In Italia tutti dicono I love you a Woody Allen. Il regista newyorchese è ostracizzato in patria dal movimento #MeToo per la nota vicenda delle molestie sessuali che a suo tempo avrebbe arrecato alla figlia adottiva Dylan Farrow. Uno scandalo più mediatico che giudiziario, eppure molti attori negli ultimi mesi hanno dichiarato di non voler lavorare con lui in futuro. Perciò Un giorno di pioggia a New York non è uscito sugli schermi americani, privo qual è di un distributore, sebbene ne abbia comprato i diritti una linea aerea i cui passeggeri possono vedere il film... al volo. Intanto Allen ha compiuto 84 anni lo scorso 1° dicembre e ha già girato in Spagna un’altra commedia romantica, che, se non sbagliamo i conti, è la cinquantunesima regia cinematografica a partire dal 1966.

Il pubblico nostrano si è re-innamorato di Woody perché con Un giorno di pioggia a New York sarebbe finalmente tornato allo stato di grazia dei film con vista sul ponte di Brooklyn e dintorni. Ricordate Io e Annie e Manhattan, vero? Il timido e geniale attore-regista si sedeva con Diane Keaton o Mariel Hemingway su certe panchine galeotte che hanno fatto sognare la nostra generazione. Ma davvero è così? Da almeno quindici anni Allen, come capita ai grandi autori, propone una serie di variazioni geografiche e sentimentali sullo stesso tema: l’amore che è croce e delizia dei giovani d’oggi, di ieri (e di domani), fra Londra e Barcellona, Parigi e Roma, Venezia e vattelappesca. Sono film che un tempo si sarebbero detti Camera-stylo, cioè «diari» personali e agili, con la cinepresa usata alla stregua di una penna stilografica. Tale leggiadria non elude affatto, anzi, sovente scandaglia i dilemmi esistenziali del Nostro nutriti da Dostoevskij (Delitto o castigo? Lascia o raddoppia?) o dall’agra ironia ebraico-americana dei Bellow, Malamud e Philip Roth con la relativa satiriasi dei personaggi.

Sospettiamo invece che Allen stavolta piaccia più del solito perché lo spettatore ne riconosce la matrice e il contesto, e quindi «si sente a casa» nella strade e negli interni della Grande Mela. Ad agire è un meccanismo di paradossale familiarità con una metropoli lontana, New York, cui non siamo estranei grazie al cinema, in primis al cinema di Woody Allen.
Un giorno di pioggia racconta la storia di due fidanzati del college, Gatsby (il sex symbol mingherlino Timothée Chalamet) e Ashleigh (la bionda Elle Fanning), che decidono di trascorrere un week end di passione a New York approfittando della trasferta di lei, aspirante giornalista per conto della rivista universitaria, inviata a intervistare un famoso regista. Il giovane Gatsby (citazione di Fitzgerald, forse) è l’erede di una famiglia molto ricca e, senza dirlo ai suoi che vivono in città, programma la trasferta affinché tutto sia perfetto, a cominciare dalla camera d’albergo con spettacolare vista su Central Park (la fotografia del film è opera del mago Vittorio Storaro).

Le cose andranno naturalmente in maniera assai diversa e i due piccioncini saranno coinvolti e sconvolti in un girotondo di incontri scontri sorprese rivelazioni bizzarrie tradimenti, che, in versione light, in parte evocano Fuori orario di Martin Scorsese (1985). Fino all’epilogo sorprendente che coincide con una confessione della mamma benpensante di Gatsby al suo ragazzo innamorato della musica, dell’arte e delle donne.
Altro non vorremmo aggiungere, tranne lodare il cast che dà corpo a un piccolo museo del fascino d’oggi: oltre alla coppia protagonista, ecco infatti Selena Gomez, Kelly Rohrbach, Jude Law, Suki Waterhouse, Liev Schreiber, Diego Luna. Già, ci si bagna volentieri in un giorno di pioggia a New York, di cui si può ben dire che è «la cosa più favolosa dopo la pillola del giorno dopo». Forse, persino prima.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie