Sabato 28 Maggio 2022 | 03:03

In Puglia e Basilicata

Il caso

Cantieri infiniti sulla Basentana: c'è il rischio di contenziosi

Basentana, lo scalo di Ferrandina

Richieste di perizie di variante e rescissioni contrattuali potrebbero allungare ulteriormente i tempi

29 Aprile 2022

Donato Mastrangelo

MATERA - Sul cantiere infinito della statale 407 Basentana per la realizzazione dei lavori di adeguamento della sede stradale, con particolare riferimento alla posa in opera dello spartitraffico centrale, aleggerebbe, almeno su alcuni lotti appaltati dall’Anas, l’ombra di ritardi autorizzativi relativi ad alcune perizie di variante richieste da alcune imprese che si sono aggiudicate l’appalto.

Una tegola in più che rischierebbe di allungare ulteriormente i tempi dell’intervento. Ma non è tutto, perché proprio alla luce delle richieste che sarebbero rimaste inevase sulla redazioni delle perizie di variante ed in particolare per quanto concerne gli oneri della sicurezza, alcune aziende avrebbero chiesto la rescissione del contratto.

Tra i tratti maggiormente “sensibili” dell’intervento c’è sicuramente quello che si snoda nel tratto materano tra Salandra e Calciano, dal km. 40+300 al km 50+000. Si tratta di 3 lotti di importo di circa 5 milioni di euro ciascuno, i cui lavori sono stati avviati nei primi mesi del 2020. Ad oggi, tuttavia, a tre anni dall’apertura dei cantieri i lavori restano inspiegabilmente fermi. Ci sono inadempienze delle imprese oppure l’inghippo è da individuare nelle procedure autorizzative o nelle perizie da approvare? Sono tre le imprese lucane impegnate nell’intervento dello spartitraffico sulla Basentana, due delle quali rientranti nel Consorzio Valori.

Gli interventi di ammodernamento della statale 407 Basentana riguardano l’allargamento della sede stradale, l’installazione della nuova barriera spartitraffico in calcestruzzo denominata NDBA (National Dynamic Barrier ANAS), la sostituzione delle attuali barriere di sicurezza laterali con quelle di “tipo Anas”, nel rifacimento della pavimentazione e della segnaletica orizzontale.

Sulla questione dei lavori lungo la strada Basentana aveva chiesto lumi all’Anas nei mesi scorsi anche il senatore di Forza Italia, Saverio De Bonis. L’esponente azzurro aveva chiesto conto delle eccessive lungaggini dei cantieri, caratterizzati in più lotti dalla presenza di pochi operai. L’Anas nel frattempo aveva rassicurato sostenendo che gran parte dei lotti saranno terminati entro la prossima estate. Alcuni tratti, ha sostenuto la società che gestisce le reti statali e autostrade di interesse nazionale, sono già stati ultimati ed altri sono in corso di avanzamento. Le criticità sono da rapportare al fatto che i cantieri sono diversi, e non solo per la messa in sicurezza dei piloni, e realizzati da imprese diverse, su un numero elevato di viadotti della statale 407. Nei giorni scorsi l’assessore regionale ad Infrastrutture e Mobilità, Donatella Merra, nel corso della riunione dell’Osservatorio Regionale dell’Edilizia e dei Lavori Pubblici aveva dato conto anche del monitoraggio dei cantieri lungo la strada statale 407 Basentana. Secondo quanto emerso nel corso della riunione dell’Osservatorio, sono in corso dieci cantieri con andamenti diversi: quelli in esecuzione avviati nel 2020 saranno ultimati entro l’anno, mentre i rimanenti saranno portati a compimento entro metà del 2023.

Nonostante alcuni ritardi siano stati causati da problematiche come lo straordinario caro bitume, l’assessore Merra ha esortato tutte le parti in campo ad agire nell’ambito delle rispettive competenze per procedere celermente con i lavori. «Sono stati comunque superati - aveva dichiarato nell’ambito dell’Osservatorio l’assessore Merra - gli impedimenti legati alla perizia di variante approvata. Le difficoltà di reperimento dei materiali hanno purtroppo determinato, nel frattempo, un complessivo rallentamento delle opere». Sarà necessario procedere ad una ulteriore interlocuzione tra le parti interessate e rimuovere ritardi e punti di divergenza? È il forte auspicio degli utenti dell’importante arteria stradale lucana.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Carica altre news...

 

PODCAST

 

PRIMO PIANO

 
 
 
 
- News dai Territori -
 
Editrice del Mezzogiorno srl - Partita IVA n. 08600270725