Martedì 28 Settembre 2021 | 16:51

Il Biancorosso

Serie C
Bari, il portiere Frattali rinnova fino al 2023

Bari, il portiere Frattali rinnova fino al 2023

 

i più letti

la fabbrica di jesce

Matera, il personale di Ferrosud si sposta alla Ferromec

Fitto di ramo d’azienda. Ma i commissari frenano nuovamente

Matera, il personale di Ferrosud si sposta alla Ferromec

MATERA - La comunicazione porta la data del 3 dicembre ed è inviata ai sindacati, ai commissari giudiziale e liquidatore, all’azionista Dario Malena. Ferrosud s.p.a. e Ferromec s.r.l. (azienda partecipata Ferrosud, con sede a Matera) fanno presente che «con decorrenza dalla prima settimana di dicembre la Ferrosud intende affittare il ramo d'azienda operante nel settore della costruzione e manutenzione di materiale ferroviario alla società Ferromec che ha sede a Matera». Per effetto di questa operazione, si aggiunge, «tutti i lavoratori occupati nell'azienda (Ferrosud), i cui nominativi sono stati indicati in uno specifico elenco, saranno trasferiti alla Ferromec senza soluzione di continuità. Agli stessi saranno riconosciuti tutti i diritti maturati alla data di trasferimento.

Il processo di trasferimento del personale - viene sottolineato - si concluderà presumibilmente entro gennaio 2019 e, comunque, dopo l'esaurimento delle procedure di consultazione previste dalla normativa. Gli organi della procedura saranno opportunamente informati e tenuti aggiornati sugli sviluppi della situazione, fermo restando che sarà previsto un canone di locazione del complesso immobiliare di proprietà della Ferrosud compatibile con l'esecuzione del piano concordato e approvato dai creditori. L'affitto del ramo d'azienda - si specifica nella comunicazione firmata dai responsabili di Ferrosud e Ferromec - è da attribuire alla implementazione di un programma di razionalizzazione e riorganizzazione finalizzato a massimizzare le opportunità commerciali, di progettazione e di gestione delle commesse che vengono attualmente richieste dal mercato».

Quanto fatto presente nella nota potrebbe dunque rappresentare la prima svolta nella vicenda della crisi dello stabilimento Ferrosud di Jesce, tuttavia bisogna ora attendere la reazione dei due commissari che già nelle settimane scorse hanno “stoppato” la procedura avviata per il fitto di ramo d'azienda a favore della partecipata Ferromec. Tanto che, oggi, proprio il commissario liquidatore Emanuele Loperfido, su richiesta de La Gazzetta, fa sapere che la procedura avviata dalle due aziende per il fitto di ramo d’azienda «resta un’ipotesi non condivisa» e che nei prossimi giorni ci sarà una risposta ufficiale a Ferrosud e Ferromec rispetto alla lettera del 3 dicembre scorso.
Questa volta i commissari parlano di ipotesi «non condivisa», mentre a novembre il tentativo di fitto di ramo d’azienda fu giudicato dagli stessi come «ipotesi non praticabile» e addirittura «incompatibile» con la proposta di concordato a suo tempo approvata dai creditori ed omologata dal tribunale.

La prima battuta d’arresto fece poi saltare l’incontro fissato nella sede di Confapi Matera tra sindacati e Ferrosud per aprire la procedura per il trasferimento d’azienda con la consegna della relativa comunicazione e del piano industriale di Ferromec.
C’è anche da registrare la richiesta datata 11 dicembre della Fiom Cgil che chiede alle due aziende l’esame congiunto della procedura di fitto di ramo d’azienda. Intanto, il ministero dello Sviluppo economico ha fatto sapere ai sindacati del differimento dell’incontro previsto per il 19 dicembre al 9 gennaio 2019. La motivazione è legata all’esito dell’udienza che si terrà nel tribunale di Arezzo il 18 o 19 dicembre, dove l’avvocato Casilli chiederà al giudice di nominare un custode e quindi di sostituirsi alla gestione Ferrosud del gruppo Malena.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzetta Necrologie