Martedì 18 Dicembre 2018 | 16:29

NEWS DALLA SEZIONE

Il report
Qualità della vita, la Basilicata va giù: Matera e Potenza arretrano

Qualità della vita, la Basilicata va giù: Matera e Potenza arretrano

 
Per il tour estivo
Cercasi location per Jovanotti: sopralluogo a Policoro

Cercasi location per Jovanotti: sopralluogo a Policoro

 
In manette un 22enne romeno
Aggredisce i carabinieri al terminal dei bus: arrestato a Policoro

Aggredisce i carabinieri al terminal dei bus: arrestato a Policoro

 
L'inchiesta
Sanitopoli lucana, il gip conferma il divieto di dimora per Pittella

Sanitopoli lucana, il gip conferma il divieto di dimora per Pittella

 
La storia
Casa Famiglia a Matera: da modello a contenitore abbandonato

Casa Famiglia: da modello a contenitore abbandonato

 
la fabbrica di jesce
Matera, il personale di Ferrosud si sposta alla Ferromec

Matera, il personale di Ferrosud si sposta alla Ferromec

 
A Matera
Sassi Divini, la rassegna enologica chiude in crescita

Sassi Divini, la rassegna enologica chiude in crescita

 
Occupazione
Matera, nella sala ricevimenti 19 su 29 lavoravano in nero

Matera, nella sala ricevimenti 19 su 29 lavoravano in nero

 
l’indagine
Giovani lucani più social, più soli

Giovani lucani più social, più soli

 
estate 2019
Matera, due spiagge per ospitare il concerto di Jovanotti

Matera, due spiagge per ospitare il concerto di Jovanotti

 
Turismo
Matera 2019, tra Presepe vivente e Sassi c'è il tutto esaurito

Matera 2019, tra Presepe vivente e Sassi c'è il tutto esaurito

 

Le dichiarazioni

Matera 2019, Lezzi: «Non tutto pronto? Ce ne faremo una ragione»

E sui fondi per il Mezzogiorno aggiunge: «Il Sud non ha bisogno di piani straordinari, ha bisogno dell’ordinario»

Ministro Lezzi: «Su Matera 2019ritardi e ostilita ma io non mollo»

«Se qualcosa non sarà pronto ce ne faremo una ragione»: lo ha detto oggi a Matera, parlando con i giornalisti, il ministro del Sud, Barbara Lezzi, dopo aver presieduto una riunione sullo stato dei lavori in vista del 2019, quando la città dei Sassi sarà capitale europea della cultura.
Ai cronisti che le chiedevano un «bilancio» degli ultimi mesi di preparazione, Lezzi ha risposto: «Meno male che sono venuta», parole che hanno ricordato i suoi giudizi degli scorsi mesi di parziale insoddisfazione sulla velocità con la quale procedevano alcuni lavori.

«Io credo - ha spiegato - che sarà una bella manifestazione per Matera, bella di suo». Commentando lo stato di alcuni cantieri, il ministro ha aggiunto: «come vi dicevo, l’agenzia del ministero che si occupa di alcuni appalti sta andando avanti. I lavori procedono e ci dobbiamo risentire a breve per ottimizzare il trasporto pubblico locale tra l’aeroporto di Bari e Matera. Per quanto riguarda il Comune - ha proseguito - le solite cose: piazza della Visitazione è ancora da decidere, in alto mare».
Riferendosi ai lavori stradali e, in particolare, al collegamento con Bari, Lezzi ha detto di aver esaminato la questione con l’Anas che, ha spiegato, «sta accompagnando finanziariamente un’impresa che aveva problemi di liquidità e che stava rallentando una parte dei lavori. Per febbraio la strada sarà quasi completa. Un’altra parte slitterà di qualche mese». Infine, Lezzi ha sottolineato che tornerà a Matera, in particolare per parlare dei servizi di trasporto in vista della trasmissione del capodanno su Raiuno.

«Una regione in ostaggio, si voti subito»: lo ha detto oggi, a Matera, il Ministro per il Sud, Barbara Lezzi, rispondendo a una domanda sul voto delle elezioni regionali in Basilicata, fissate per il 26 maggio 2019.
«Mi auguro - ha aggiunto il ministro, in città per presiedere una riunione sullo stato dei lavori in vista del 2019, quando Matera sarà capitale europea della cultura - che le elezioni siano molto prima di maggio. Abbiamo una regione in ostaggio, sostanzialmente. E sono già diversi mesi. Bisogna andare alle elezioni».

E sui fondi previsti per il Sud aggiunge: «Io mi aspetto che si facciano questi investimenti per il Sud, è su questo fronte che stiamo lavorando». Così ha dichiarato a Bari con riferimento al «34% della quota ordinaria degli investimenti, anche di Anas e di Rfi» che, come ha spiegato lo stesso ministro, è stata inserita in manovra e «che sarà destinata per legge al Sud».
«Il Sud non ha bisogno di piani straordinari, - ha detto Lezzi - ha bisogno dell’ordinario. Siamo sempre stati al di sotto del 28-29% quando ci sarebbe spettato il 34%. Ora l'abbiamo ottenuto, anche dal settore pubblico allargato, e sarà indicato ogni anno nel Def. Adesso devo fare attenzione ad osservare questa legge - ha detto ancora il ministro - perché prevede che il monitoraggio sia in capo al ministro della Coesione ed è quello che farò. A me questo interessa più di qualsiasi altra cosa, perché se il Sud avrà le strade migliori e le infrastrutture migliori rispetto a quelle che ha, sicuramente ha tutte le capacità e le risorse per viaggiare spedito»

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400