Lunedì 17 Dicembre 2018 | 00:03

NEWS DALLA SEZIONE

Per il tour estivo
Cercasi location per Jovanotti: sopralluogo a Policoro

Cercasi location per Jovanotti: sopralluogo a Policoro

 
In manette un 22enne romeno
Aggredisce i carabinieri al terminal dei bus: arrestato a Policoro

Aggredisce i carabinieri al terminal dei bus: arrestato a Policoro

 
L'inchiesta
Sanitopoli lucana, il gip conferma il divieto di dimora per Pittella

Sanitopoli lucana, il gip conferma il divieto di dimora per Pittella

 
La storia
Casa Famiglia a Matera: da modello a contenitore abbandonato

Casa Famiglia: da modello a contenitore abbandonato

 
la fabbrica di jesce
Matera, il personale di Ferrosud si sposta alla Ferromec

Matera, il personale di Ferrosud si sposta alla Ferromec

 
A Matera
Sassi Divini, la rassegna enologica chiude in crescita

Sassi Divini, la rassegna enologica chiude in crescita

 
Occupazione
Matera, nella sala ricevimenti 19 su 29 lavoravano in nero

Matera, nella sala ricevimenti 19 su 29 lavoravano in nero

 
l’indagine
Giovani lucani più social, più soli

Giovani lucani più social, più soli

 
estate 2019
Matera, due spiagge per ospitare il concerto di Jovanotti

Matera, due spiagge per ospitare il concerto di Jovanotti

 
Turismo
Matera 2019, tra Presepe vivente e Sassi c'è il tutto esaurito

Matera 2019, tra Presepe vivente e Sassi c'è il tutto esaurito

 

Le indagini

Scoperta a Matera azienda che ha evaso 1,3 mln al Fisco

Un’azienda che operava nella commercializzazione di oro e preziosi è stata classificata come "assolutamente sconosciuta» al fisco dalla Guardia di Finanza, a Matera

Guardia di Finanza

MATERA - Un’azienda che operava nella commercializzazione di oro e preziosi è stata classificata come «assolutamente sconosciuta» al fisco dalla Guardia di Finanza, a Matera.

L’azienda, «nell’arco di tre periodi di imposta, ha omesso di dichiarare redditi per oltre 1,3 milioni di euro» e ha evaso l'Ires per circa 500 mila euro». I militari delle fiamme gialle hanno stabilito che «nello stesso periodo di tempo, ha emesso fatture per operazioni inesistenti per oltre 7,8 milioni di euro, consentendo ad altre aziende un’indebito credito IVA per oltre 1,8 milioni di euro».

L’azienda che ha subito la verifica fiscale era «formalmente rappresentata da un prestanome di primo livello», ma «era gestita di fatto da persone oggetto della più ampia indagine di polizia giudiziaria denominata «sogni d’oro». Durante le indagini, la Guardia di Finanza ha scoperto anche "operazioni di prelevamento dai conti correnti aziendali, per contanti, di ingenti importi».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400