Sabato 25 Settembre 2021 | 15:24

Il Biancorosso

Serie C
Bari, il portiere Frattali rinnova fino al 2023

Bari, il portiere Frattali rinnova fino al 2023

 

i più letti

i pini di lanera

Uuna catena umana
per difendere gli alberi

La promuoverà il Comitato nei pressi del cantiere il 1º maggio

Uuna catena umana per difendere gli alberi

DONATO MASTRANGELO

Una catena umana da promuovere il 1° Maggio per difendere gli 86 alberi di Lanera, in procinto di essere abbattuti. Il Comitato contro l’abbattimento dei pini del quartiere Lanera non rifiata neppure nel giorno della Festa dei Lavoratori pur di raggiungere l’obiettivo di preservare il polmone verde che caratterizza l’area. Intanto questa mattina, alle 9.30, è in programma l’incontro della verità tra il sindaco Raffaello De Ruggieri e Pio Acito , in rappresentanza del Comitato. Il confronto nella sede del Palazzo di Città sarà probabilmente lo snodo decisivo per capire quale sarà il destino degli alberi da abbattere così come previsto dall’intervento di riqualificazione per la viabilità di via Lanera che prevede, tra l’altro, la realizzazione di una rotatoria. Alberi che nella fattispecie, secondo le perizie a corredo del progetto sarebbero ammalorati e quindi da eliminare. Un punto, questo, ampiamente contestato dal Comitato che dopo la mobilitazione aveva ottenuto un primo importante risultato, portando la “vertenza pini” in Consiglio comunale e che aveva portato all’approvazione di un ordine del giorno che impegna il sindaco De Ruggieri e la giunta a “verificare la possibilità di limitare il numero degli abbattimenti” e quindi non più 86 alberi, ma 77 da abbattere.

Ieri mattina il Comitato contro l’abbattimento dei pini è stato anche impegnato in presidio davanti alla Fontana ferdinandea in piazza Vittorio Veneto. «L’obiettivo – dichiara Cinzia Scarciolla – è di continuare a sensibilizzare i cittadini sulla tematica. Confidiamo molto nell’incontro al Comune. È chiaro che il nostro intento sarebbe di salvare tutti gli alberi. Non vorremmo piangerne neppure uno perché fanno parte del patrimonio verde del quartiere Lanera e della città». La mobilitazione sta avendo un effetto contagioso, costituendo un virtuoso esempio di civismo. «Alla pagina del Comitato contro l’abbattimento degli alberi su Facebook sono iscritti ormai oltre 5 mila 300 persone mentre la petizione online è stata firmata da oltre 3 mila 300 cittadini».

È il segnale che la partecipazione sta dando i suoi frutti con il coinvolgimento prezioso di tante associazioni. «L’azione del Comitato – sottolinea Scarciolla – si sviluppa su più fronti dagli incontri quotidiani al presidio nei pressi del cantiere di Lanera a testimonianza dell’impegno finalizzato a scongiurare il taglio degli alberi, oltre al lavoro che portiamo avanti sui social network ed attraverso la petizione. Adesso stiamo per promuovere anche altre iniziative come il volantinaggio per veicolare il messaggio del Comitato a tutela dei pini. Per il 1° maggio – prosegue Scarciolla – abbiamo invece pensato ad una catena umana sempre nell’area di perimetrazione del cantiere di Lanera. Ci piacerebbe coinvolgere per la manifestazione, che assumerebbe un valore fortemente simbolico, anche dei musicisti per far passare il messaggio che gli alberi sono più vivi che mai. Insomma, un vero e proprio inno per difendere la vita di queste piante. Encomiabile è la collaborazione di alcune associazioni. Tra queste alcune onlus che a vario titolo nel sociale si occupano dell’infanzia. In questo momento delicato, dopo aver spiegato in altri percorsi educativi ai bambini che l’albero è vita, provano un certo imbarazzo a relazionarsi con i piccoli. Ecco anche questo aspetto rappresenta indubbiamente un momento di confronto e di crescita provando a guardare al futuro nell’ottica di una democrazia partecipata».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzetta Necrologie