Domenica 07 Agosto 2022 | 23:47

In Puglia e Basilicata

A Lecce

Unisalento, dopo Medicina arriva anche Infermieristica

Unisalento, dopo Medicina arriva anche Infermieristica

Le novità dell’offerta formativa: 69 corsi di laurea e 13 Master

07 Luglio 2022

Alberto Nutricati

È un piano dell’offerta ricco e variegato quello dell’Università del Salento per l’anno accademico 2022/2023, presentato ieri mattina nel corso di un apposito evento.

Per coglierne la portata, è sufficiente riportare alcuni numeri: 13 Master e ben 69 corsi di laurea.

Tra le novità del prossimo anno accademico, compaiono l’istituzione del corso di laurea in Infermieristica, la didattica asincrona, la sottoscrizione del protocollo d’intesa «PA 110 e lode», alcuni nuovi master e una nuova campagna di comunicazione.

A illustrare le novità è stato il rettore Fabio Pollice, assieme al delegato all’offerta formativa Attilio Pisanò, al referente per l’iniziativa «PA 110 e lode» Luigi Spedicato e al delegato alla comunicazione Stefano Cristante.

Dal punto di vista dei corsi di laurea, l’offerta formativa si arricchisce e si completa con l’attivazione del corso in infermieristica.

«Nell’anno accademico 2022/2023 - commenta il rettore - consolidiamo la nostra ampia offerta didattica, che lo scorso anno si è arricchita con l’istituzione del corso di laurea magistrale a ciclo unico in “Medicina e chirurgia” a orientamento tecnologico e che si completa quest’anno con quella del corso di laurea in “Infermieristica”. Nei prossimi giorni verranno aperte le iscrizioni anche a 13 master di primo e secondo livello».

I dipendenti pubblici che volessero intraprendere gli studi universitari potranno farlo a condizioni agevolate.

«Per i dipendenti delle pubbliche amministrazioni, con l’iniziativa “PA 110 e lode” - continua Pollice - apriamo la possibilità di iscrizione a condizioni agevolate a numerosi corsi di laurea e master; nei prossimi giorni presenteremo inoltre un dottorato di ricerca nazionale loro dedicato».

Grande attenzione è riservata a particolari categorie di studenti.

«Per gli studenti che lavorano, che sono genitori di bambini di età inferiore a 3 anni, per gli studenti atleti, gli studenti detenuti, gli studenti italiani e comunitari residenti all’estero e gli studenti iscritti ai corsi di studio che rilasciano il doppio titolo, il nostro Ateneo - aggiunge il rettore - avvia una sperimentazione che consentirà loro di seguire diversi corsi in modalità asincrona. Assieme al lancio di una campagna di comunicazione dal linguaggio fresco e giovanile, e all’incremento delle attività di orientamento, con tutte queste iniziative rinnoviamo l’invito a scegliere la nostra Università, la sua dinamicità e la sua capacità di sostegno dei progetti professionali e di vita di studenti e studentesse, come dello sviluppo del territorio».

Ancora non è partito il nuovo anno accademico e già si lavora per quello successivo.

«Intanto - conclude Fabio Pollice - lavoriamo a una significativa revisione dell’offerta formativa per l’anno accademico 2023-24, con un ulteriore ampliamento dei percorsi triennali e magistrali».

L’occasione è stata propizia per lanciare la prima edizione dell’«Interregional summer camp», che si svolgerà nel Centro velico di Policoro dal 12 al 16 settembre e destinato alle potenziali nuove matricole.

Nel corso del camp si alterneranno attività di orientamento ad attività sportive e di socializzazione. Ulteriori iniziative sull’iniziativa sono reperibili sul sito www.care.unisalento.it.

Per quanto concerne i master di primo e secondo livello, le iscrizioni partiranno dal prossimo 15 luglio.

I relativi dettagli sono stati illustrati da Attilio Pisanò.

I master di primo livello che partiranno nel corso del prossimo anno accademico saranno: «Wine Management. La gestione sostenibile della filiera del vino di qualità», «Didattica inclusiva e metodologie di intervento per la valorizzazione della plusdotazione e dei talenti», «Mediazione linguistica interculturale in contesti migratori».

I master di secondo livello sono «Meteorologia e oceanografia fisica», «Biomedicina molecolare», «Esperto in valutazione e riabilitazione neuro-cognitiva dell’età evolutiva dell’adulto e dell’anziano», «Intervento psicosociale per la promozione del benessere di comunità» (organizzato con l’Università Federico II di Napoli), «Innovazione sociale e progettazione territoriale», «Applied data science», «Scientific programming», «Amministrazione Pubblica: principi e regole, strumenti e tecniche», «Accreditamento delle strutture sanitarie e socio-sanitarie», «Banking, financial and insurance law».

Per conoscere l’offerta formativa nella sua interezza, si è dato avvio a una grande campagna di comunicazione intitolata «Università del Salento. Il sapere prossimo».

A descrivere i vari elementi della campagna di comunicazione, avviata nei giorni scorsi con maxi affissioni illuminate a Lecce e a Taranto, è stato Stefano Cristante.

«“Università del Salento, il sapere prossimo” - spiega il delegato alla comunicazione - è il messaggio scelto per parlare del nostro Ateneo, delle nostre vocazioni e attitudini: all’interdisciplinarietà, all’esplorazione dei futuri, alla cura delle persone e delle relazioni tra le persone».

L’idea è quella di testimoniare la vicinanza dell’Università del Salento al territorio.

«Prossimo - spiega Cristante - perché vicino e perché aperto a chi è alla ricerca di conoscenza. Elaborando le parole attraverso lettere che rappresentano e raccontano i diversi mondi che compongono l’Università del Salento, il disegno della campagna mette al centro la molteplicità dei nostri punti di applicazione e allo stesso tempo amplifica il messaggio complessivo del nostro Ateneo. Risultato di una riflessione avviata sulla base del Piano strategico di UniSalento, la campagna è stata progettata con l’agenzia di comunicazione pugliese FF3300 e realizzata con la collaborazione del celebre illustratore, peraltro di origini salentine, Marco Goran Romano. Questa campagna è ora anche negli aeroporti di Brindisi e Bari, con il claim “Knowledge for Future”, con inserzioni online su diverse testate e con post sponsorizzati su Facebook e Instagram».

Insomma, una campagna di comunicazione integrata, che si serve sia di mezzi tradizionali sia di strumenti e piattaforme digitali, in modo tale da raggiungere un pubblico sempre più vasto, soprattutto tra le giovani generazioni.

«Nei prossimi mesi - conclude Cristante - continueremo a lavorare su questa linea, ampliando capillarmente la nostra presenza: vogliamo essere sempre più “visibili” e “prossimi” a tutte le persone e le organizzazioni per cui siamo “faro culturale” e garanzia di passaggio tra il locale e il globale».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Carica altre news...

 

PODCAST

 

PRIMO PIANO

EDITORIALI

 
 
 
 
- News dai Territori -
 
Editrice del Mezzogiorno srl - Partita IVA n. 08600270725