Sabato 21 Maggio 2022 | 11:19

In Puglia e Basilicata

la sentenza

Lecce, evasione delle imposte e truffa: in tre condannati a 16 anni

Soldi, evasione fiscale

Almeno venti le vittime. Gli episodi tra il 2009 ed il 2012 a Lecce, Lizzanello, Copertino e Gallipoli

11 Maggio 2022

Angelo Centonze

LECCE - Arriva la condanna alla pena di oltre 16 anni complessivi di reclusione per i tre imputati accusati a vario titolo ed in diversa misura di occultamento di scritture contabili, emissione di fatture per operazioni inesistenti e truffa aggravata. La sentenza è stata emessa dal giudice monocratico Stefano Sernia, al termine del processo. Nello specifico sono stati inflitti: 10 anni e 11 mesi e 6.600 euro di multa per Giovanni Laera, 62enne di Merine (la Procura aveva invocato 6 anni).

Il giudice ha inoltre condannato l’imputato al risarcimento del danno quantificato in 20mila euro, in favore della parte civile, assistita dall’avvocato Carmen Castellana. Laera è stato invece assolto, perché il fatto non sussiste, dal reato di minacce aggravate verso un’altra persona. Il giudice ha inoltre condannato a 4 anni e 6 mesi, Lucio Ruberti, 59 anni di Copertino (4 anni) ed a 1 anno e 3 mesi con le attenuanti generiche, Erasmo Creo, 58enne di Merine (2 anni e 6 mesi).
Gli imputati sono assistiti dagli avvocati Amilcare Tana, Giovanni Montagna e Massimo Bellini e potranno presentare ricorso in Appello dopo il deposito delle motivazioni (entro 90 giorni).
Invece, è arrivata l’assoluzione dal reato di truffa aggravata, per non aver commesso il fatto, in favore di A.D.M., 58enne di Lecce, difesa dall’avvocato Amilcare Tana.

Tutti gli altri imputati erano stati già prosciolti durante il processo per intervenuta prescrizione.
I fatti si sarebbero verificati tra il 2009 ed il 2012 tra Lecce, Lizzanello, Copertino e Gallipoli. Secondo l’accusa, rappresentata dal pubblico ministero Massimiliano Carducci, gli imputati avrebbero evaso le imposte sui redditi per oltre 500mila euro e avrebbero reso insoluti gli assegni corrisposti ai fornitori per pagare la merce. Sarebbero state una ventina le vittime di truffa, tra cui molte società.
Le indagini sono state condotte dai militari della Guardia di Finanza di Gallipoli e si sono avvalse di una serie di informative dell’Agenzia delle Entrate.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Carica altre news...

 

PODCAST

 

PRIMO PIANO

 
 
 
 
- News dai Territori -
 
Editrice del Mezzogiorno srl - Partita IVA n. 08600270725