Domenica 18 Aprile 2021 | 19:02

NEWS DALLA SEZIONE

Il caso
Lecce, minaccia e maltratta compagna: arrestato 55enne

Lecce, minaccia e maltratta compagna: arrestato 55enne

 
Il settore in crisi
Lecce, così il turismo guarda alla ripartenza estiva

Lecce, così il turismo guarda alla ripartenza estiva

 
Lotta al virus
Covid, a Lecce i pazienti sono seguiti a distanza tramite un'app

Covid, a Lecce i pazienti sono seguiti a distanza tramite un'app

 
l'esposto
Galatina, donna incinta abortisce dopo essere andata in ospedale per controllo e rimandata a casa

Galatina, donna incinta abortisce dopo essere andata in ospedale per controllo e rimandata a casa

 
L'intervento
Muore a 64 anni per emorragia, prelievo multiorgano a Lecce

Muore a 64 anni per emorragia, prelievo multiorgano a Lecce

 
Il caso
La pantera è a Matino: ecco il video

La pantera è a Matino: ecco il video

 
la sentenza
Lecce, omicidio Noemi Durini: condannati genitori di Lucio per diffamazione

Lecce, omicidio Noemi Durini: condannati genitori di Lucio per diffamazione

 
La battaglia
Concessioni balneari, Consiglio di Stato boccia comune di Lecce su proroghe

Lecce, concessioni balneari: non accolta richiesta sospensiva, rinvio all'udienza di merito

 
Nel Salento
Guagnano, partorisce bimba morta: c'è l'inchiesta

Guagnano, partorisce bimba morta: c'è l'inchiesta

 
La richiesta dei genitori
Racale, caso Mauro Romano: «Il presunto rapitore ci paghi 2,5 milioni di dollari»

Racale, caso Mauro Romano: «Il presunto rapitore ci paghi 2,5 milioni di euro»

 

Il Biancorosso

Serie C
Bari-Palermo: segui con noi la diretta

Bari-Palermo: segui con noi la diretta

 

NEWS DALLE PROVINCE

LecceIl caso
Lecce, minaccia e maltratta compagna: arrestato 55enne

Lecce, minaccia e maltratta compagna: arrestato 55enne

 
BariIl video
Covid, un’automedica per l’Ospedale di Altamura: il dono «mette in moto» la solidarietà

Covid, un’automedica per l’Ospedale di Altamura: il dono «mette in moto» la solidarietà

 
BatIl caso
L'allarme del procuratore Nitti: «La Bat è preda delle mafie»

L'allarme del procuratore Nitti: «La Bat è preda delle mafie»

 
MateraIl virus
Salgono a 9 i paesi in rosso in Basilicata: guardia alta su altri 6

Salgono a 9 i paesi in rosso in Basilicata: guardia alta su altri 6

 
PotenzaIl caso
Franco Pepe, il re della pizza «sbarca» in Basilicata al San Barbato di Lavello

Franco Pepe, il re della pizza «sbarca» in Basilicata al San Barbato di Lavello

 
FoggiaIl caso
Foggia, accoltellato nel ghetto: 3 ferite di striscio a petto, il giovane se la caverà

Foggia, accoltellato nel ghetto: 3 ferite di striscio a petto, il giovane se la caverà

 
BrindisiIl caso
Brindisi, il rush finaledei 5 candidati sindaco

Pressioni su ex dirigente del Comune: indagato il sindaco di Brindisi

 
TarantoIl caso
Taranto, bimba di 4 anni perde la vita per diagnosi in ritardo: condannato pediatra

Taranto, bimba di 4 anni perde la vita per diagnosi in ritardo: condannato pediatra

 

i più letti

Economia

Le imprese «rosa» del Salento più forti della crisi Covid

Sono 14.550 e rappresentano il 22,5 per cento del totale delle aziende attive (64.691)

Le imprese «rosa» del Salento più forti della crisi Covid

LECCE - Le imprenditrici salentine affrontano la pandemia, senza arrendersi alla recessione. Il numero delle aziende attive in «rosa» è rimasto invariato in provincia di Lecce. Sono 14.550 e rappresentano il 22,5 per cento del totale delle aziende attive salentine (64.691). È quanto emerge da uno studio condotto da DavideStasi, data analyst.

L’analisi per settori economici evidenzia una consistente presenza imprenditoriale femminile nel commercio con 4.755 imprese attive che rappresentano il 32,7 per cento del totale delle imprese femminili (14.550); nell’agricoltura si contano 2.667 imprese (pari al 18,3 per cento); nelle attività dei servizi di alloggio e ristorazione ci sono 1.613 imprese (11,1 per cento); nelle «altre attività di servizi» (prevalentemente servizi alla persona) altre 1.591 imprese (10,9 per cento); le attività manifatturiere sono 1.001 (6,9 per cento).

«Nel nostro Paese – spiega Stasi – sia per la crisi che per le reali difficoltà nel trovare un posto di lavoro, cresce sempre di più la voglia di mettersi in proprio e trasformare un’idea in un’impresa innovativa, sempre più spesso tutta al femminile. Nella maggior parte dei casi, le aziende in “rosa” possono fruire di una serie di agevolazioni, come i contributi “a fondo perduto”, ovvero incentivi per l’avvio dell’impresa femminile, costituiti da una parte di capitale che non deve essere restituito e il resto viene rimborsato in rate a tasso agevolato. Ci sono, poi, le agevolazioni per avviare l’attività, realizzare nuovi progetti aziendali, acquistare nuovi prodotti e servizi. Esiste anche il fondo di garanzia che non prevede un contributo economico, ma permette di richiedere un finanziamento garantito dallo Stato».

Questo il trend delle imprese femminili, anno per anno: 14.113 a fine 2015; 14.276 l’anno dopo; 14.417 nel 2017; 14.459 l’anno successivo; 14.556 nel 2019. Nel quinquennio preso in esame, dunque, sono aumentate di 437 unità, pari ad un tasso del 3,1 per cento. L’incremento maggiore si registra nelle attività dei servizi alloggio e ristorazione: da 1.439 a 1.613, ovvero 174 attività in più (+12,1 per cento). A seguire le imprese in agricoltura sono passate da 2.500 a 2.667, ovvero 167 (+6,7 per cento); le «altre attività di servizi» crescono da 1.450 a 1.591, ovvero 141 aziende in più (+9,7 per cento); le attività immobiliari da 209 a 290, ovvero 81 attività in più (+38,8 per cento).
Emergono alcune filiere a maggiore vocazione femminile, con tante produzioni che rappresentano il frutto di una cultura che affonda le sue radici nella storia economica dell’Italia.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie