Domenica 25 Agosto 2019 | 21:58

NEWS DALLA SEZIONE

Tragedia nel Salento
Si sente male mentre fa pesca subacquea: muore 56enne a Casalabate

Malore mentre fa pesca subacquea: muore 56enne a Casalabate

 
L'incidente tra Tricase e Depressa
Finisce con lo scooter contro un'auto: muore 28enne nel basso Salento

Si schianta con lo scooter contro un'auto: muore 28enne nel basso Salento

 
Il salvataggio
Castro, tartaruga urta barca e perde l'occhio: salvata dalla Guardia Costiera

Castro, tartaruga urta barca e perde l'occhio: salvata dalla Guardia Costiera

 
A Muro Leccese
Lecce, medico di guardia aggredito, l’ira dell’Ordine: «Ora basta»

Lecce, medico di guardia aggredito, l’ira dell’Ordine: «Ora basta»

 
Preso dai Cc
Spocchia, 18enne segue ragazza in locale e la violenta

Specchia, 18enne segue ragazza in locale e la violenta: in cella

 
Le celebrazioni
Lecce, via alla festa di Sant'Oronzo: il programma, i bus e i parcheggi

Lecce, via alla festa di Sant'Oronzo: il programma, i bus e i parcheggi

 
L'arresto
Ugento, persecuzioni al vicino di casa con aggressioni e minacce: in cella 40enne

Ugento, persecuzioni al vicino di casa con aggressioni e minacce: in cella 40enne

 
Tentato omicidio
Palmariggi, lite tra fratelli finisce a coltellate: uno è grave

Palmariggi, lite tra fratelli finisce a coltellate: uno è grave

 
L'evento
Notte Taranta: grande attesa per il Concertone con Elisa e Gué Pequeno

Notte Taranta: grande attesa per il Concertone con Elisa e Gué Pequeno

 
La decisione
Nardò, sindaco vieta pesca e balneazione alla Palude del Capitano

Nardò, «troppi turisti» e il sindaco vieta i bagni alla Palude del Capitano

 

Il Biancorosso

IL PUNTO
Il Bari gioca la carta Schiavone ci sarà più qualità a centrocampo

Il Bari gioca la carta Schiavone
ci sarà più qualità a centrocampo

 

NEWS DALLE PROVINCE

LecceTragedia nel Salento
Si sente male mentre fa pesca subacquea: muore 56enne a Casalabate

Malore mentre fa pesca subacquea: muore 56enne a Casalabate

 
FoggiaTragedia nel Foggiano
Cade in mare da barca condotta dal marito: donna muore al largo di Foce Varano

Cade da barca condotta dal marito: donna muore al largo di Foce Varano

 
BariL'appuntamento
Distorsioni sonore: creatività e fantasia si incontrano ad Acquaviva

Distorsioni sonore: creatività e fantasia si incontrano ad Acquaviva

 
BatL'idea
Barletta, un mosaico a Canne per non dimenticare la storia

Barletta, un mosaico a Canne per non dimenticare la storia

 
MateraIncidente stradale
Tricarico, auto finisce contro il guard rail: 4 feriti, 3 sono gravi

Tricarico, auto finisce contro il guard rail: 4 feriti, 3 sono in gravi

 
BrindisiLa furia di un 53enne
Brindisi, la moglie lo lascia e lui distrugge i mobili: allontanato da casa

Brindisi, la moglie lo lascia e lui distrugge i mobili: allontanato da casa

 
PotenzaSanità
Potenza, al S. Carlo carenza di medici: colpa delle «porte girevoli»

Potenza, al S. Carlo carenza di medici: colpa delle «porte girevoli»

 
TarantoSanità
Castellaneta, chiuso il punto nascite in ospedale: bimbi trasferiti

Castellaneta, chiuso il punto nascite in ospedale: bimbi trasferiti

 

i più letti

Monumenti

Lecce, festa di Sant’Oronzo senza statua e con colonna ingabbiata

«Ingabbiata», tra le luminarie, la colonna romana. Si attende da mesi l’ok ai lavori

Lecce, festa di Sant’Oronzo senza statua e con colonna ingabbiata

LECCE - A Lecce toccherà far festa in piazza senza il Santo. E - addirittura - con la colonna, che sorregge (o meglio: sorreggeva) la statua del Patrono ingabbiata tra le impalcature dei lavori sospesi. Anzi, per la verità, neppure iniziati, perché si attende il via libera della Soprintendenza archeologia, belle arti e paesaggio. Intanto, si montano le luminarie.
Già lo scorso anno, di questo periodo, colonna e statua erano coperte da teloni pubblicitari. Poi, lo scorso 30 gennaio, la statua di Sant’Oronzo ha lasciato la colonna e - da più di sei mesi, quindi - è ospitata nell’androne di palazzo Carafa. È lì tra i visitatori che vanno, in orari d’ufficio, a rendere omaggio al Santo. E attende l’ok per le complicate operazioni di restauro che dovranno essere eseguite dalla ditta Colaci per porre rimedio ai non trascurabili effetti del tempo e della lunga esposizione alle condizioni atmosferiche.

«Abbiamo anche effettuato dei saggi, sul retro della statua, per far vedere come sarà dopo il restauro - spiega Carmelo Colaci - ma non ci hanno ancora fatto sapere nulla».
E così, se Sant’Oronzo resta a palazzo Carafa, la colonna - non una colonna qualsiasi - si offre agli sguardi di turisti e salentini avvolta tra le impalcature in metallo. Con attorno le luminarie, che proprio in questi giorno sono state montate in vista della tre giorni di festeggiamenti dal 24 al 26 agosto.
All’impalcatura sono stati tolti, da tempo ormai, i pannelli pubblicitari che qualche critica e pure perplessità avevano suscitato in molti.

Ma la colonna resta e resterà ingabbiata chissà per quanto ancora. Sicuramente, non una colonna qualunque, si diceva, ma un vero e proprio monumento realizzato utilizzando i rocchi crollati dello stelo marmoreo di una delle due colonne romane, che erano poste al termine della via Appia, a Brindisi.
Nelle scorse settimana, la questione era stata sollevata da Mario Fiorella e Giovanni Seclì, per conto del «Forum Ambiente e Salute», con una lettera indirizzata al Comune e alla Soprintendenza. «Per la colonna romana in piazza Sant’Oronzo si prospetta il proseguimento di un lungo periodo di impacchettamento inutile e dannoso in quanto ne nega la visibilità e fruibilità - hanno scritto Fiorella e Seclì - È assurdo che questa sia una variabile dipendente del restauro della statua. Ne viene sminuita l’importanza: il monumento viene così ancor più ridotto solo alla funzione di basamento per la statua. È assurdo che il principale monumento romano presente in città, pur se traslato da Brindisi, sia così sminuito nella sua importanza rispetto alla statua del ‘700, ancorché del Santo Patrono di Lecce. Ciò denota una inadeguata attenzione culturale dei beni presenti in città, con conseguente mancata valorizzazione». Da qui la sollecitazione a «rimuovere teloni e impalcature che impediscono soprattutto ai turisti di poter apprezzare una delle due colonne terminali della via Appia. Aspetto che andrebbe evidenziato, esaltando così l’importanza del monumento, che finora è stata ignorata».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie