Domenica 24 Marzo 2019 | 13:56

NEWS DALLA SEZIONE

Agricoltura in protesta
Lecce, Coldiretti e Gilet arancioni a Conte: «Bisogna fermare disastro Xylella»

Lecce, Coldiretti e Gilet arancioni a Conte: «Bisogna fermare disastro Xylella»

 
La visita
Patto Cnr-Eni sulla ricerca: il premier Conte in visita a Lecce

Patto Cnr-Eni sulla ricerca: il premier Conte arriva a Lecce
«Governo? Questa ultima esperienza» VD

 
Nel Basso salento
Incidente tra Casarano e Ugento: giovane motociclista perde la vita

Incidente tra Casarano e Ugento:
giovane motociclista perde la vita

 
A san Cataldo (Le)
Bombe della Seconda Guerra Mondiale trovate su spiaggia in Salento: distrutte

Bombe della Seconda Guerra Mondiale trovate su spiaggia in Salento: distrutte

 
Al confine con San Donaci
Campi S.na, cade in un pozzo di 4 metri, 64enne salvato dopo ore dai pompieri

Campi S.na, cade in un pozzo di 4 metri, 64enne salvato dopo ore dai pompieri

 
A lecce
Violentò figlia minorenne, ambulante condannato

Violentò figlia minorenne, ambulante condannato

 
La foto
Scritta shock contro il vicepremier a Lecce: «Non sparare a Salve, spara a Salvini»

Lecce, la scritta shock «Non sparare a salve, spara a Salvini» è stata cancellata

 
La mobilitazione
Xylella, da domani presidio permanente degli agricoltori a Lecce

Xylella, da domani presidio permanente degli agricoltori a Lecce

 
Il caso
Lecce, truffe ad Inps e Agenzie delle entrate: due indagati

Lecce, truffe ad Inps e Agenzie delle entrate: due professionisti salentini arrestati

 
L'iniziativa
Salento, ecco i maratoneti spazzini: sport contro gli zozzoni

Salento, ecco i maratoneti spazzini: sport contro gli zozzoni

 
Emergenza batterio killer
Xylella, lunedì 25 marzo incontro a Lecce con il ministro Lezzi

Xylella, lunedì 25 marzo incontro a Lecce con il ministro Lezzi

 

Il Biancorosso

L'ALLENATORE
Bari, le scelte di mister Cornacchini"Palmese difesa forte e ben organizzata"

Bari, le scelte di mister Cornacchini
"Palmese difesa forte e ben organizzata"

 

NEWS DALLE PROVINCE

HomeAgricoltura in protesta
Lecce, Coldiretti e Gilet arancioni a Conte: «Bisogna fermare disastro Xylella»

Lecce, Coldiretti e Gilet arancioni a Conte: «Bisogna fermare disastro Xylella»

 
FoggiaAnche lei premiata da Mattarella
È Rebecca, 10 anni da Lucera, l'Alfiere della Repubblica più giovane d'Italia

È Rebecca, 10 anni da Lucera, l'Alfiere della Repubblica più giovane d'Italia

 
MateraDroga
Coltivava marijuana in casa: arrestato 40enne nel Materano

Coltivava marijuana in casa: arrestato 40enne nel Materano

 
HomeIl siderurgico
Ex Ilva, Fim a Regione Puglia: «Avviare corsi per lavoratori in cassa integrazione»

Ex Ilva, Fim a Regione Puglia: «Avviare corsi per lavoratori in cassa integrazione»

 
BrindisiIl caso
Cimitero privatizzato a Ceglie Messapica, la Lega: «È una cosa sospetta»

Cimitero privatizzato a Ceglie Messapica, la Lega: «È una cosa sospetta»

 
BatIl caso
Canosa, «Datemi i soldi per la droga» e minaccia gli anziani genitori: arrestato

Canosa, «Datemi i soldi per la droga» e minaccia gli anziani genitori: arrestato

 
Altre notizie HomeTra sacro e profano
Sannicandro di Bari, ecco i pentoloni di ceci per festeggiare San Giuseppe

Sannicandro di Bari, ecco i pentoloni di ceci per festeggiare San Giuseppe

 

Lotta all'abusivismo

Gallipoli, blitz al mercato ittico: la piazza torna sotto chiave

Sequestrati tavolini e sedie di quattro pescherie e di un ristorante

Mercato Ittico Gallipoli

GALLIPOLI - Avevano violato i sigilli e continuato le loro attività sul suolo demaniale. Nuovi guai per cinque attività che si affacciano sul mercato ittico di Gallipoli: venerdì sera è scattato un altro blitz interforze, dopo quelli di un anno fa e dello scorso dicembre.

Polizia, carabinieri, guardia di finanza e capitaneria di porto di Gallipoli sono intervenuti in seguito a una riunione tecnica che si è svolta nei giorni scorsi e hanno apposto i sigilli a tutto ciò che occupava abusivamente i 415 metri quadrati di area demaniale già sottoposta a sequestro preventivo nel dicembre dello scorso anno.
Ad una pescheria è stata contestata l’occupazione di suolo demaniale marittimo e di demanio ferroviario. I titolari avevano posizionato due barche trasformate in espositori, 18 tavoli di legno, 8 tavoli di plastica, 12 sgabelli, 44 sedie di plastica e 57 sedie di legno. Tutti gli arredi sono stati sequestrati e affidati in custodia giudiziale al sindaco di Gallipoli. Sempre a carico della stessa pescheria è stata applicata una sanzione amministrativa di 1.500 euro e sono stati sequestrati, per assenza dei dati riguardanti la tracciabilità dei prodotti, 3 chili di prodotti ittici e 18 vasetti di vetro contenenti polpa di riccio di mare.

Ai titolari di una seconda pescheria, poi, sono stati contestati la violazione dei sigilli apposti nel precedente blitz e l’occupazione di suolo demaniale marittimo. Contestualmente, sono stati sequestrati (e affidati in custodia al primo cittadino) una botte di legno utilizzata come tavolino e sei sgabelli. Nello stesso locale sono stati trovati 17 chili di prodotti ittici privi di etichettatura: una violazione che ha portato gli investigatori a comminare ai titolari una sanzione amministrativa.
Violazione dei sigilli e occupazione di suolo demaniale marittimo sono i reati dei quali dovranno rispondere anche i titolari di un’altra pescheria e di ristorante, che fuori dal locale avevano posizionato rispettivamente un tavolino, 12 sgabelli e un ombrellone e 8 tavoli con 32 sedie. Gli arredi della prima attività sono stati sequestrati e affidati in custodia al sindaco, quelli della seconda affidati allo stesso titolare.

Infine, a carico di un’altra pescheria è stata disposta la rimozione, a cura dall’amministratore giudiziale, tramite una ditta privata, delle attrezzature già sottoposte a sequestro penale nell’ambito del procedimento avviato dopo il primo intervento congiunto delle forze dell’ordine.

Il decreto di sequestro dello scorso dicembre, emesso dal gip Stefano Sernia, era stato eseguito dalla polizia, dai carabinieri, dai finanzieri e dalla capitaneria di porto. Già durante il blitz del 14 luglio dello scorso anno, nelle 5 pescherie e nell’unico ristorante dell’area mercatale le forze dell’ordine, insieme all’ispettorato del lavoro e alla Asl, avevano accertato l’occupazione abusiva dell’area demaniale e la vendita al dettaglio di prodotti ittici (tra cui anche pesce crudo) senza le necessarie autorizzazioni previste per la somministrazione di alimenti e bevande. Inoltre, su 19 dipendenti, 10 erano risultati irregolari. Erano stati sequestrati 354 chili di prodotti ittici in cattivo stato di conservazione e con presenza di parassiti.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400