Mercoledì 24 Aprile 2019 | 11:51

NEWS DALLA SEZIONE

Tap e Poseidon
Gasdotti in Salento: un risiko tra energia e geopolitica

Gasdotti in Salento: un risiko tra energia e geopolitica

 
L'inchiesta
Lecce, magistrati arrestati: chiesto incidente probatorio. Altro pm indagato

Lecce, magistrati arrestati: chiesto incidente probatorio. Altro pm indagato

 
Il martedì dei leccesi
A Lecce la Pasquetta continua con «Lu riu»: tra pic nic e musica

A Lecce la Pasquetta continua con «Lu riu»: tra pic nic e musica

 
La tragedia di Pasquetta
Melendugno, contro frontale muore una 25enne: grave una coppia

Melendugno, scontro frontale muore 25enne: grave una coppia

 
A Ugento
Lecce, picchia e spara ad un 28enne poi punta l'arma contro i cc: arrestato

Lecce, picchia e spara ad un 28enne poi punta l'arma contro i cc: arrestato

 
Tutela ambientale
Lecce, scatta il divieto di accensione dei fuochi e barbecue nei boschi

Lecce, scatta il divieto di accensione dei fuochi e barbecue nei boschi

 
Il caso
Lo operano per un'ernia, gli tolgono un testicolo: risarcito

Lo operano per un'ernia, gli tolgono un testicolo: risarcito

 
Inchiesta Favori & giustizia
Pm Arnesano resta ai domiciliari: ma farà Pasqua con i suoi

Pm Arnesano resta ai domiciliari: ma farà Pasqua con i suoi

 
Nel Salento
Gallipoli, carabinieri portano uova di Pasqua ai bimbi ricoverati in ospedale

Gallipoli, carabinieri portano uova di Pasqua ai bimbi ricoverati in ospedale

 
Il caso
Taviano, entra in chiesa per rubare le offerte, ma i fedeli chiamano i cc

Taviano, entra in chiesa per rubare le offerte, ma i fedeli chiamano i cc

 
Lite in famiglia
Aradeo, colpisce con un coltello da cucina la cognata: arrestato

Aradeo, colpisce con un coltello da cucina la cognata: arrestato

 

Il Biancorosso

L'ANALISI
Bari, e adesso cosa si fa?Si accarezza il sogno scudetto

Bari, e adesso cosa si fa?
Si accarezza il sogno scudetto

 

NEWS DALLE PROVINCE

HomeLa visita
Ex Ilva, Di Maio a Taranto: scatta il sit in oltre la zona rossa

Ex Ilva, Di Maio a Taranto: scatta il sit in oltre la zona rossa

 
MateraIn fiamme
Matera, divampa un incendio ferito un carabiniere

Matera, divampa un incendio ferito un carabiniere

 
PotenzaIl nuovo volto della regione
Basilicata, Bardi prende tempo: giunta dopo i 10 giorni

Basilicata, Bardi prende tempo: giunta dopo i 10 giorni

 
LecceTap e Poseidon
Gasdotti in Salento: un risiko tra energia e geopolitica

Gasdotti in Salento: un risiko tra energia e geopolitica

 
BariApprovato dal Ministero
Teatro Petruzzelli a Bari, ok al Piano di risanamento

Teatro Petruzzelli a Bari, ok al Piano di risanamento

 
BrindisiSventata truffa
Ceglie Messapica, anziana mette in fuga finto maresciallo e finto avvocato

Ceglie Messapica, anziana mette in fuga finto maresciallo e finto avvocato

 
BatBotta e risposta
Andria, accuse e veleni: fra Marmo e Giorgino volano gli stracci

Andria, accuse e veleni: fra Marmo e Giorgino volano gli stracci

 

il governatore chiede incontro con Di Battista

Tap, Emiliano: presi in giro
pugliesi che hanno votato M5s

Gasdotto, in una lettera a Tap l’ipotesi approdo alternativo

BARI - «Quello che non posso accettare è che i pugliesi che hanno votato M5S - tra i quali tanti miei amici ed elettori - siano stati presi in giro. Tutti sapevano o dovevano sapere anche all’epoca di questo comizio che il Tap non si poteva bloccare a causa di un accordo internazionale di molti anni fa». E’ un passaggio del post che ha scritto su Facebook il presidente della Regione Puglia, Michele Emiliano, condividendo il post di un altro internauta che pubblica un video in cui Di Battista, in un comizio a San Foca (Lecce) il 2 aprile del 2017, sosteneva che con il governo del M5s la realizzazione del gasdotto Tap sarebbe stata bloccata in due settimane.

Tap è il gasdotto che dall’Azerbaijan approderà in Salento, sulla piaggia di San Foca, a Melendugno, ma le comunità e molte istituzioni locali sono contrarie, e per questo protestano da molto tempo contro il suo approdo. Nel suo post, Emiliano chiede l’aiuto di Di Battista per spostare l’approdo del Tap più a nord.
«Adesso - aggiunge Emiliano - Di Battista deve metterci la faccia accanto a noi pugliesi e provare a spostare l’approdo in una zona meno dannosa». «Dimostrerà così - conclude - di essere la brava persona che molti di noi pensano che sia».

HO BISOGNO DI INCONTRARE DI BATTISTA - «Ho bisogno dell’aiuto di Alessandro Di Battista. Vorrei incontrarlo. Parlargli. Trovare una strategia comune. Abbiamo idee diverse, è vero, ma tra lasciare il mondo come sta e trovare un posto dove il gasdotto fa meno danni, secondo me è meglio unire gli sforzi per spostarlo più a nord». Lo scrive su Facebook il presidente della Regione Puglia, Michele Emiliano (Pd), condividendo il post di un altro internauta che pubblica un video in cui Di Battista, a San Foca (Lecce) il 2 aprile del 2017, sosteneva che con il governo del M5s la realizzazione del gasdotto Tap sarebbe stata bloccata in due settimane.

Tap è il gasdotto che dall’Azerbaijan approderà in Salento, sulla piaggia di San Foca, a Melendugno, tra le proteste delle comunità e di molte istituzioni locali. Nei giorni scorsi all’Università del Salento è stato contestato il ministro per il Sud, la pentastellata leccese Barbara Lezzi, da alcuni manifestanti 'No Tap' che la accusavano di averli traditi.

Nel suo post, Emiliano sottolinea che «se non interveniamo subito, i lavori andranno avanti e non ci sarà modo di cambiare l'approdo».

«È vero - aggiunge - la Puglia non ha mai detto di voler bloccare il Tap, ma solo di spostarlo un pò più a nord per evitare rischi per i bagnanti su una delle nostre più belle spiagge, e per evitare di massacrare la provincia di Brindisi e di Lecce scavando e costruendo un gasdotto di quasi 60 chilometri, peraltro pagato 400 milioni di euro dai consumatori italiani nella loro bolletta, per collegare alla dorsale Snam adriatica un’opera privata che farà guadagnare molti soldi solo ai privati».

«La Puglia - precisa Emiliano - non ha nulla contro il gas come combustibile di transizione verso forme di energia più evolute e meno dannose, e crede nella esigenza strategica di emanciparsi dal monopolio del gas russo. Per questo da anni ha fatto una proposta di mediazione al Governo nazionale e agli ambientalisti e sindaci preoccupati dall’arrivo del gasdotto a San Foca».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400