Martedì 15 Ottobre 2019 | 15:16

NEWS DALLA SEZIONE

ROMA
Governo: Zingaretti, Pd non è subalterno

Governo: Zingaretti, Pd non è subalterno

 
ROMA
Zingaretti,valutare truppe a confine

Zingaretti,valutare truppe a confine

 
CROTONE
Scossa di terremoto 3.7 nel crotonese

Scossa di terremoto 3.7 nel crotonese

 
ROMA

 
ROMA

 
ROMA
Fioramonti, pagare meglio prof

Fioramonti, pagare meglio prof

 
CITTA' DEL VATICANO
Gauzzi comandante Gendarmeria vaticana

Gauzzi comandante Gendarmeria vaticana

 
NAPOLI
Treno si ferma, pendolari su binari

Treno si ferma, pendolari su binari

 
PIACENZA
Evasione da 2,5 milioni, due arrestati

Evasione da 2,5 milioni, due arrestati

 
NEW YORK
Hunter Biden, 'ridicole' accuse Trump

Hunter Biden, 'ridicole' accuse Trump

 
FIRENZE
Maxi furto,incastrati da Dna e arrestati

Maxi furto,incastrati da Dna e arrestati

 

Il Biancorosso

Lega pro
Metamorfosi Bari: una rinascita sotto il segno di Vivarini

Metamorfosi Bari: una rinascita sotto il segno di Vivarini

 

NEWS DALLE PROVINCE

Brindisinel Brindisino
Ostuni, violenta e sequestra la ex che riesce a fuggire: arrestato 52enne

Ostuni, violenta e sequestra la ex che riesce a fuggire: arrestato 52enne

 
Barila misura
Il questore: «Niente cellulari per Lestingi, patron di 'Meraviglioso Natale'»

Il questore: «Niente cellulari per Lestingi, patron di 'Meraviglioso Natale'»

 
Materareligione
Matera, Festa della Bruna: ecco il tema per il carro trionfale dell'edizione 2020

Matera, Festa della Bruna: ecco il tema per il carro trionfale dell'edizione 2020

 
Leccenel Leccese
Maglie, piante di marijuana in un terreno e droga in casa: denunciato 32enne

Maglie, piante di marijuana in un terreno e droga in casa: denunciato 32enne

 
Foggianel foggiano
San Severo, polizia sequestra terreno con 30 piante di marijuana

San Severo, polizia sequestra terreno con 30 piante di marijuana

 
Tarantola decisione
Tribunale Taranto, marinaio morto per amianto: 200mila euro di risarcimento agli eredi

Tribunale Taranto, marinaio morto per amianto: 200mila euro di risarcimento agli eredi

 
Batl'iniziativa
«Barletta non è una città accessibile»: il flash mob 'La rivolta delle carrozzine'

«Barletta non è una città accessibile»: il flash mob 'La rivolta delle carrozzine'

 
PotenzaI dati
Criminalità, per il Sole 24 Ore la Basilicata è «quasi tranquilla»

Criminalità, per il Sole 24 Ore la Basilicata è «quasi tranquilla»

 

i più letti

Slavo ucciso davanti al figlio nella Locride

Pepe Laykovac Tunevic, 36 anni, è rimasto vittima di un agguato compiuto stamane a Bovalino da due persone. Tunevic non aveva il permesso di soggiorno, ma da anni viveva nel campo nomadi di Gioia Tauro
BOVALINO (REGGIO CALABRIA) - E' stato ucciso davanti al figlio sordomuto Pepe Laykovac Tunevic, 36 anni, il cittadino slavo vittima di un agguato compiuto stamane a Bovalino da due persone.
Tunevic, che non aveva il permesso di soggiorno, ma da anni viveva nel campo nomadi di Gioia Tauro, è giunto a Bovalino stamane con la moglie ed i suoi cinque figli. L'uomo ed i suoi familiari hanno raggiunto la zona dove si svolge il mercato settimanale per vendere ai commercianti ambulanti delle miniature in legno di sua produzione. Tunevic era in compagnia di uno dei figli, mentre la moglie era con gli altri suoi bambini e stava visitando il mercato, quando è stato avvicinato da due persone con le quali si è appartato per parlare.
Mentre i tre stavano scambiando alcune parole uno dei due sconosciuti ha impugnato una pistola ed ha iniziato a sparare a distanza ravvicinata contro Tunevic il quale ha cercato di scappare. Dopo aver percorso alcuni metri lo slavo si è accasciato ed è morto. Il rumore degli spari ha provocato paura tra le numerose persone che erano tra le bancarelle del mercato che sono scappate.
Sul luogo dell'agguato sono poi giunti gli agenti della polizia di Stato che hanno avviato le indagini. Nonostante la presenza di numerose persone gli investigatori non hanno trovato nessun testimone che potesse raccontare la dinamica dell'omicidio. Solamente il foglio sordomuto di Tunevic ha indicato agli agenti della polizia che gli autori del delitto erano fuggiti a bordo di un ciclomotore non riuscendo poi ad aggiungere altri particolari utili alle indagini.
Sul luogo dell'omicidio gli investigatori non hanno trovato nessun bossolo e questo fa ipotizzare che per il delitto sia stato utilizzato un revolver. Dopo l'omicidio gli agenti del commissariato di Bovalino hanno compiuto numerose perquisizioni e controlli.
Gli investigatori hanno sentito anche i familiari e gli amici della vittima per ricostruire i suoi ultimi spostamenti e per accertare se l'uomo stamane doveva incontrare qualcuno. Nelle prossime ore il sostituto procuratore presso il tribunale di Locri, Giorgia De Ponte, affiderà l'incarico al medico legale per l'autopsia.
Gli investigatori, che per il movente del delitto non escludono nessuna ipotesi, ritengono che l'agguato possa essere riconducibili a contrasti nell'ambito della criminalità locale.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie