Domenica 21 Ottobre 2018 | 17:12

NEWS DALLA SEZIONE

La proposta
Giochi del Mediterraneo 2015Comune di Taranto si candida

Giochi del Mediterraneo 2015 Comune di Taranto si candi...

 
L'iniziativa
A Racale il pranzo a colori per dire noalla mensa separati del comune di Lodi

A Racale il pranzo a colori per dire no alla mensa sepa...

 
Il parco divertimenti
Basilicata, attrazioni da brivido: la Disneyland green pronta a marzo

Basilicata, attrazioni da brivido: la Disneyland green ...

 
Lo studio Ue
Basilicata corrotta, ecco chi paga la mazzette: la ricerca dell'Università di Gotenborg

Basilicata corrotta, ecco chi paga la mazzette: la rice...

 
Italia a 5 Stelle
Tap, Di Maio passa di lato a striscione attivisti a Circo Massimo

Tap, Di Maio passa di lato a striscione attivisti a Cir...

 
Indaga la Polizia
Foggia, grave un ragazzo 18 anni«Pestato da buttafuori discoteca»

Foggia, grave un ragazzo 18 anni «Pestato da buttafuori...

 
Il sequestro della villa
La denuncia alla Mirren farà scappare via i vip

«La denuncia alla Mirren farà scappare via i vip»

 
Calcio
Bari alla prova di MarsalaIl mister cerca la ripartenzaSegui la diretta dalle 15

Bari alla prova di Marsala
Segui la diretta dalle 14.30

 
Lavoro
Formazione professionale, Puglia verso l'emergenza: scadono 280 contratti

Formazione professionale, Puglia verso l'emergenza: sca...

 
Protesta a Bari
Disabili, addio palestra: la squadra di basket in carrozzina in strada:«Comune Bari accontenta gli amici»

Disabili, squadra  di basket in carrozzina per strada. ...

 
Davanti alla chiese
Bisceglie, spacciano 50 euro falseper le piantine dei malati di tumore

Bisceglie, spacciano 50 euro false per le piante dei ma...

 
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno

i più letti

polemiche pasquali

Foggia, mistero dei «Misteri»
in processione senza il vescovo

processione dei misteri a foggia

di FILIPPO SANTIGLIANO

FOGGIA - C’è chi prende posto con largo anticipo lungo il percorso perché, anche se ripetitivo, è tradizione dei foggiani partecipare alla processione del venerdì santo, quella dei «misteri» e dell’incontro dell’Addolorata con il Cristo morto.

L’ultima edizione, quella che si è conclusa venerdì notte con il rientro dei simulacri nel succorpo della Basilica Cattedrale, rischia di passare alla storia come la processione della rottura. Tutta interna al mondo ecclesiale e alle sue biforcazioni. Una Pasqua amara che regala il mistero dell’assenza dell’arcivescovo alla processione dei «misteri».

Con i foggiani che hanno accompagnato in migliaia e migliaia l’itinerario della processione preoccupati, in buona fede, che l’assenza dell’arcivescovo metropolita, mons. Vincenzo Pelvi, fosse dovuta ad una indisposizione influenzale.

I fedeli avevano infatti notato l’assenza dell’arcivescovo dalla lunga e suggestiva processione, ma gli interrogativi si sono moltiplicati al momento forse più amato e sentito del Triduo Pasquale a Foggia, ovvero il suggestivo incontro dell’Addolorata con la teca del Cristo deposto, che come sempre avviene in Piazza XX Settembre, davanti la Chiesa di San Francesco Saverio, accompagnato dalla struggente musica della banda. Quel momento di solito è seguito più che da una omelia da un discorso, una riflessione dell’arcivescovo. Invece il baldacchino davanti alla chiesa delle «colonne» (così viene chiamata quella di San Francesco Saverio) è rimasto vuoto. «Sarà influenzato il vescovo», si sono detti convinti i foggiani.

Invece nulla di tutto questo. Il motivo dell’assenza si è saputo il giorno dopo, e cioè ieri sabato santo, ed è dovuto proprio a un elemento caratteristico della processione dei «misteri», la presenza delle Confraternite e delle Pie Unioni, un pezzo importante della tradizione religiosa del capoluogo dauno che è in rotta di collisione con il metropolita della diocesi foggiana. Secondo indiscrezioni trapelate dal mondo ecclesiale, l’assenza dell’arcivescovo sarebbe una ripicca nei confronti delle Confraternite che, richiamate nei mesi scorsi dall’arcivescovo circa il loro ruolo spirituale e non commerciale (questue e vendita di loculi al cimitero), non avrebbero dato ascolto alle sue parole. Un atteggiamento non tollerato dall’alto prelato che tra le altre cose è tenente generale dell’Esercito a riposo essendo stato «ordinario militare d’Italia» su nomina di Papa Benedetto XVI.

A Foggia le Confraternite sono in tutto 13: Madonna del Carmine, Madonna della Croce, Madonna dei sette dolori, del Monte Calvario, Santa Maria delle Grazie, San Biagio, San Giuseppe, San Luigi, Sant’Eligio, Santa Monica, Santissima Annunciata, Santissimo Sacramento e della Santissina Trinità. Alle confaternite, alcune centenarie e con sedi in suggestive chiese barocche del centro storico di Foggia, si aggiungono anche le Pie Unioni, in tutto tre: della Gioventù Antoniana, di Sant’Anna e dell’Addolorata.

Sono i soci di Confraternite e Pie Unioni che animano l’attesa processione dei «misteri», chi sorreggendo o spingendo i simulacri chi facendo cornice all’evento con gli abiti tradizionali. E forse per questo motivo, proprio per rendere più plateale la rottura, che l’arcivescovo di Foggia, Pelvi, ha deciso di non partecipare all’evento religioso, come detto uno dei più importanti della «settimana santa» in Capitanata con quelli di San Marco in Lamis, Vico, Monte Sat’Angelo, Troia.

I responsabili delle confraternite e delle pie unioni non hanno assunto al momento alcuna posizione ufficiale, tuttavia si evidenzia che alla fine ad essere stati colpiti siano stati soprattutto i fedeli che, all’oscuro della diatriba interna, sono stati privati di quelle parole di accompagnamento del loro vescovo in uno dei momenti più significativi nel percorso verso la domenica di Pasqua. Ma pare che sia soltanto un momento, perché l’arcivescovo ha già preparato il testo dell’omelia di Pasqua che sarà dedicata ai giovani.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400