Sabato 23 Febbraio 2019 | 01:43

NEWS DALLA SEZIONE

Verso le regionali
Elezioni, a Potenza e Matera le prime liste: sono di centrodestra e M5S

Elezioni, a Potenza e Matera le prime liste: sono di centrodestra e M5S

 
Il provvedimento
Decreto Xylella, multe fino a 10mila euro per chi non denuncia e non taglia piante infette

Decreto Xylella, multe fino a 10mila euro per chi non denuncia e non abbatte
La Regione: in atto prescrizioni Ue

 
Salento
Villa al mare del pm a Porto Cesareo, M5S fa un passo indietro e ritira l'interrogazione

Villa al mare del pm a Porto Cesareo, M5S fa retromarcia e ritira interrogazione

 
Ambiente
Raccolta differenziata, tour di Stea nel Foggiano: «premiata» anche una Rssa

Raccolta differenziata, tour di Stea nel Foggiano: «premiata» anche una Rssa

 
La sentenza
Bari, offese tra ragazzi via whatsapp: per la Cassazione è diffamazione

Bari, offese tra ragazzini via whatsapp: per la Cassazione è diffamazione

 
Il progetto
Lecce, i detenuti riparano barca migranti: sarà usata da ragazzi "difficili"

Lecce, i detenuti riparano barca migranti: sarà usata da ragazzi "difficili"

 
Ambiente
Bari, 3500 ricci sequestrati e rimessi in mare dalla Guardia Costiera

Bari, 3500 ricci sequestrati e rimessi in mare dalla Guardia Costiera VD

 
La proposta
Petruzzelli, il sottosegretario Vacca: «Cambiare nome a Fondazione»

Petruzzelli, il sottosegretario Vacca: «Cambiare nome a Fondazione»

 
Serie B
Lecce calcio, Liverani: «Cittadella squadra fastidiosa»

Lecce calcio, Liverani: «Cittadella squadra fastidiosa»

 
Il batterio killer
Xylella, Centinaio rinvia la visita in Puglia. I gilet arancioni: «potrà approvare i decreti»

Xylella, Centinaio rinvia la visita in Puglia. I gilet arancioni: «potrà approvare i decreti»

 
Il siderurgico
Ex Ilva a Taranto, ripartono gli impianti: soddisfazione della Fim

Ex Ilva a Taranto, ripartono gli impianti: soddisfazione della Fim

 

NEWS DALLE PROVINCE

PotenzaVerso le regionali
Elezioni, a Potenza e Matera le prime liste: sono di centrodestra e M5S

Elezioni, a Potenza e Matera le prime liste: sono di centrodestra e M5S

 
LecceSalento
Villa al mare del pm a Porto Cesareo, M5S fa un passo indietro e ritira l'interrogazione

Villa al mare del pm a Porto Cesareo, M5S fa retromarcia e ritira interrogazione

 
BariLa sentenza
Bari, offese tra ragazzi via whatsapp: per la Cassazione è diffamazione

Bari, offese tra ragazzini via whatsapp: per la Cassazione è diffamazione

 
HomeIl siderurgico
Ex Ilva a Taranto, ripartono gli impianti: soddisfazione della Fim

Ex Ilva a Taranto, ripartono gli impianti: soddisfazione della Fim

 
BrindisiFurto in casa
San Vito dei Normanni, ristrutturano abitazione e rubano 2.500 euro: denunciati n 2

San Vito dei Normanni, ristrutturano abitazione e rubano 2.500 euro: 2 denunciati 

 
GdM.TVGli arresti della Polizia
Andria, assaltavano tir con esplosivo e armi: decimato clan Griner, 11 in carcere

Andria, assaltavano tir con esplosivo e armi: decimato clan Griner, 11 in carcere

 
MateraSfruttamento
Metaponto, ecco la Felandina: il «ghetto» dove vivono 400 disperati

Metaponto, ecco la Felandina: il «ghetto» dove vivono 400 disperati

 
FoggiaAtti vandalici
Foggia, bus Ataf presi a sassate da baby gang

Foggia, bus Ataf presi a sassate da baby gang

 

maltrattamenti a venosa

Lo scandalo al «Trinitari»
e la scomparsa di Sessa
Istituto: gestione corretta

Dal 2013 nessuna traccia del’uomo, che era ricoverato nell’Istituto Venosino

Gaetano Sessa

Gaetano Sessa

di GIOVANNI RIVELLI

Riaprite le indagini per valutare la scomparsa di Gaetano Sessa (il 43enne di Pagani in provincia di Salerno ricoverato nell’Istituto dei Padri Trinitari di Venosa di cui non si ha più alcuna notizia dal 5 luglio del 2013) alla luce delle ultime notizie s quanto accadeva nella struttura.

È l’istanza avanzata ieri mattina dai familiari dello scomparso al Procuratore Generale presso la Corte d’Appello di Potenza e al Procuratore presso il tribunale per mezzo degli avvocati Gerardo Striano e Miriam Rossi.

Per quella scomparsa sono a giudizio 5 persone, che rispondono di concorso in abbandono di persone incapaci, perché accusate in sostanza di non aver vigilato e predisposto le necessarie misure per evitare l’allontanamento e tra queste anche alcuni degli indagati nella vicenda dei maltrattamenti deflagrata lunedì mattina, vale a dire padre Angelo Cipollone, direttore della struttura, il neuropsichiatra Michele Germano e il coordinatore degli operatori Gerardo Antonio Pepe e tre di questi, Davide Brescia e Antonio Laraia (questi ultimi due non coinvolti dall’ultima indagine) e proprio ieri doveva celebrarsi un’udienza del processo saltata per il contemporaneo svolgimento degli interrogatori di garanzia.

Ma ora i familiari hanno chiesto di «proseguire o riaprire le indagini di polizia giudiziaria allo scopo di accertare eventuali e più gravi reati a carico degli imputati» motivando la richiesta proprio con le «notizie apprese da organi di stampa e da tv nazionali in merito ai fatti di cronaca che hanno visto coinvolti nelle ultime ore il legale rappresentante dell’Istituto psicopedagogico “Ada Ceschin Pilone” di Venosa e altri dipendenti della struttura».

Quell’allontanamento, almeno fino ad oggi, è rimasto un mistero tanto nella sua dinamica quanto nelle sue motivazioni. Una sparizione che sarebbe avvenuta di sera, intorno alle 20.30, e senza lasciare traccia. Gaetano sarebbe stato visto l’ultima volta davanti al portone d’ingresso del centro, mentre fumava una sigaretta, vestito con una maglietta a maniche corte bianca con fascia centrale, un pantalone beige e delle scarpe da ginnastica. Lui, si seppe successivamente, non si era mai allontanato volontariamente nemmeno dalla sua famiglia e la questione, anche per questo, fece molto pensare lasciando aperte anche le porte di un omicidio o un incidente oltre a quella, scontata, dell’allontanamento volontario. E ora i familiari chiedono ai magistrati di riprendere in mano quel fascicolo.

L'ISTITUTO: LA GESTIONE CORRETTA - «Padre Angelo Cipollone ha impiegato la propria intera vita a servizio della disabilità e dell’emarginazione». Lo ha detto l’avvocato Fabio Viglione, legale di padre Cipollone - coinvolto nell’inchiesta su presunti maltrattamenti nell’istituto di riabilitazione dei Padri Trinitari a Venosa (Potenza) e Bernalda (Matera), che ha portato lunedì scorso otto persone agli arresti domiciliari - esprimendo poi «fiducia nell’accertamento della magistratura, che non potrà che verificare l’assoluta correttezza della gestione dell’Istituto».
«Sin dagli anni Settanta - ha aggiunto Viglione - ha portato avanti, con amore, dedizione e spirito di sacrificio, il proprio progetto esistenziale, promuovendo una reale e feconda integrazione all’interno della comunità. Non si può che guardare con la massima fiducia a quella che sarà la verifica reale dei fatti, che riscontrerà la massima correttezza e limpidezza della sua opera di servizio».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400