Martedì 19 Febbraio 2019 | 03:20

NEWS DALLA SEZIONE

Sentenza d'appello
Trani, giudice Nardi calunniò colleghe e avvocato: confermata condanna

Trani, giudice Nardi calunniò colleghe e avvocato: confermata condanna

 
Gestione affidata all'Ager
Rifiuti in Puglia, intesa sull''organico: 100 euro a tonnellata, niente trucchi sulle impurità

Rifiuti in Puglia, intesa sull'organico: 100 euro a tonnellata, niente «trucchi» su impurità. Stea: verso riduzione Tari

 
Trasporti
Lavori aeroporto Foggia, Emiliano: «Basta ritardi, la misura è colma»

Lavori aeroporto Foggia, Emiliano: «Basta ritardi, la misura è colma»

 
Dopo la protesta
Ex Ilva, deputati M5s contestati a Taranto: «Traditori». La replica: «Mai parlato di chiusura»

Ex Ilva, deputati M5s contestati a Taranto: «Traditori». La replica: «Mai parlato di chiusura»

 
Vicino al Duomo
Lecce, banda di baby bulli aggredisce 13enni: indaga la Polizia

Lecce, banda di baby bulli aggredisce 13enni: indaga la Polizia

 
La lettera del sindaco
Palagiustizia Bari, Decaro: «Mi aspetto risposte da Bonafede»

Palagiustizia Bari, Decaro: «Mi aspetto risposte da Bonafede»

 
La rabbia del sindaco
Giovinazzo, imbrattano con spray il palazzo vescovile: «Gesto da mocciosi»

Giovinazzo, imbrattano con spray il palazzo vescovile: «Gesto da mocciosi»

 
La discussione alla camera
Acqua, la riforma grillina smantellerà pure Aqp

Acqua, la riforma grillina smantellerà pure Aqp

 
Nel Nordbarese
Trani, 2700 bombole GPL non collaudate: maxisequestro della GdF

Trani, 2700 bombole GPL non collaudate: maxisequestro della GdF

 
La nomina
Basilicata, Berlusconi presenta il candidato unico del centro destra: è Bardi

Basilicata, Berlusconi presenta il candidato unico del centro destra: è Bardi

 
Lotta allo spaccio
San Severo, in camera 10 kg di droga e un’arma clandestina: arrestato 28enne

San Severo, in camera 10 kg di droga e un’arma clandestina: arrestato 28enne

 

NEWS DALLE PROVINCE

LecceNel Leccese
Distruggono macchia mediterranea per costruire edifici, due denunce a Porto Cesareo

Distruggono macchia mediterranea per costruire edifici, due denunce a Porto Cesareo

 
HomeDopo la protesta
Ex Ilva, deputati M5s contestati a Taranto: «Traditori». La replica: «Mai parlato di chiusura»

Ex Ilva, deputati M5s contestati a Taranto: «Traditori». La replica: «Mai parlato di chiusura»

 
BariLa lettera del sindaco
Palagiustizia Bari, Decaro: «Mi aspetto risposte da Bonafede»

Palagiustizia Bari, Decaro: «Mi aspetto risposte da Bonafede»

 
BrindisiLotta alla droga
Carovigno, "spiaggiati" a Punta Penna Grossa 14 kg di marijuana

Carovigno, "spiaggiati" a Punta Penna Grossa 14 kg di marijuana

 
MateraDopo la frana
Pomarico, servizio di vigilanza davanti alle scuole

Pomarico, servizio di vigilanza davanti alle scuole

 
HomeLa nomina
Basilicata, Berlusconi presenta il candidato unico del centro destra: è Bardi

Basilicata, Berlusconi presenta il candidato unico del centro destra: è Bardi

 
FoggiaLotta allo spaccio
San Severo, in camera 10 kg di droga e un’arma clandestina: arrestato 28enne

San Severo, in camera 10 kg di droga e un’arma clandestina: arrestato 28enne

 

accolto ricorso

«Il Comune di Parabita
non è mafioso», Tar Lazio
annulla scioglimento

comune di parabita

Il Tar del Lazio annulla lo scioglimento per infiltrazioni mafiose del consiglio comunale di Parabita. La sentenza è stata resa nota pochi minuti fa. I giudici hanno ritenuto fondato il ricorso del sindaco Alfredo Cacciapaglia e degli altri amministratori, estromessi dall'amministrazione del Comune con decreto del Presidente della Repubblica del 7 febbraio 2017.Le vicende penali da cui ha preso il via l'indagine amministrativa (cioè l'arresto dell'ex vicesindaco Giuseppe Provenzano e di altre persone nell'ambito dell'operazione antimafia Coltura), per i giudici riguardavano solo l'ex vicesindaco e si riferivano a fatti antecedenti alle elezioni del 2015. Per il Tar, non ci sono elementi concreti, univoci e rilevanti idonei a configurare la compromissione del buon andamento o dell'imparzialità dell'amministrazione comunale.
Dal momento dello scioglimento, il Comune è stato amministrato da una terna di commissari composta da Andrea Cantadori, Gerardo Quaranta e Sebastiano Giangrande.
Il sindaco e gli amministratori Gianluigi Grasso, Pierluigi Leopizzi, Salvatore Tiziano Laterza, Biagio Coi e Sonica Cataldo sono stati rappresentati in giudizio dagli avvocati Pietro Quinto e Luviano Ancora.

Le indagini del Ros avevano accertato - secondo l’accusa - 'favori' fatti da esponenti del Comune alle famiglie vicine a un clan per assegnare loro voucher-buoni lavoro, contributi in denaro, alloggi popolari, locali commerciali e riservare assunzioni tra i netturbini con costi aggiuntivi per l'amministrazione comunale. Il Comune, cioè, avrebbe favorito i boss della Sacra Corona Unita anche con i voucher.

«GIUSTIZIA E' FATTA» - «Giustizia è fatta. Perché lo Stato possa intervenire sciogliendo il Consiglio Comunale devono sussistere elementi certi e indiscutibili che dimostrino come la gestione amministrativa dell’Ente sia effettivamente inquinata o possa esserlo per effetto di infiltrazioni malavitose. Nel caso di Parabita» questa dimostrazione «non vi era stata». E’ il commento dell’avvocato Pietro Quinto che con il collega Luciano Ancora ha difeso il Sindaco di Parabita, Alfredo Cacciapaglia, e i Consiglieri Comunali nel giudizio davanti al Tar Lazio contro il decreto di scioglimento per presunte infiltrazioni mafiose.
La vicenda era partita dalle indagini sfociate in 22 arresti nell’ambito di una operazione della Dda di Lecce del dicembre 2015 denominata «Coltura». Tra gli arrestati anche il vice sindaco del comune salentino Giuseppe Provenzano, accusato di aver favorito il gruppo Giannelli della Sacra Corona Unita. Su proposta del Prefetto di Lecce e dell’apposita Commissione di indagine era stato quindi emanato il decreto di scioglimento per infiltrazioni mafiose con la nomina di tre commissari. Nel ricorso al Tar i legali hanno evidenziato «la carenza dei presupposti per l’adozione del grave provvedimento lesivo dell’autonomia comunale» e i «vizi del procedimento derivanti dal forzato collegamento tra i fatti oggetto delle indagini penali riguardanti un’ampia zona del territorio del Sud Salento e le vicende amministrative del Comune, senza che fossero individuati atti e procedimenti che attestassero un condizionamento della complessiva attività amministrativa del Comune».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400