Martedì 25 Settembre 2018 | 12:41

Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno

lungo l'adriatico

Trivelle, Consiglio di Stato
boccia il ricorso della Puglia

trivelle petrolifere

ROMA - Il Consiglio di Stato, respingendo i ricorsi presentati dalla Regione Abruzzo contro il ministero dell’Ambiente e la società Spectrum Geo Lfd, ha di fatto dato il via libera alle attività di trivellazione, cioè di prospezione e ricerca di gas al largo della costa adriatica, dall’Emilia Romagna fino alla Puglia. Le decisioni sono contenute in una serie di sentenze pubblicate tra il 28 febbraio e l’8 marzo.

Nel dettaglio le sentenze sono tre, tutte della quarta sezione del Consiglio di Stato. Le prime due, del 28 febbraio, riguardano due ricorsi analoghi presentati della Regione Abruzzo, che avevano visto l’intervento della Regione Puglia a sostegno di parte delle posizioni sostenute dall’Abruzzo. La terza dell’8 marzo è relativa a un ricorso presentato dalla provincia di Teramo e da una serie di comuni della costa abruzzese. Controparte oltre al ministero dell’Ambiente, anche il ministero delle Sviluppo economico e quello dei Beni culturali.
I motivi di ricorso sono stati giudicati in parte infondati in parte inammissibili e molte delle censure sono state giudicate «generiche». Mentre «l'istruttoria svolta dai Ministeri appellati appare nel complesso completa, articolata e rispettosa dell’iter normativo nella sua interezza», si legge nella sentenza del 28 febbraio.

Le sentenze del Consiglio di Stato sulle trivelle, che sbloccano le Via, ossia le valutazioni di impatto ambientale emesse dal ministero dell’Ambiente, consentiranno la ricerca e le prospezione di idrocarburi con la metodica dell’air gun, letteralmente 'pistola ad arià. Questo sistema consente di utilizzare la pressione dell’aria per creare dei piccoli sommovimenti nel sottosuolo marino e consente di captare dei segnali per capire se ci sia presenza di gas o petrolio.

Secondo i ricorrenti, e quindi la regioni Abruzzo e la Puglia, però, questo può causare danni.

«Oggi - sostiene Stelio Mangiameli, uno dei legali che ha rappresentato la Regione Puglia - ci sono metodiche molto meno invasive. L’air gun, che ora è una delle metodiche che va per la maggiore, provoca sommovimenti che a loro volta determinano dei suoni grazie ai quali è possibile verificare la presenza di idrocarburi. Ma allo stesso tempo distrugge il plancton, spaventa delfini e pesci, crea nella zona una temporanea crisi ittica. Ora esistono metodiche che invece sono in grado di sfruttare rumori già esistenti, per esempio quelli prodotti da una linea ferroviaria, con un impatto molto inferiore sull'ambiente».

IL PRESIDENTE LOIZZO: E' PURA FOLLIA - «Continuare a puntare sulla ricerca degli idrocarburi nell’Adriatico non è un errore, è pura follia». Lo sostiene il presidente del Consiglio regionale della Puglia, Mario Loizzo, commentando le sentenze del Consiglio di Stato sulle trivelle, che sbloccano le valutazioni di impatto ambientale emesse dal ministero dell’Ambiente, consentendo la ricerca e le prospezione di idrocarburi con la metodica dell’air gun.

«E' una tecnica che può fare solo danni e noi - sottolinea Loizzo - non ci possiamo permettere di fare del male nostri mari. Non dobbiamo mettere a rischio la bellezza straordinaria di oltre 800 chilometri di coste pugliesi, ne va della nostra economia ed è pure sostenibile: il turismo, la pesca, il diporto nautico non avvelenano nessuno».

Anche i vicepresidenti del Consiglio regionale pugliese, Peppino Longo (Popolari) e Giandiego Gatta (Forza Italia) esprimono preoccupazione per il rigetto dei ricorsi. «Una decisione che apprendiamo con rammarico, perché - sostiene il forzista - non c'è nulla possa giustificare la devastazione dei nostri mari. Ci auguriamo che il prossimo governo mostri maggiore attenzione e sensibilità verso l’ambiente e la tutela delle nostre risorse naturali».

Da parte di Longo arriva inoltre "l'invito a tutti i rappresentanti delle istituzioni e tutti gli italiani alla mobilitazione attiva».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

ALTRI ARTICOLI DALLA SEZIONE

Ilva, da giovedì confronto con i sindacati su esuberi

Ilva, da giovedì confronto con i sindacati su esuberi

 
Ristoratore non paga stipendi a cameriera, compagno di lei tenta di ucciderlo

Ristoratore non paga stipendi a cameriera, compagno di lei lo accoltella

 
Lecce, casa di riposo per anziani abusiva, denunciato titolare

Lecce, casa di riposo per anziani abusiva, denunciato titolare

 
Furti di mezzi nelle aziende agricoleArresti a Bari e a Foggia

Furti di mezzi in aziende agricole per 100mila euro, arresti a Bari e a Foggia
Il video dell'operazione

 
Bari, aggressione a corteo anti Salvini, la Cgil: «Domani tutti in piazza»

Bari, aggressione a corteo anti Salvini «Tutti in piazza». Legali Casapound: nessun assalto

 
Dall'industria alla cultura: ok all'intesa tra Puglia e Mosca

Dall'industria alla cultura: ok all'intesa tra Puglia e Mosca

 
Bari, sparatoria a Carbonara: un morto e un ferito

Bari, inseguimento con sparatoria per strada: un morto e un ferito grave. Sono i figli del boss ucciso nel 1994 VD

 
Sanitopoli lucana, Pittella torna libero

Sanitopoli lucana, tornano liberi Pittella e Montanaro (ex Asl Bari)

 

GDM.TV

Arresti a Foggia e Bari per furti mezzi agricoli: l'operazione

Arresti a Foggia e Bari per furti mezzi agricoli: l'operazione

 
Bari, il coro dei 10mila che cantano: «Bari grande amore»

Stadio San Nicola, il coro dei 10mila canta: «Bari grande amore»

 
Bari, viale Traiano: è cominciata la demolizione del ponte

Viale Traiano a Bari: al via la demolizione del ponte

 
La Sancataldese in hotel: «Oggi col Bari vittoria secca»

La Sancataldese (illusa) in hotel: «Oggi col Bari vittoria secca»

 
Corteo anrtisalvini a Bari, i momenti di tensione con la Polizia

Corteo antisalvini a Bari, i momenti di tensione con la Polizia

 
Acquaviva, rapinatore di marketincastrato dalla ruggine dell'auto

Acquaviva, rapinatore di market incastrato dalla ruggine dell'auto

 
Razzismo, mazze e cinghie in scontri corteo: ferita eurodeputata

Razzismo, mazze e cinghie in scontri a corteo: ferita eurodeputata

 
Tuffi dalla scogliera, la finale a Polignano: lo spot è virale

Tuffi dalla scogliera, la finale a Polignano: lo spot è virale VD

 

PHOTONEWS