Giovedì 20 Settembre 2018 | 01:03

Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno

Potenza

Lo scandalo delle scale mobili
più lunghe e degradate d'Europa

Annunciate trionfalmente come concorrenti con quelle di Tokyo sono perennemente bloccate e ormai abbandonate al degrado assoluto

Lo scandalo delle scale mobili più lunghe e degradate d'Europa

Quanta tristezza mette oggi entrare nelle scale mobili di Potenza, la città europea con il sistema di trasporto meccanizzato più lungo d’Europa. «Con i suoi tre impianti raggiunge 1,3 chilometri con una capacità di trasporto di 18 mila persona l’ora, di poco inferiori a quelli di Tokyo, prima al mondo con 1,5 chilometri». Sono lontani i tempi in cui si snocciolavano i dati dei passaggi sulla Scala Mobile Prima, su via Armellini, su Santa Lucia: 12 mila al giorno, 3.600 lungo il ponte attrezzato e la scala mobile con punte il fine settimana fino a 5.000 passaggi; 5.000 nella Scala mobile Prima e circa 3.000 a via Armellini.

Gli anni sono passati, l’inaugurazione otto anni fa del ponte attrezzato, sembra lontanissima e l’orgoglio ha lasciato il posto ai sempre più evidenti segni dell’abbandono sulle pareti intrise di muffa, sui secchi a terra sparsi qua e là per raccogliere l’acqua piovana e le rampe delle scale mobili cominciano ad essere sempre più «immobili».

Soffre il sistema meccanizzato potentino. Soffre e non c’è cura. La Scala Mobile Prima con 18 rampe e 4 ascensori verticali, quella di via Armellini con 4 rampe e 2 ascensori verticali, e l’impianto Santa Lucia, con le sue 26 rampe, 2 ascensori inclinati e 4 verticale, oltre al ponte sono completamente abbandonati. Mai fatta una manutenzione e a risentirne è l’impianto storico, la Scala mobile Prima. Sopravvive con piccoli espedienti: si cerca di mantenere in vita le rampe in salita, a scendere ormai sono praticamente quasi tutte bloccate. I quadri realizzati dagli studenti abbelliscono la parete, ma lungo il corridoio centrale secchi per raccogliere l’acqua fanno pensare a una gimcana, in realtà sono lo specchio del degrado.

Ecco la porta d’ingresso di Potenza. Il cartellino da visita che offriamo a quanti arrivano nella città metropolitana. Turisti o viaggiatori che uscendo dalla stazione di Potenza Centrale trovano il primo impianto Del Basento, che conduce al «nulla», come quella che porta a via Armellini, ma doveva arrivare a rione Mancusi, tra giardini e verde. Vecchie polemiche mai sopite, antiche querelle politiche sul trasporto pubblico, con una città che aveva un sogno: fare della mobilità integrata il suo punto di forza: scale mobili, metropolitana, navette, trasporto pubblico. Tutto è rimasto sulla carta. Nessuna integrazione tra i diversi sistemi di mobilità, un parcheggio su viale dell’Unicef inutilizzato, un servizio pubblico inesistente, una metropolitana dalle grandi potenzialità non sfruttata, nessun terminal di autobus. Non ci sono i soldi, c’è stato il dissesto. Poi la ridda di accuse. Quello che manca è lo sdegno davanti al degrado che avanza. [l.ier.]

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

ALTRI ARTICOLI DALLA SEZIONE

Duplice omicidio a Barletta, madre e figlio assolti: «Non hanno commesso il fatto»

Duplice omicidio a Barletta, madre e figlio assolti: «Non hanno commesso il fatto»

 
Calcio, è «Barimania»: in tre giorni vendute 4650 fidelity card

Calcio, è «Barimania» in tre giorni vendute 4650 fidelity card

 
Conte sul Gargano per l'anniversario della morte di San Pio: «Lui sempre con me»

Conte sul Gargano per celebrare San Pio: «Lui sempre con me»

 
M5S, chiede dimissioni Mangano: «Condannato per violenza sessuale non rappresenti la Puglia»

M5S, chiede dimissioni Mangano: «Condannato per violenza sessuale non rappresenti la Puglia»

 
Fiera del Levante, scoperti dalla Guardia di Finanza 120 bagarini

Fiera del Levante, scoperti dalla Guardia di Finanza 120 bagarini

 
Disoccupazione giovanile, Puglia tra le regioni con più Neet in Europa

Disoccupazione giovanile, Puglia tra le regioni con più Neet in Europa

 
«Mettetevi in malattia», bufera alla Asl Bari

«Mettetevi in malattia», bufera alla Asl Bari
Ascolta il messaggio audio 

 
Consorzio nazionale ovicoltori: «La Xylella è come un terremoto»

Consorzio nazionale olivicoltori: «La Xylella è come un terremoto»

 

GDM.TV

I campioni di tuffi si sfidano a Polignano: in arrivo la Red Bull Cliff Diving

I campioni di tuffi si sfidano a Polignano: ecco la Red Bull Cliff Diving

 
La droga dal Marocco a Pisa per lo spaccio in tutta Italia fino a Bari

La droga dal Marocco a Pisa per lo spaccio in tutta Italia fino a Bari

 
Pesca a strascico, il grande fratello inchioda 11 barche: in cella comandante di peschereccio

Pesca a strascico, multate 11 barche
in cella comandante di peschereccio

 
Fiera: gli spazi più amati dai 260mila visitatori, Toti e Tata e l'allenamento "military style" con l'esercito

Fiera: 260mila visitatori, Toti e Tata e l'allenamento «military style»

 
Bari, il coro dei 600 tifosi in trasferta a Messina

Bari, il coro dei 600 tifosi in trasferta a Messina

 
Bari, anziano cade in un pozzoil salvataggio dei Vigili del fuoco

Bari, anziano cade in un pozzo
il salvataggio dei Vigili del fuoco Vd

 
Bari, il raduno dei bikers:moto, birra e tanta musica IL VIDEO

Bari, il raduno dei bikers: moto,
birra e tanta musica fino a sera

 
Grave incidente in via Barisano da Trani: motociclista in codice rosso

Grave incidente in via Barisano da Trani: motociclista in codice rosso

 

PHOTONEWS