Sabato 16 Febbraio 2019 | 05:05

NEWS DALLA SEZIONE

L'anniversario
Bari, 20 anni dalla morte Tatarella: un libro per ricordarlo

Bari, ricordato Tatarella a 20 anni dalla morte

 
Sfiducia al sindaco
San Giovanni Rotondo, al Comune arriva il commissario

San Giovanni Rotondo, al Comune arriva il commissario

 
In via Manfredonia
Foggia, auto contro pilone, 76enne muore sul colpo

Foggia, auto contro pilone, 76enne muore sul colpo

 
Nel Materano
Frana a Pomarico, Governo dà l'ok allo stato d'emergenza

Frana a Pomarico, governo dà l'ok allo stato d'emergenza

 
A poggioreale (Na)
Viola i domiciliari, Tommy Parisi torna in carcere

Viola i domiciliari, Tommy Parisi torna in carcere

 
Sanità
Castellana Grotte, Emiliano inaugura il reparto di Oncologia al De Bellis

Castellana Grotte, Emiliano inaugura il reparto di Oncologia al De Bellis

 
Parla Gabrielli
Prefettura Bari, Gabrielli: «Terrorismo minaccia liquida, tenere alta la guardia»

Prefetto Bari: «Terrorismo minaccia liquida, tenere alta la guardia»

 
Nel Barese
Bancarotta fraudolenta per 1,3mln di euro: GdF sequestra capannone a Gioia del Colle, 4 denunce

Bancarotta per 1,3mln di euro: GdF sequestra capannone a Gioia del Colle, 4 denunce

 
L'appuntamento
Locri - Bari: il punto con La Voce Biancorossa, segui la diretta

Bari, su Biancorosso le nuove maglie e il futuro di Cornacchini. Locri-Bari, il prepartita Video

 
Sanità
Asl Bari verso il licenziamento di 25 medici: «Stop ai pensionati negli ambulatori»

Asl Bari verso il licenziamento di 25 medici: «Stop pensionati in ambulatori»

 
Scandalo sanità
Diabete, scandalo Freestyle: la striscia per misurare glicemia, in Puglia costa più che nel resto d'Italia

Diabete: in Puglia la striscia per misurare glicemia costerà più che nel resto d'Italia

 

NEWS DALLE PROVINCE

BatIl caso
«Ti amo Luigi», a Trani imbrattata la Cattedrale. Il sindaco: fidanzata idiota

«Ti amo Luigi», a Trani imbrattata la Cattedrale. Il sindaco: fidanzata idiota

 
BariL'anniversario
Bari, 20 anni dalla morte Tatarella: un libro per ricordarlo

Bari, ricordato Tatarella a 20 anni dalla morte

 
FoggiaSfiducia al sindaco
San Giovanni Rotondo, al Comune arriva il commissario

San Giovanni Rotondo, al Comune arriva il commissario

 
MateraNel 2009
Bernalda, tentò di picchiare il sindaco in aula: in manette 71enne

Bernalda, tentò di picchiare il sindaco in aula: in manette 71enne

 
TarantoDenunce
Nel circolo privato furto di elettricità e 6 slot machine abusive: sequestri a Taranto

Nel circolo privato furto di elettricità e 6 slot machine abusive: sequestri a Taranto

 
PotenzaNel potentino
Francavilla in Sinni, crolla tetto di casa, madre e figlio in ospedale, uomo ancora sotto le macerie

Francavilla in Sinni: crolla tetto di casa, 3 persone estratte vive, grave un uomo

 
BrindisiProvoca il cancro
Al Perrino in anatomia patologica è allarme formaldeide

Al Perrino in anatomia patologica è allarme formaldeide

 
LecceNuove accuse
Ugento: Roberta, uccisa 20 anni fa, forse fu molestata

Ugento: Roberta, uccisa 20 anni fa, forse fu molestata

 

processo a 47 persone e 10 società

Inchiesta petrolio a Potenza
ammesse 400 parti civili

Inchiesta petrolio a Potenza  ammesse 400 parti civili

POTENZA - Sono circa 400, complessivamente, le parti civili ammesse nel processo sulle estrazioni petrolifere in Basilicata - che vede imputate 47 persone e dieci società, tra cui l’Eni: lo ha deciso il Tribunale di Potenza, nel corso dell’udienza che si è svolta oggi, respingendo un centinaio di richieste, tra cui alcune nei confronti delle società imputate.

Nel corso dell’udienza, inoltre, i pm Francesco Basentini e Laura Triassi hanno annunciato il deposito di una nota dei Carabinieri del Noe relativa ai recenti controlli dell’Arpab sulla presenza di ammine nella zona delle estrazioni. I magistrati hanno messo a disposizione delle parti gli atti, in vista della prossima udienza del 12 febbraio 2018. Un gruppo di ambientalisti e rappresentanti di alcuni movimenti hanno organizzato anche un presidio, davanti alla sede del Palazzo di Giustizia di Potenza, per chiedere «giustizia e verità» sulle estrazioni petrolifere in Basilicata.

I pm Francesco Basentini e Laura Triassi, nel corso dell’udienza di oggi del processo sulle estrazioni petrolifere in Basilicata - che vede imputate 47 persone e dieci società, tra cui l’Eni - hanno annunciato il deposito degli atti del fascicolo sul suicidio dell’ingegnere Gianluca Griffa, ex responsabile del Centro oli (Cova) di Viggiano, morto ad agosto del 2013 in Piemonte.
Nel fascicolo sono contenuti documenti «particolarmente interessanti», secondo i pm, in cui sarebbero stati descritti tra il 2011 e il 2013 alcuni dei problemi dell’impianto, emersi poi nell’inchiesta della Procura di Potenza del 2016.

Griffa si suicidò a 38 anni a Montà d’Alba (Cuneo): il corpo fu ritrovato ad agosto, in forte stato di decomposizione, ai piedi di un traliccio, molte settimane dopo la scomparsa denunciata il 26 luglio 2013. Durante il periodo delle ricerche fu scoperto un memoriale in cui l’ingegnere spiegava dettagliatamente alcuni particolari sul Centro Olio - che sarebbero in parte emersi poi nell’inchiesta della Procura di Potenza - chiedendo anche di inviare questi documenti ai Carabinieri di Viggiano e all’Unmig «se mi dovesse accadere qualcosa», scrive lo stesso ingegnere nel suo memoriale.

I magistrati lucani hanno portato alla luce la vicenda esaminando la lista delle persone che hanno lavorato a Viggiano, scoprendo il suicidio di Griffa (l'uomo si tolse la vita - secondo quanto accertato dalle indagini dei carabinieri - per motivi personali, legati ad una forte depressione) e i molti documenti lasciati dall’ingegnere. Griffa spiega di aver comunicato tutto all’Eni: «Mi stato imposto di tacere», evidenzia l’ex responsabile del Cova nel memoriale. Alcuni di questi documenti erano custoditi nella sua abitazione, altri sono stati trovati grazie a un sms che lo stesso Griffa inviò a un suo vecchio numero, letto poi da un familiare che lo segnalò agli investigatori. I Carabinieri nel 2013 acquisirono anche altri documenti dal pc e dal tablet di Griffa, in cui sarebbero contenute, secondo quanto si è appreso, altre descrizioni tecniche sull'uso di ammine.

Un «indizio», questo, emerso solo nel 2016 nelle indagini dei pm potentini su un presunto smaltimento illecito degli scarti di produzione della lavorazione del greggio. Griffa raccolse molti documenti e conservò un carteggio con la compagnia petrolifera su questi temi (conservato nel fascicolo inviato a Potenza solo nelle scorse settimane) e alcune fatture sull'acquisto di "glicole», un particolare tipo di ammine. L’ingegnere ipotizzava poi la possibilità che queste ammine potessero essere una delle cause della corrosione dei serbatoi del Centro Oli: nei mesi scorsi furono scoperti alcune perdite in due serbatoi della struttura, con una fuoriuscita di petrolio nell’area che poi portò la Regione a deliberare la sospensione temporanea delle attività del Cova. L’acquisizione di questi documenti sarà decisa nella prossima udienza, in programma il 12 febbraio 2018.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400