Mercoledì 17 Luglio 2019 | 12:34

NEWS DALLA SEZIONE

Operazione Rodolfo
Mafia e estorsione a imprenditori agricoli: in carcere 3 esponenti clan foggiani

Foggia, mafia e estorsione a imprenditori agricoli: in carcere 3 esponenti clan

 
nel Brindisino
Francavilla F.na, 11 educatrici in asili nido sottopagate: arrestato imprenditore

Francavilla F.na, 11 educatrici in asili nido sottopagate: arrestato imprenditore

 
L'emergenza
Xylella, Centinaio: «Abbiamo avviato tavolo salva-frantoi»

Xylella, Centinaio: «Abbiamo avviato tavolo salva-frantoi»

 
Il consiglio regionale
Puglia, ok al Reddito energetico: agevolazioni per il fotovoltaico in case e palazzi

Puglia, ok al Reddito energetico: agevolazioni per il fotovoltaico in case e palazzi

 
Morti bianche
Taranto, gruista ex Ilva morto in mare: in settimana i funerali

Taranto, gruista ex Ilva morto in mare: in settimana i funerali

 
Rifiuti
Discarica di Canosa, Stea: «In arrivo 4,2 mln per chiusura definitiva»

Discarica di Canosa, Stea: «In arrivo 4,2 mln per chiusura definitiva»

 
Un mistero di 2000 anni fa
Brindisi, dalla Germania archeologi setacciano il mare a caccia del disco di Nebra

Brindisi, dalla Germania archeologi in mare a caccia del disco di Nebra

 
Il caso
Bari, dress code alle corsiste: al via interrogatorio dell'ex giudice Bellomo

Bari, dress code alle corsiste: dopo 9 ore di interrogatorio Bellomo nega tutto

 
Maltempo
San Severo finisce sott'acqua: strade e chiese allagate

Pioggia torrenziale, San Severo finisce sott'acqua: strade e chiese allagate

 
A bedollo
Bari, presentate in ritiro le tre nuove maglie della squadra

Bari, presentate in ritiro le tre nuove maglie della squadra. Ingaggiato Cascione

 
Assenteismo
Foggia, la giudice «furbetta del cartellino» condannata dalla Corte dei conti

Foggia, la giudice «furbetta del cartellino» condannata dalla Corte dei conti

 

Il Biancorosso

Oggi amichevole con la FiorentinaCornacchini darà spazio a tutti

Oggi amichevole con la Fiorentina, Cornacchini darà spazio a tutti

 

NEWS DALLE PROVINCE

BatSicurezza e piano traffico
Jova Beach Party, sindaco di Barletta: «Grande occasione per la città»

Jova Beach Party, sindaco di Barletta: «Grande occasione per la città»

 
TarantoCresce l'attesa
Manduria, tartaruga deposita 100 uova in spiaggia

Manduria, tartaruga deposita 100 uova in spiaggia

 
LecceFurbetti in Salento
Porto Cesareo, spinge l'auto a piedi per «beffare» la Ztl

Porto Cesareo, spinge l'auto a piedi per «beffare» la Ztl

 
BrindisiNel brindisino
Mesagne, picchia e minaccia la madre, impedendole di uscire o ricevere visite: una 41enne in libertà vigilata

Mesagne, picchia e minaccia la madre, impedendole di uscire o ricevere visite: una 41enne in libertà vigilata

 
Materadalla Polizia stradale
Sfruttava 5 albanesi irregolari come braccianti: denunciato 61enne nel Materano

Sfruttava 5 albanesi irregolari come braccianti: denunciato 61enne nel Materano

 
BariDal 20 al 28 luglio
Light Festival: ad Alberobello la luce «disegna» sui trulli

Light Festival: ad Alberobello la luce «disegna» sui trulli

 
FoggiaOperazione Rodolfo
Mafia e estorsione a imprenditori agricoli: in carcere 3 esponenti clan foggiani

Foggia, mafia e estorsione a imprenditori agricoli: in carcere 3 esponenti clan

 
PotenzaDai carabinieri
Merce pagata e mai consegnata: 4 denunce nel Potentino per truffe online

Merce pagata e mai consegnata: 4 denunce nel Potentino per truffe online

 

i più letti

occhito sotto osservazione

I terreni sono umidi
la diga può riempirsi

Due milioni di metri cubi entrati in una settimana, decisivo il prossimo acquazzone?

diga di Occhito

di MASSIMO LEVANTACI

FOGGIA - Poco meno di 2 milioni di metri cubi in più nella diga di Occhito dopo le piogge della scorsa settimana. Un milione e mezzo dopo il primo rilevamento, altri 250 mila metri cubi a cavallo tra sabato e domenica. In totale fanno 44 millimetri caduti nell’ultima settimana. Quisquilie, direbbe Totò. Eppure qualcosa si muove contro la crisi idrica: a novembre sono caduti in provincia di Foggia 75 millimetri di pioggia, segnala il meteo del Consorzio, ovvero 15 millimetri in meno rispetto alla media del periodo (90). Se pensiamo che a ottobre la differenza è stata quasi di 50 millimetri, il quadro sembra destinato a ristabilirsi. Ma è sempre crisi idrica: il fatto nuovo è che le piogge cadute su Occhito e dintorni cominciano ora a essere rilasciate dai terreni resi aridi dall’ultimo caldo torrido e dalla siccità dei mesi estivi. Tant’è vero che in campagna sono cominciate le semine del grano. Ora che i terreni cominciano il rilascio d’acqua, basterà il prossimo acquazzone a far riempire significativamente la diga? «Sempre che arrivi nei prossimi giorni, altrimenti i terreni si asciugano di nuovo e non abbiamo fatto niente», annota Giuseppe De Filippo presidente del Consorzio di bonifica della Capitanata.

Nella necessaria osmosi fra lago e territorio, al Consorzio tengono sotto controllo soprattutto il meteo su Molise e Campania le due aree di affluenza sia per il bacino del Fortore (che alimenta Occhito) che del Cervaro, al confine con l’Irpinia. Le previsioni per le prossime ore non sono positive (precipitazioni previste solo sul versante tirrenico), c’è aria di alta pressione sulla Capitanata almeno fino a domani. Bisognerà forse attendere il prossimo fine settimana per veder mutare lo scenario meteo-climatico. Non ci sono nuove prescrizioni tuttavia rispetto all’erogazione del potabile. «Con l‘acqua che c’è oggi a Occhito (57 milioni mc.) potremmo star bene un altro anno», ribadisce De Filippo. L’acquedotto pugliese, come si ricorderà, ha praticato finora due riduzioni della pressione (l’ultima il 10 novembre) come stabilito d’intesa con Regione, Autorità idrica pugliese e Anci Puglia per risparmiare l’acqua contenuta nelle dighe di Occhito e del Pertusillo (in Basilicata) e le sorgenti storiche di Caposele e Cassano irpino assicurando le «0,5 atmosfere al contatore previste dalla carta dei servizi».

Ma ai piani alti dei palazzi l’acqua arriva per 4-5 ore al giorno, negli stabili più vecchi e privi di autoclave i cittadini hanno imparato già da un po’ di tempo a fare le scorte per non rimanere a secco durante la giornata. Al Consorzio di bonifica si chiuderà questo fine settimana l’esercizio irriguo, in linea con gli altri anni. Verrà riaperto a marzo, ma con i tempi che corrono nulla è scontato: dalla quota presente in quel momento nell’invaso bisognerà sottrarre i 60 milioni di metri cubi previsti per il potabile. E’ tempo di fare scorte anche per l’agricoltura.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie