Sabato 16 Febbraio 2019 | 01:52

NEWS DALLA SEZIONE

L'anniversario
Bari, 20 anni dalla morte Tatarella: un libro per ricordarlo

Bari, ricordato Tatarella a 20 anni dalla morte

 
Sfiducia al sindaco
San Giovanni Rotondo, al Comune arriva il commissario

San Giovanni Rotondo, al Comune arriva il commissario

 
In via Manfredonia
Foggia, auto contro pilone, 76enne muore sul colpo

Foggia, auto contro pilone, 76enne muore sul colpo

 
Nel Materano
Frana a Pomarico, Governo dà l'ok allo stato d'emergenza

Frana a Pomarico, governo dà l'ok allo stato d'emergenza

 
A poggioreale (Na)
Viola i domiciliari, Tommy Parisi torna in carcere

Viola i domiciliari, Tommy Parisi torna in carcere

 
Sanità
Castellana Grotte, Emiliano inaugura il reparto di Oncologia al De Bellis

Castellana Grotte, Emiliano inaugura il reparto di Oncologia al De Bellis

 
Parla Gabrielli
Prefettura Bari, Gabrielli: «Terrorismo minaccia liquida, tenere alta la guardia»

Prefetto Bari: «Terrorismo minaccia liquida, tenere alta la guardia»

 
Nel Barese
Bancarotta fraudolenta per 1,3mln di euro: GdF sequestra capannone a Gioia del Colle, 4 denunce

Bancarotta per 1,3mln di euro: GdF sequestra capannone a Gioia del Colle, 4 denunce

 
L'appuntamento
Locri - Bari: il punto con La Voce Biancorossa, segui la diretta

Bari, su Biancorosso le nuove maglie e il futuro di Cornacchini. Locri-Bari, il prepartita Video

 
Sanità
Asl Bari verso il licenziamento di 25 medici: «Stop ai pensionati negli ambulatori»

Asl Bari verso il licenziamento di 25 medici: «Stop pensionati in ambulatori»

 
Scandalo sanità
Diabete, scandalo Freestyle: la striscia per misurare glicemia, in Puglia costa più che nel resto d'Italia

Diabete: in Puglia la striscia per misurare glicemia costerà più che nel resto d'Italia

 

NEWS DALLE PROVINCE

BatIl caso
«Ti amo Luigi», a Trani imbrattata la Cattedrale. Il sindaco: fidanzata idiota

«Ti amo Luigi», a Trani imbrattata la Cattedrale. Il sindaco: fidanzata idiota

 
BariL'anniversario
Bari, 20 anni dalla morte Tatarella: un libro per ricordarlo

Bari, ricordato Tatarella a 20 anni dalla morte

 
FoggiaSfiducia al sindaco
San Giovanni Rotondo, al Comune arriva il commissario

San Giovanni Rotondo, al Comune arriva il commissario

 
MateraNel 2009
Bernalda, tentò di picchiare il sindaco in aula: in manette 71enne

Bernalda, tentò di picchiare il sindaco in aula: in manette 71enne

 
TarantoDenunce
Nel circolo privato furto di elettricità e 6 slot machine abusive: sequestri a Taranto

Nel circolo privato furto di elettricità e 6 slot machine abusive: sequestri a Taranto

 
PotenzaNel potentino
Francavilla in Sinni, crolla tetto di casa, madre e figlio in ospedale, uomo ancora sotto le macerie

Francavilla in Sinni: crolla tetto di casa, 3 persone estratte vive, grave un uomo

 
BrindisiProvoca il cancro
Al Perrino in anatomia patologica è allarme formaldeide

Al Perrino in anatomia patologica è allarme formaldeide

 
LecceNuove accuse
Ugento: Roberta, uccisa 20 anni fa, forse fu molestata

Ugento: Roberta, uccisa 20 anni fa, forse fu molestata

 

a Potenza

Spot con la bambola-oggetto
«Quel manifesto è sessista»

Pipponzi (Crpo): «Offensivo della dignità delle donne»

Spot con la bambola-oggetto «Quel manifesto è sessista»

di Cristiana Iopomo

Un manichino svestito. Nulla di più. Il senso di pudore appena accennato nel tentativo di coprirsi, a stento. Espressione sbalordita. Occhi sgranati e stupore sulle labbra. Banale, se non banalissima, oltre che offensiva nei confronti delle donne, la trovata pubblicitaria affissa in questi giorni in giro per Potenza e dintorni, per annunciare l’apertura di uno store di abbigliamento. Un’affissione promozionale che di intelligente – come indicherebbe con un gioco di parole il nome stesso del punto vendita – pare non avere proprio nulla. Ancora una volta, un’immagine poco edificante dell’universo femminile e del suo rapporto con i consumi e l’economia.

Perché è la dimostrazione di quanto sia diffusa, ancora, la convinzione che possa bastare l’immagine simbolica di una donna nuda ai bordi delle strade cittadine per invogliare all’acquisto. Perché, piuttosto che ricorrere al talento creativo di un bravo grafico pubblicitario, all’originalità di contenuti e immagini, alla sapienza di tecniche di comunicazione ben studiate, si preferisce tirare in ballo e rilanciare i soliti stereotipi sessisti. «Siamo, di nuovo, di fronte all’uso stereotipato del corpo femminile e certamente anche questa è una forma di discriminazione di genere. Un deplorevole caso di comunicazione sessista che denota, tra l’altro, ben poca intelligenza».

È quanto dichiara la Consigliera di Parità della Regione Basilicata, Ivana Enrica Pipponzi, per la quale: «È a dir poco deprimente vedere in circolazione, ancora una volta, questo tipo di messaggi che fanno ricorso al più becero stereotipo di genere, assolutamente irrispettoso e offensivo della dignità delle donne.

Tutto l’impegno che stiamo mettendo nel processo di scardinamento di una cultura sessista e discriminatoria e nel contrasto alle tante forme di violenza di genere, a partire dall’assai allarmante fenomeno del femminicidio, si scontra poi con la riedizione di simili episodi che, seppur sporadici, restano preoccupanti e condannabili».

Il messaggio arriva chiaro e senza scusanti. Non può esserci ironia, né l’alibi della leggerezza o della goliardia di fronte alla perdurante pretesa di proporre all’attenzione del passante un manichino nudo, in stile bambola gonfiabile, paralizzata, immobilizzata, incapace di parlare. Nulla di più.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400