Giovedì 12 Dicembre 2019 | 03:49

NEWS DALLA SEZIONE

Permesso di inquinare
Ex Ilva, Ong rivela: Mittal guadagna da vendita quote Co2

Ex Ilva, Ong rivela: Mittal guadagna da vendita quote Co2

 
Zona industriale
Bari, cancello gli cade addosso: ferito titolare azienda

Bari, cancello gli cade addosso: ferito titolare azienda

 
l'annuncio
La transumanza è patrimonio Unesco, Coldiretti Puglia: «Opportunità tutela per Gargano»

La transumanza è patrimonio Unesco, Coldiretti spera in tutela per Gargano

 
le dichiarazioni
Bari, parla difensore Berra: «Per Natale puntiamo al secondo posto»

Bari, parla difensore Berra: «Per Natale puntiamo al secondo posto»

 
nel Barese
Schianto sulla SS172: muore coppia di Putignano insieme al cagnolino

Schianto sulla SS172: muore coppia di Putignano insieme al cagnolino

 
nel Barese
Acquaviva delle Fonti, ospedale Miulli premiato per attenzione alle malattie delle donne

Puglia, a 13 ospedali il Bollino Rosa per attenzione a malattie delle donne

 
nel Salento
Ha un profilo Facebook con le foto di un ragazzo morto: mistero sullo sciacallaggio a Nardò

Ha un profilo Facebook con le foto di un ragazzo morto: mistero sullo sciacallaggio a Nardò

 
nel Salento
Gagliano del Capo, anziana rapinata in casa, cc trovano il ladro e le regalano panettone per Natale

Gagliano del Capo, anziana rapinata in casa, cc trovano il ladro e le regalano panettone

 
internet e curiosità
Google, tra le parole più cercate dagli italiani nel 2019 c'è anche la Puglia

Google, tra le parole più cercate dagli italiani nel 2019 c'è anche la Puglia

 
trasporti
Ferrovie, orari invernali, debutta nuovo treno per la Valle d'Itria

Ferrovie, orari invernali, nuovo treno per la Valle d'Itria

 
Dopo stop ad Afo 2
Mittal: manovra, si valuta fondo 15mln per lavoratori ex Ilva. Giudice spegne Afo2

Taranto, Mittal ai sindacati: parte cassa integrazione per oltre 3500. «Lavoratori come scudi umani»

 

Il Biancorosso

serie c
Il Bari senza Di Cesare è una prova di maturità

Il Bari senza Di Cesare è una prova di maturità

 

NEWS DALLE PROVINCE

BariInfortunio sul lavoro
Noicattaro, manovra rullo: operaio si frattura braccio e femore

Noicattaro, manovra rullo: operaio si frattura braccio e femore

 
TarantoSerie D
Taranto calcio, manicchino impiccato e offese al dg Montella

Taranto calcio, manicchino impiccato e offese al dg Montella

 
FoggiaVertice in Prefettura
Foggia, famiglie in container: sindaco firmerà ordinanza sgombero

Foggia, famiglie in container: sindaco firmerà ordinanza sgombero

 
Brindisitrasporti
Brindisi, evacuazione per bomba: stop ai treni, ci saranno i bus

Brindisi, evacuazione per bomba: stop ai treni, ci saranno i bus

 
Leccea surbo
Sud Sound System, dopo l'incidente Nandu Popu tranquillizza i fan: «Neanche un graffio grazie alle cinture»

Sud Sound System, dopo l'incidente Nandu Popu tranquillizza i fan: «Neanche un graffio grazie alle cinture»

 
Batle dichiarazioni
Trani candidata a Capitale Italiana Cultura 2021, il sostegno di tutta la Bat

Trani candidata a Capitale Italiana Cultura 2021, il sostegno di tutta la Bat

 
Potenzanel Potentino
Montescaglioso, uccise a coltellate 42enne dopo una lite: 29enne condannato all'ergastolo

Montescaglioso, uccise a coltellate 42enne dopo una lite: 29enne condannato all'ergastolo

 
Materanel Materano
Bernalda, scoperta base logistica mafia lucana: tre arresti

Bernalda, scoperta base logistica mafia lucana: tre arresti

 

i più letti

Nuovi dettagli dell'inchiesta

Morte bracciante, iniziati
interrogatori degli arrestati
«Così venivano intimidite»

Andria, caporalato e agenzie interinali: 6 arresti per morte di Paola

Si tengono oggi nel carcere di Trani gli interrogatori di garanzia delle cinque persone finite ieri in cella nell’ambito di un’indagine della Procura di Trani sul caporalato, avviata dopo la morte - nel luglio 2015 - della bracciante agricola Paola Clemente. Le accuse contestate ai sei arrestati sono di intermediazione illecita e sfruttamento del lavoro, il cosiddetto caporalato, e la truffa a danni dello Stato, reati per i quali sono previste pene fino a otto anni di reclusione.
Saranno interrogati in carcere il responsabile dell’agenzia interinale per la quale lavorava Paola Clemente, Pietro Bello, di 52 anni, e i suoi due collaboratori-dipendenti, Oronzo Catacchio, di 47, e Gianpietro Marinaro, di 29; assieme a loro sono finiti in carcere Ciro Grassi, di 43 anni, titolare dell’agenzia di trasporto, e Lucia Maria Marinaro, di 39 anni, moglie di Grassi e lavoratrice fittizia. Nei prossimi giorni sarà fissato l’interrogatorio di garanzia della sesta persona arrestata Giovanna Marinaro, di 47 anni, che avrebbe avuto il compiuto di reclutare le braccianti agricole, alla quale sono stati concessi gli arresti domiciliari.

Intanto emergono nuovi particolari dall'inchiesta. Alcune delle braccianti agricole sfruttate e sottopagate dall’agenzia interinale Infor Group, furono chiamate a lavorare nel giorno di una manifestazione organizzata a Bari contro il caporalato forse, ipotizza una di loro, per fare in modo che non vi partecipassero. La manifestazione era stata organizzata a Bari per protestare contro le condizioni di lavoro alle quali erano sottoposti i lavoratori nei campi, all’indomani della morte di Paola Clemente, la bracciante agricola tarantina deceduta nel luglio 2015 ad Andria e la cui morte ha dato avvio all’inchiesta sul caporalato.

Le dichiarazioni delle donne (40 quelle sentite dagli investigatori sulle oltre 600 che sarebbero state sfruttate) sono contenute nell’ordinanza di custodia cautelare emessa dalla magistratura di Trani che ieri ha portato all’arresto di sei persone, cinque in carcere e una ai domiciliari. «Oggi era prevista una manifestazione a Bari contro il caporalato organizzata dal sindacato, - fa mettere a verbale una bracciante il 14 ottobre 2015 - ma la cosa strana è che lunedì Gianpietro (Marinaro, uno degli arrestati, ndr) ha chiamato me ed altre per chiedere la disponibilità a lavorare proprio oggi. Credo che sia stata solo una scusa per vedere chi partecipava a questa manifestazione».

«Attenzione a come parlate... io ho la pensione di mio marito ma voi no». Giovanna Marinaro, una delle persone arrestate ieri su disposizione della magistratura di Trani nell’ambito di un’indagine sul caporalato aperta dopo la morte della bracciante agricola Paola Clemente avvenuta nel luglio 2015, avrebbe intimidito alcune lavoratrici dicendo loro cosa riferire ai poliziotti che indagavano sul caso.

La frase pronunciata dall’indagata è stata riferita agli inquirenti da una bracciante. Dopo la morte della loro collega, infatti, erano cominciati accertamenti e indagini che si basavano proprio sulle loro dichiarazioni e sull'incrocio fra le buste paga e i calendari delle donne, dove erano riportate le giornate lavorative.

«Il giorno dopo il sequestro dei calendari - spiega una lavoratrice - Ciro (Grassi, arrestato, ndr) era molto arrabbiato. In particolare diceva 'i bastardi stanno qui' intendendo riferirsi alle braccianti che hanno riferito la verità sulle giornate che non ci risultano in busta paga». Grassi, spiega la donna, «istruiva tutte coloro che non avevano subìto ancora il sequestro dei calendari dicendo di distruggerli».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie