Venerdì 18 Gennaio 2019 | 20:41

NEWS DALLA SEZIONE

Violenza in città
Bari, migrante scaraventato giù dalla bici per divertimento: «è razzismo»

Bari, migrante scaraventato giù dalla bici per divertimento: «è razzismo»

 
La denuncia
Ex Ilva: da domenica raccolta di firme per esposto contro Arcelor Mittal

Ex Ilva: da domenica raccolta di firme per esposto contro Arcelor Mittal

 
A Bari
Giachetti contro Emiliano: «Ha lavorato per distruggere il Pd»

Giachetti contro Emiliano: «Ha lavorato per distruggere il Pd»

 
L'inchiesta
Cloro sporco in Puglia, interdetti due funzionari di Aqp

«Cloro sporco» in Puglia, interdetti due funzionari di Aqp

 
Ferrovie
Treni in Puglia, in arrivo una task force per garantire la puntualità

Treni in Puglia, in arrivo una task force per garantire la puntualità

 
SERIE D
Cittanova - Bari: il punto con La Voce Biancorossa, segui la diretta

Cittanova - Bari: il punto con La Voce Biancorossa, segui la diretta

 
L'APPUNTAMENTO
Circolo della Vela Bari, i primi 90 annidomani la grande festa con l'open day

Circolo della Vela Bari, i primi 90 anni
domani la grande festa con l'open day

 
Morirono 10 persone
Fabbrica fuochi esplose a Modugno: socio superstite patteggia pena

Fabbrica fuochi esplose a Modugno: socio superstite patteggia pena

 
La visita
Criminalità, capo polizia Gabrielli: «Foggiano area difficile, sottovalutata criminalità»

Criminalità, capo polizia Gabrielli: «Foggiano area difficile, sottovalutata criminalità»

 
Il movimento nel Salento
Melendugno: No Tap protestano in tute anticontaminazione

Melendugno: No Tap protestano in tute anticontaminazione

 

lotta alla mafia

16 anni a ex boss
per duplice omicidio

Vittime degli agguati furono il 29enne Vito Napoli e il 29enne Giuseppe Dellino

toga

BARI - Il gup del Tribunale di Bari Annachiara Mastrorilli ha condannato a 16 anni di reclusione il pluripregiudicato pentito Giacomo Valentino, ex boss del clan Strisciuglio di Bari, imputato per un duplice omicidio avvenuto a Bitonto nel luglio 2007.
Vittime degli agguati furono il 29enne Vito Napoli, ritenuto all’epoca elemento di spicco del clan mafioso Conte di Bitonto, e il 29enne Giuseppe Dellino, affiliato allo stesso gruppo criminale dei presunti assassini, il clan Strisciuglio.

Stando alle indagini dei carabinieri, coordinati dal pm della Dda di Bari, Renato Nitti, il 20 luglio 2007 Giuseppe Digiacomantonio, Salvatore Ficarelli, Dellino, e Giuseppe Ladisa (quest’ultimo morto suicida in carcere nel 2009) avrebbero ucciso a colpi di arma da fuoco Vito Napoli, mentre nel conflitto a fuoco rimase illeso il capo clan Domenico Conte. Alcuni giorni dopo Digiacomantonio e Giosuè Perrelli, su ordine del clan, avrebbero deciso di eliminare Dellino, ritenuto inaffidabile. Lo avrebbero sequestrato, portato in un casolare, ucciso con un colpo di pistola alla testa e gettato poi il cadavere in un pozzo. I suoi resti verranno ritrovati nel luglio 2013.
Per quei fatti sono già stati condannati nei mesi scorsi Ficarelli e Digiacomantonio all’ergastolo, Perrelli a 30 anni di carcere. Valentino è ritenuto il mandante di entrambi gli agguati. La sentenza nei suoi confronti è stata emessa al termine di un separato processo celebrato con il rito abbreviato.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400