Domenica 20 Settembre 2020 | 15:37

NEWS DALLA SEZIONE

Elezioni 2020
Puglia, primi dati affluenza: alle 12 ha votato il 13,22% degli elettori pugliesi

Puglia, primi dati affluenza: alle 12 ha votato il 13,22% degli elettori pugliesi

 
Elezioni 2020
Regionali Puglia, Laricchia vota ad Adelfia nella scuola «Aldo Moro»

Regionali Puglia, Laricchia vota ad Adelfia nella scuola «Aldo Moro»

 
Calcio serie B
Il Lecce cerca i giovani giusti: Bouah e Pobega nel mirino

Il Lecce cerca i giovani giusti: Bouah e Pobega nel mirino

 
Elezioni 2020
Regionali Puglia, Fitto vota nel seggio di Maglie

Regionali Puglia, Fitto vota nel seggio di Maglie

 
Elezioni 2020
Regionali Puglia, Emiliano vota a Bari: «Grazie a tutti per l'impegno»

Regionali Puglia, Emiliano vota a Bari nella scuola «Vivante»

 
Elezioni 2020
Bisceglie, ministro Boccia vota nella scuola elementare Cosmai

Bisceglie, ministro Boccia vota alla Cosmai

 
coronavirus
Foggia, 40enne positivo al Covid muore in Rsa: altri 10 contagiati

Foggia, 40enne positivo al Covid muore in Rsa: altri 10 contagiati

 
Il caso
Taranto, ArcelorMittal taglia: sindacati in rivolta, appello al Governo

Taranto, ArcelorMittal taglia: sindacati in rivolta, appello al Governo

 
Elezioni regionali
Puglia, Fitto prova a sfrattare Emiliano

Puglia, Fitto prova a sfrattare Emiliano

 
Con 120 anni di storia
Bari, La Gazzetta dichiarata bene culturale

Bari, la Gazzetta dichiarata bene culturale

 
Elezioni 2020
Ore 7, seggi aperti in Puglia e Basilicata: 3,5 mln pugliesi al voto scelgono governatore

Ore 7, sezioni aperte in Puglia e Basilicata:pugliesi scelgono governatore FT
Bari: partiti seggi mobili Covid

 

Il Biancorosso

Serie c
Bari calcio, in arrivo Candellone in prestito biennale

Bari calcio, in arrivo Candellone in prestito biennale

 

NEWS DALLE PROVINCE

LecceControlli dei CC
Lecce, blitz in 11 aziende: irregolari 36 operai su 49

Lecce, blitz in 11 aziende: irregolari 36 operai su 49

 
TarantoRiciclaggio
Taranto, auto di lusso sequestrata dalla stradale

Taranto, auto di lusso sequestrata dalla Polstrada

 
PotenzaLa pena inflitta
Stupro a S. Valentino condannato 36enne di Abriola a 6 anni e 6 mesi

Abriola, stupro di S. Valentino: condannato 36enne a 6 anni e 6 mesi

 
BatElezioni 2020
Bisceglie, ministro Boccia vota nella scuola elementare Cosmai

Bisceglie, ministro Boccia vota alla Cosmai

 
Brindisinel Brindisino
Pezze di Greco, geloso massacra la «ex» davanti alla figlioletta

Pezze di Greco, geloso massacra la ex davanti alla figlioletta

 

i più letti

Storia - Il '68 in realtà incomincia un anno prima

Definito il «Quarantotto del XX secolo» è stato un movimento studentesco che ha segnato indelebilmente la storia sociale italiana, tanto che è l'unico anno del secolo a essere divenuto un nome proprio • Un sit-in a San Pietro avvia l'anno delle contestazioni • Mario Capanna: fu un cambiamento epocale
Storia - Il '68 in realtà incomincia un anno prima
immagine del sessantottoROMA - Quel grande fenomeno sociale, politico e di costume che è stato il '68 italiano è cominciato, in realtà, nel 1967, anzi, forse, addirittura nel 1966.
E' infatti il 1966 quando il mondo un pò imbalsamato della scuola italiana viene scosso dal «caso Zanzara», un giornaletto del liceo milanese Parini che aveva provocato uno scandalo nazionale pubblicando un'inchiesta sui costumi, anche sessuali, degli studenti. Ancora nel 1966, ad aprile, all'Università di Roma moriva Paolo Rossi, studente socialista, scout, «caduto» da una scalinata durante un assalto di estremisti di destra. A novembre del 1966, tra gli «angeli del fango» accorsi spontaneamente per dare una mano a salvare Firenze dall'alluvione, ci sono molti di quei giovani di sinistra e del dissenso cattolico che saranno poi tra i protagonisti del Sessantotto. A febbraio del 1967 gli studenti occupano l'Università di Pisa che doveva ospitare un incontro dei rettori con il ministro della Pubblica istruzione, Luigi Gui. E ancora, l'1 novembre, all'Università di Trento (frequentata, tra gli altri, da Renato Curcio e Mara Cagol) si svolge un sit-in contro l'università classista.

Ma quello che si considera il vero e proprio atto di nascita del '68 è del 16 novembre 1967 quando, davanti all'Università Cattolica fondata dal severo Padre Gemelli, accade un fatto inusuale per quell'epoca e soprattutto per quel luogo: un'assemblea di studenti che non solo discutono e protestano per la tipologia dei corsi di studio e per la selettività, ritenuta classista, ma pensano anche agli orrori della guerra in Vietnam, che la tv porta ogni sera in tutte le case, sognano di cambiare il mondo, vogliono abbattere gli steccati ideologici e culturali nei quali vedono imbrigliata la società.
Ad arringare i ragazzi della Cattolica c'è un giovane alto e magro, vestito quasi come un prete, si chiama Mario Capanna. Diventerà un leader politico, deputato e capo di Democrazia Proletaria. In quel momento è solo uno studente (poi sarà espulso dall'ateneo, insieme a Luciano Pero e Michelangelo Spada) capace di trascinare l'assemblea. A sera gli studenti decidono di occupare la Cattolica. Fatto straordinario che finisce su tutti i giornali, ne parla anche la tv, gli studenti ottengono un primo grande risalto, con le loro rivendicazioni che, a seconda dei punti di vista, vengono considerate innovative o sovversive.

Quella prima occupazione dura poche ore, perché nella notte gli agenti guidati dal commissario Luigi Calabresi (che nel 1972 sarà assassinato a Milano) provvedono a sgomberare i locali. Il giorno dopo nel capoluogo lombardo la protesta ricomincia e diventa più forte, torna l'occupazione e, soprattutto, da quel momento la protesta studentesca diventa un fatto nazionale. Dieci giorni dopo è la volta di Torino, con l'occupazione di Palazzo Campana che rappresentò anche un forte segnale politico, essendo Torino soprattutto la città della Fiat, individuata come l'emblema dell'autoritarismo. La protesta poi dilaga nelle università di Torino, Genova, Napoli, Firenze, Cagliari, Salerno, Padova che vengono occupate a dicembre e nei mesi successivi. Fino all'ondata travolgente di proteste, manifestazioni, occupazioni, del 1968 vero e proprio.
Il '68 italiano dunque iniziò davanti all'ingresso della Cattolica. Il governo, i partiti, l'establishment dell'epoca furono colti di sorpresa da quel diluvio di assemblee, occupazioni, proteste. Lo studio parve passare in secondo piano rispetto ai grandi temi della politica da svecchiare e rinnovare, della guerra da ripudiare con forza, della Chiesa e della cattolicità da modernizzare, dell'emancipazione femminile e della libertà sessuale da perseguire con determinazione.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie