Venerdì 22 Marzo 2019 | 10:52

NEWS DALLA SEZIONE

Un 59enne
Matera, minaccia moglie con un coltello davanti a figlia minorenne: in cella

Matera, minaccia moglie con un coltello davanti a figlia minorenne: in cella

 
L'omicidio
Mattinata, ammazzata a fucilate vicino casa boss del clan Romito

Mattinata, boss clan Romito fucilato vicino casa: forse faida fra rivali

 
Comune
Bari, battaglia in consiglio sulle tasse. «Non aumentano». «Aumento col trucco»

Bari, battaglia in consiglio sulle tasse. «Non aumentano». «Aumento col trucco»

 
L'intervista
Parla Piero Ignazi:«Al Sud la Lega attrarrà voti da Fi e M5S»

Parla Piero Ignazi:«Al Sud la Lega attrarrà voti da Fi e M5S»

 
La foto
Elezioni Basilicata, bufera su Trerotola: il candidato presidente del c.sinistra tesserato con Msi

Elezioni Basilicata, bufera su Trerotola: il candidato presidente del c.sinistra tesserato con Msi

 
Il torneo
Tennis, esordio per il biscegliese Pellegrino: buona la prima

Tennis, esordio per il biscegliese Pellegrino: buona la prima

 
Subentra a Carmine Esposito
Giuseppe Bisogno è il nuovo questore di Bari: viene da Perugia

Giuseppe Bisogno è il nuovo questore di Bari: viene da Perugia

 
Ambiente
Anche Al Bano aderisce alla campagna della Regione per dire «No alla plastica»

Anche Al Bano aderisce alla campagna della Regione per dire «No alla plastica»

 
Scintille Nato-Russia
I piloti italiani in missione nei cieli della Guerra Fredda

I piloti italiani in missione nei cieli della Guerra Fredda

 
È diretto a Gerusalemme
Da 2 anni viaggia con un'asina: il portoghese Bruno Dias in visita a Bari

Da 2 anni viaggia con un'asina: il portoghese Bruno Dias in visita a Bari

 
Il caso
Elezioni in Basilicata, spuntano 5 impresentabili per l'Antimafia

Elezioni in Basilicata, spuntano 5 «impresentabili» per l'Antimafia

 

Il Biancorosso

LA NOTIZIA
Vi ricordate lo steward della Turris?Condannato a cinque anni di Daspo

Vi ricordate lo steward della Turris?
Condannato a cinque anni di Daspo

 

NEWS DALLE PROVINCE

BariMusica
Sziget Festival: a Bari le selezioni per suonare a Budapest

Sziget Festival: a Bari le selezioni per suonare a Budapest

 
MateraBeni culturali
Matera, il Fai apre le porte dei siti poco fruibili

Matera, il Fai apre le porte dei siti poco fruibili

 
TarantoSerie D
Taranto calcio, revocata penalizzazione: la vetta è a -7

Taranto calcio, revocata penalizzazione: la vetta è a -7

 
LecceL'iniziativa
Salento, ecco i maratoneti spazzini: sport contro gli zozzoni

Salento, ecco i maratoneti spazzini: sport contro gli zozzoni

 
FoggiaL'omicidio
Mattinata, ammazzata a fucilate vicino casa boss del clan Romito

Mattinata, boss clan Romito fucilato vicino casa: forse faida fra rivali

 
PotenzaLa foto
Elezioni Basilicata, bufera su Trerotola: il candidato presidente del c.sinistra tesserato con Msi

Elezioni Basilicata, bufera su Trerotola: il candidato presidente del c.sinistra tesserato con Msi

 
BrindisiNel Brindisino
Trovati 2 escavatori nelle campagne: erano stati rubati a Lecce

Trovati 2 escavatori nelle campagne: erano stati rubati a Lecce

 
BatAnalisi e scenari
Commercio agroalimentare nella Bat: «l’export cresce poco»

Commercio agroalimentare nella Bat: «l’export cresce poco»

 

mala sanità

Morì dopo tre interventi
Tre chirurghi a giudizio

Morì dopo tre interventi Tre chirurghi a giudizio

BARI - La Procura di Bari ha chiuso le indagini sulla morte di un 65enne, deceduto a causa di un’infezione dopo tre interventi chirurgici. Tre medici del reparto di Chirurgia del Policlinico di Bari sono indagati per omicidio colposo. L’inchiesta della Procura è stata aperta dopo la denuncia della famiglia della vittima.
Stando alle indagini disposte dal pm Ettore Cardinali attraverso lo studio delle cartelle cliniche e accertamenti medico-legal, il paziente, Nicola Altamura, fu sottoposto ad un intervento di «laparocele mediano e concomitanti fistola perianale ed eteroplasia vescicale» il 20 settembre 2013. Durante l’operazione i chirurghi avrebbero però causato "l'insorgere di una complicanza postoperatoria perforativa con conseguente peritonite».


Il 28 settembre il paziente fu quindi sottoposto ad un secondo intervento nel quale i medici avrebbero aggravato le sue condizioni «provocando un’ulteriore perforazione della parete intestinale». L’8 ottobre Altamura fu sottoposto ad un terzo intervento nel quale sarebbero state eseguite altre "perforazioni del segmento intestinale», con «ripetute peritoniti acute diffuse». Sarebbe stata quindi una «importante condizione di sepsi locale e generale» a causare il decesso dell’uomo alcuni mesi più tardi, il 3 febbraio 2014.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400