Giovedì 28 Gennaio 2021 | 06:21

NEWS DALLA SEZIONE

La tragedia
Bimbo morto a Bari, autopsia conferma: soffocato da una cordicella

Bimbo morto a Bari, autopsia conferma: soffocato da una cordicella

 
a S. Michele Salentino
Brindisi, solaio crollato in un capannone: 4 indagati per omicidio colposo

Brindisi, solaio crollato in un capannone: 4 indagati per omicidio colposo

 
Il documento
Scuola e Covid in Puglia, ecco le linee guida della Regione per la ripartenza in presenza

Scuola e Covid, ecco le linee guida pugliesi per la ripartenza in presenza da lunedì. Lopalco: «Sono 12 punti»

 
Serie C
Bari calcio, pressing su Cianci per sostituire Montalto

Bari calcio, pressing su Cianci per sostituire Montalto

 
Il bollettino nazionale
Coronavirus Italia, 15.204 nuovi casi e 467 morti nelle ultime 24 ore

Coronavirus Italia, 15.204 nuovi casi e 467 morti nelle ultime 24 ore. Puglia al primo posto per ricoveri in Terapia intensiva

 
Il caso
Ospedale in Fiera: «Niente visite a pagamento. Per i medici solo spazi amministrativi»

Ospedale in Fiera: «Niente visite a pagamento. Per i medici solo spazi amministrativi»

 
Il bollettino regionale
Covid Puglia,

Covid Puglia, su 11802 test 1233 nuovi positivi, 30 i morti: positività al 10,4%. Regione: attivazione immediata ospedale in Fiera

 
Il virus
Covid, appello Fimmg Puglia: «118 non può "servire" ospedale Fiera Bari». Allarme per i lavoratori delle Rsa

Covid, appello Fimmg Puglia: «118 non può "servire" ospedale Fiera Bari». Allarme per i lavoratori delle Rsa

 
Il caso
Femminicidio a Orta Nova, 46enne indagato non risponde a pm: aveva tracce di sangue sui vestiti

Femminicidio a Orta Nova, 46enne indagato non risponde a pm: aveva tracce di sangue sui vestiti

 
Il caso
Scontro treni, la pm in foto con l'avvocato di un indagato, Csm la boccia ma si spacca

Scontro treni, la pm in foto con l'avvocato di un indagato, Csm la boccia ma si spacca

 
Maltempo
Neve imbianca il Gargano e i Monti Dauni, scuole chiuse a Monte Sant'Angelo

Neve imbianca il Gargano, i Monti Dauni e la Murgia: scuole chiuse a Monte Sant'Angelo

 

Il Biancorosso

Serie C
Bari calcio, pressing su Cianci per sostituire Montalto

Bari calcio, pressing su Cianci per sostituire Montalto

 

NEWS DALLE PROVINCE

BariLa tragedia
Bimbo morto a Bari, autopsia conferma: soffocato da una cordicella

Bimbo morto a Bari, autopsia conferma: soffocato da una cordicella

 
Brindisia S. Michele Salentino
Brindisi, solaio crollato in un capannone: 4 indagati per omicidio colposo

Brindisi, solaio crollato in un capannone: 4 indagati per omicidio colposo

 
TarantoL'iniziativa
Giornata della Memoria, musica dal teatro chiuso di Taranto: l'omaggio degli artisti

Giornata della Memoria, musica dal teatro chiuso di Taranto: l'omaggio degli artisti

 
PotenzaSHOAH
Giornata della Memoria, a Potenza consegnate 3 medaglie d’onore ai familiari dei deportati

Giornata della Memoria, a Potenza consegnate 3 medaglie d’onore ai familiari dei deportati

 
FoggiaIl caso
Femminicidio a Orta Nova, 46enne indagato non risponde a pm: aveva tracce di sangue sui vestiti

Femminicidio a Orta Nova, 46enne indagato non risponde a pm: aveva tracce di sangue sui vestiti

 
BatIl caso
Scontro treni, la pm in foto con l'avvocato di un indagato, Csm la boccia ma si spacca

Scontro treni, la pm in foto con l'avvocato di un indagato, Csm la boccia ma si spacca

 
MateraIl caso
Tricarico, rubati 12 quintali di rame: 4 arresti

Tricarico, rubati 12 quintali di rame: 4 arresti

 
LecceIl caso
Lecce, litiga con il cugino e gli spara: arrestato

Lecce, litiga con il cugino e gli spara: arrestato

 

i più letti

Coronavirus

Stretta su mobilità e rientri: il nuovo Dpcm di Natale prende forma

Controlli per chi torna dall'estero. Ancora da definire gli spostamenti fra regioni

Stretta su mobilità e rientri: il nuovo Dpcm di Natale prende forma

Controlli per chi rientra dall’estero, spostamenti limitati in tutta Italia, misure per evitare assembramenti durante lo shopping, ristori anche per le attività che ruotano attorno al turismo invernale e che non potranno aprire tra Natale e Capodanno ma solo dopo le feste. Ad una settimana dalla scadenza del Dpcm, il governo continua a lavorare al provvedimento che dovrà definire le regole per le feste e che dovrà bilanciare la necessità prioritaria di non far impennare nuovamente la curva epidemica con quella di dare respiro all’economia.

«Pensiamo si debbano introdurre misure maggiori per prevenire un’ondata di contagi» ha detto anche il premier Giuseppe Conte. Parole in linea con quanto da giorni ripete l’ala rigorista del governo: evitare di ripetere a Natale gli errori dell’estate, con il «liberi tutti» di luglio e agosto che ha portato alla seconda ondata. «Se apriamo senza limiti - conferma il ministro degli Affari Regionali Francesco Boccia in Parlamento - le perdite di dicembre in vite umane ce le ritroveremo a febbraio: questo significherebbe essere entrati nella terza ondata ed è nostro dovere evitarla».

Le limitazioni sono dunque «inevitabili». «Mi piacerebbe poter dire - sottolinea il ministro della Salute Roberto Speranza che il 2 dicembre sarà in Parlamento per illustrare le misure e il piano sui vaccini - che i problemi sono tutti risolti e si può riaprire tutto, ma non direi la verità».

Le scelte sono quindi quasi obbligate, anche se su uno dei temi più controversi, quello degli spostamenti tra le regioni, la discussione è ancora aperta e tesa. Alla linea sintetizzata dal coordinatore del Cts Agostino Miozzo - «I movimenti della popolazione sono un fattore di grave rischio, vanno mantenute le misure restrittive» - si affianca quella di chi nel governo ritiene che non sia possibile, nel caso in cui buona parte dell’Italia si trovi in zona gialla, porre limitazioni alla mobilità. Il compromesso su cui si starebbe lavorando è quello di consentire gli spostamenti solo per raggiungere parenti stretti e congiunti.

Né rigoristi né aperturisti nel governo immaginano invece divieti per quanto riguarda il cenone: nel Dpcm ci sarà un forte raccomandazione affinché gli italiani evitino quanto più possibile di incontrarsi con persone che non fanno parte dello stretto nucleo familiare e mantengano le precauzioni, a partire dalla mascherina, anche in casa. La discussione è su quante persone indicare nella raccomandazione: 6, forse 8, qualcuno nel governo ipotizza fino a dieci come deciso dalla Germania.

Quel che invece ci sarà nel Dpcm è una stretta sui controlli per chi va all’estero per il periodo di Natale e poi rientra in Italia. L’annuncio è arrivato dallo stesso Conte: «Non vogliamo invadere scelte di natura nazionale, ci stiamo premurando per evitare che ci siano trasferimenti transfrontalieri, evitando che nel caso si vada all’estero si possa rientrare senza nessun controllo» sanitario. Non è stato ancora deciso se ciò significhi tampone obbligatorio o isolamento obbligatorio per chi rientra ma quel che è evidente che si tratta di una misura che punta a scongiurare l’assalto degli italiani alle piste da sci in quei paesi che decideranno di lasciare gli impianti aperti. 

Su questo fronte il premier continua comunque a lavorare affinché si possa arrivare ad un coordinamento europeo e Boccia ha assicurato in Parlamento che anche per tutte le attività che ruotano attorno al turismo invernale «saranno assicurati i ristori così come sono stati garantiti per le attività che già oggi sono chiuse». Il ministro non ha inoltre escluso che, come è stato per gli stabilimenti che sono «partiti più tardi», anche gli impianti possano aprire a fine gennaio. «Discuteremo insieme se partire un mese, 40 o 50 giorni dopo».

Il nuovo Dpcm darà invece il via libera all’apertura dei negozi, con una fascia oraria più ampia e il conseguente allungamento del coprifuoco, per evitare il crollo di migliaia di attività commerciali che dagli acquisti di Natale ricavano un terzo del fatturato annuo. Ma saranno potenziati i controlli: per evitare lunghe code davanti o all’interno dei negozi e per impedire gli assembramenti nelle vie e nelle piazze dello shopping, anche attraverso il contingentamento degli ingressi.

Quello che non cambierà è il sistema delle fasce e della collocazione delle regioni in zona gialla, arancione o rossa in base all’indice di rischio indicato nel monitoraggio. Quello atteso per venerdì dovrebbe consentire alle prime tre regioni entrate in fascia rossa - Lombardia, Piemonte e Valle d’Aosta - di uscirne mentre Puglia e Sicilia, che per prime sono diventate arancioni, dovrebbero rimanere in quella fascia. «Per stare tranquilli - dice una fonte di governo - dovremmo avere 5-7mila casi al giorno in tutta Italia, perché quella è la soglia che consente di tracciare tutti i casi».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie