Mercoledì 28 Ottobre 2020 | 04:28

NEWS DALLA SEZIONE

La diretta
Conte lancia il decreto Ristori: 5 mld a sostegno delle imprese più colpite dal Dpcm

Ecco il decreto Ristori: 5 mld a sostegno delle imprese più colpite dal Dpcm VD

 
La lite
Coltellate tra migranti nel ghetto di Borgo Mezzanone: un morto

Coltellate tra migranti nel ghetto di Borgo Mezzanone: un morto

 
La decisione
Emergenza Coronavirus, confermata in Puglia la sospensione dei ricoveri ordinari

Emergenza Covid, in Puglia stop a tempo indeterminato per i ricoveri ordinari

 
Il batterio killer
Xylella in Puglia, nuovi focolai nella Piana degli Ulivi Monumentali: 14 alberi infetti

Xylella in Puglia, nuovi focolai nella Piana degli Ulivi Monumentali: 14 alberi infetti

 
Il virus
Covid 19 in Puglia, il 118 di Bari sommerso di chiamate: 1400 al giorno

Covid 19 in Puglia, il 118 di Bari sommerso di chiamate: 1400 al giorno

 
Sanità
Emergenza Covid 19: a Terlizzi da domani pronti altri 40 posti letto

Emergenza Covid 19: a Terlizzi da domani pronti altri 40 posti letto

 
Il bollettino nazionale
Coronavirus in Italia, 21.994 nuovi casi e 221 morti nelle ultime 24 ore

Coronavirus in Italia, 21.994 nuovi casi e 221 morti nelle ultime 24 ore

 
Il caso
Cyberbullismo, 15enne su Instagram: «Basta mi uccido», salvato da amica tarantina

Cyberbullismo, 15enne su Instagram: «Basta mi uccido», salvato da amica tarantina

 
Il primato
Emergenza Covid, aeroporto Bari è il migliore tra i medio-grandi per assistenza

Emergenza Covid, aeroporto Bari è il migliore tra i medio-grandi per assistenza

 
il bollettino
Coronavirus Puglia: 611 nuovi casi e 13 morti, di cui 10 nel Foggiano. Altri 49 ricoveri

Coronavirus Puglia: 611 nuovi casi e 13 morti, di cui 10 nel Foggiano. Altri 49 ricoveri. Riapre Ortopedia a Castellaneta

 
Il caso
Bari, uccise la ex e nascose il corpo in una fabbrica abbandonata: il processo

Bari, uccise la ex e nascose il corpo in una fabbrica abbandonata: il processo

 

Il Biancorosso

Serie c
Bari calcio, Di Cesare: «Conta vincere, non giocare bene»

Bari calcio, Di Cesare: «Conta vincere, non giocare bene»

 

NEWS DALLE PROVINCE

BariIl caso
Nicola di Bari ricoverato in rianimazione dopo operazione al cuore

Nicola di Bari ricoverato in rianimazione dopo operazione al cuore

 
FoggiaLa lite
Coltellate tra migranti nel ghetto di Borgo Mezzanone: un morto

Coltellate tra migranti nel ghetto di Borgo Mezzanone: un morto

 
TarantoLa denuncia
M5s Taranto: «Mittal è cattivo pagatore e crea terrore tra gli operai»

M5s Taranto: «Mittal è cattivo pagatore e crea terrore tra gli operai»

 
PotenzaIl caso
Covid 19 in Basilicata: è allarme, reparti sotto pressione

Covid 19 in Basilicata: è allarme, reparti sotto pressione

 
MateraIl virus
Matera, la richiesta del sindaco: «Nuovi interventi per l'ospedale della città»

Matera, la richiesta del sindaco: «Nuovi interventi per l'ospedale della città»

 
LecceLe dichiarazioni
Disordini a Lecce per protesta al Dpcm, il sindaco: «Rabbia non prevalga, facciamo squadra»

Disordini a Lecce per protesta al Dpcm, il sindaco: «Rabbia non prevalga, facciamo squadra»

 
Brindisinel Brindisino
Mesagne, centinaia di chiamate e messaggi alla ex: arrestato mentre era appostato sotto casa

Mesagne, centinaia di chiamate e messaggi alla ex: arrestato mentre era appostato sotto casa

 
Batl'intervista
Pedopornografia on line, don Fortunato: «Non si abbassi la soglia di attenzione»

Pedopornografia on line, don Fortunato: «Non si abbassi la soglia di attenzione»

 

i più letti

l'intervista

Economia, Cottarelli: «La Regione nella Popolare di Bari? Una condizione rischiosa»

L'accademico della Bocconi e direttore dell’Osservatorio sui conti pubblici italiani della Cattolica analizza gli scenari italiani con realismo e chiarezza

Economia, Cottarelli: «La regione Puglia nella Popolare di Bari? Una condizione rischisa»

Carlo Cottarelli

«La politica di bilancio dipende dalle condizioni che affronta un paese». Carlo Cottarelli, accademico della Bocconi e direttore dell’Osservatorio sui conti pubblici italiani della Cattolica, analizza gli scenari italiani con realismo e chiarezza. Il professore di Cremona mercoledì è stato ospite della rassegna «Libri in Castello» a Carovigno per presentare il saggio Pachidermi e pappagalli, mentre ieri era a Trani per i «Dialoghi».
La pandemia ha cambiato i paradigmi delle politiche economiche nell’Ue. È finita l’austerità e si torna a politiche espansive. Era sbagliato prima porre limiti alla spesa pubblica?
«Non era sbagliato. In una crisi si mettono da parte le riserve sull’accumulo di troppo debito pubblico, perché sarebbe più grave far precipitare l’economia. Di contro quando non eravamo in crisi profonda, avremmo dovuto mettere più fieno in cascina, e per intervenire sull’economia post pandemia non avremmo avuto bisogno di aspettare gli aiuti Ue. Del resto la Germania non ha chiesto nulla all’Europa. Noi, non avendo in passato fatto quello che era necessario - comprese le riforme per favorire la crescita -, possiamo realizzare azioni espansive solo con l’aiuto europeo».
Cassa Depositi e Prestiti intanto sarà nell’azionariato di Borsa Italiana e nella Banda unica. Si configura la nuova Iri?
«Non ancora. C’è il rischio che lo diventi. Ma ha una dimensione minore, non confrontabile con l’Iri. Credo ci sia la tendenza ad un intervento dello Stato legittimo nella proprietà delle imprese nei momenti di crisi. Non vedo però perché lo stato italiano, che già non sa fare tante cose, si metta a fare l’imprenditore su scala più grande di adesso».
Che autunno ci dobbiamo aspettare?
«Nessuno lo sa. C’è incertezza sull’evoluzione della pandemia. Se dovesse arretrare, continuerà la crescita dopo il forte rimbalzo di maggio e giugno. Ma siamo lontani dai livelli del 2019».
Il dilemma sul Mes. Il premier Conte potrebbe ora sciogliere motu proprio il nodo aprendo all’utilizzo delle risorse per la Sanità?
«Alla fine non prenderemo queste risorse, i 5s continueranno a opporsi. Cosa può cambiare la situazione? Forse che altri paesi lo richiedano: l’Italia più di tutti può beneficiare di questi miliardi, perché prende denaro sui mercatia tassi più alti e con il Mes avrebbe un risparmio».
Dopo le regionali, il governo è più forte?
«Durava anche se le opposizioni avessero vinto 6-0. Adesso invece Palazzo Chigi continuerà a fare quello che faceva prima, salvo che i 5s abbiano una crisi di nervi».
Sul referendum...
«Questa riforma non fa disastri, il Parlamento può funzionare anche con 600 eletti, ma non si spendono risorse politiche limitate per fare riforme che non sono essenziali. Sarebbe stato più efficace passare al monocameralismo”.
Con il successo di Zaia in Veneto torna in auge la riforma dell’autonomia differenziata?
«Non credo che il governo si muova rapidamente sul tema. Tutto dipende da come si farà la riforma: il principio di solidarietà deve rimanere».
La Sanità meridionale potrebbe subire contraccolpi?
«Si sarebbe solo un decentramento della gestione, un modello che non toglierebbe nulla al Sud».
Si discute in queste ore dell’evoluzione della Popolare di Bari. Una futura Banca del Sud può coniugare servizio al territorio e attività nella finanza?
«Sì, al di là del ruolo delle popolari, ci sono tante banche piccole che fanno una importante gestione finanziaria sul territorio».
Il governatore Emiliano ipotizza un ingresso della Regione nel capitale di BpB.
«Non conosco abbastanza bene Emiliano, ma non vedo perché gli enti locali debbano diventare proprietari di banche. È una condizione rischiosa, ci sono stati problemi in passato. Bisogna tenere invece il controllo della finanza della banca e dei flussi di denaro separato dalla politica».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie