Venerdì 05 Marzo 2021 | 15:33

NEWS DALLA SEZIONE

dati regionali
Covid in Puglia, curva contagi ancora alta: oltre 1400 casi (13,46%) e altri 19 morti: 610 nuvi contagi nel barese

Puglia, curva contagi ancora alta: 1418 casi (13,5%) e 19 morti. Vaccini, «pace» fatta tra Regione e medici di base

 
l'intesa
Puglia, firmato accordo Regione-Smi: medici di base potranno effettuare vaccinazioni anti Covid

Puglia, firmato accordo Regione-Smi: medici di base potranno effettuare vaccinazioni anti Covid

 
I dati regionali
Bari, boom produttività (+45%) Corte dei Conti nel 2020: oltre 6mila nuovi fascicoli e e condanne per 31 mln

Bari, boom produttività (+45%) Corte dei Conti nel 2020: oltre 6mila nuovi fascicoli e condanne per 31 mln

 
Serie C
Il Foggia prova a rialzare la testa: in attacco timidi segnali di luce

Il Foggia prova a rialzare la testa: in attacco timidi segnali di luce

 
Blitz della Polizia
Noicattaro, oltre 400 chili di hashish tra aglio e cipolle spagnole: in manette coniugi albanesi

Noicattaro, oltre 400 chili di hashish tra aglio e cipolle spagnole: in manette coniugi albanesi

 
la truffa
Cassano, conto «svuotato» di 94mila euro: Popolare Bari condannata a risarcire anziani emigranti

Cassano, conto «svuotato» di 94mila euro: Popolare Bari condannata a risarcire anziani emigranti

 
L'inchiesta
Giovinazzo, la «discarica» iniettava percolato sottoterra e la ditta risparmiava: 7 indagati, sequestrati 1,5 mln

Giovinazzo, la «discarica» iniettava percolato sottoterra e la ditta risparmiava: 7 indagati, sequestrati 1,5 mln

 
la minaccia
San Severo, busta con proiettili recapitata al sindaco: «Non mi lascio intimidire»

San Severo, busta con proiettili recapitata al sindaco: «Non mi lascio intimidire»

 
il blitz
Brindisi, riciclaggio e appropriazione indebita: 10 arresti all'alba

Ostuni, scacco a clan per riciclaggio e appropriazione indebita: 10 ordinanze

 

Il Biancorosso

Serie C
Gioco gol punti se l’«effetto Carrera» cambia il Bari

Gioco gol punti se l’«effetto Carrera» cambia il Bari

 

NEWS DALLE PROVINCE

FoggiaIl gesto
Vico del Gargano, bandiera Lega bruciata a ede partito: rafforzata viilanza

Vico del Gargano, bandiera Lega bruciata alla sede partito: rafforzata vigilanza

 
Lecceil festival
Sangiorgi canta a Sanremo: «4 marzo ‘43 mi ricorda mio padre»

Sangiorgi canta a Sanremo: «4 marzo ‘43 mi ricorda mio padre»

 
PotenzaL'emergenza
Potenza, inaugurazione anno giudiziario Corte dei Conti: creato ufficio «Servizio Covid-19»

Potenza, inaugurazione anno giudiziario Corte dei Conti: creato ufficio «Servizio Covid-19»

 
Brindisiil blitz
Brindisi, riciclaggio e appropriazione indebita: 10 arresti all'alba

Ostuni, scacco a clan per riciclaggio e appropriazione indebita: 10 ordinanze

 
TarantoOperazione Taros
Taranto, operazione «Taros» dei carabinieri contro la Scu: 16 arresti

Mafia, droga e voto di scambio: blitz dei Cc a Taranto, 16 arresti.
Leporano, soldi per le elezioni 2019 /Vd

 
MateraIl caso
Migranti, nel Materano al via progetti per accoglienza lavoratori

Migranti, nel Materano al via progetti per accoglienza lavoratori

 
BatL'emergenza
Covid nella BAT, oltre 200 contagi tra bimbi e ragazzi in nove comuni

Covid nella BAT, oltre 200 contagi tra bimbi e ragazzi in nove comuni

 

i più letti

L'appello

Canosa, Banfi: forza «raghezzi» salviamo la «Gazzetta»

L’artista: il nostro storico giornale non può e non deve morire

Canosa, Banfi: forza «raghezzi» salviamo la «Gazzetta»

CANOSA - «Forza raghezzi, la Gazzetta non può e non deve morire, dobbiamo fare di tutto per salvare un giornale storico come il “nostro”». Esordisce così Lino Banfi, arrivato nella “sua” Canosa, davanti a una tazza di caffè e con l’immancabile copia de «La Gazzetta del Mezzogiorno» tra le mani. Sul volto, una mascherina molto particolare che gli è stata regalata da una giovane sarta canosina con ricamata la scritta “Porca puttèna”, quella sua frase storica che però, detta da lui, non ha niente a che vedere con le parolacce. Un’esclamazione che diventa quasi di gioia oggi che finalmente è potuto arrivare da Roma nella piccola Roma (Canosa) dopo il lungo periodo di quarantena e di lockdown.

Lino Banfi, accompagnato dal figlio Walter, è tornato nella sua terra di Puglia per pochissimi giorni. «Mi spiace non poter salutare il mio caro amico presidente Michele Emiliano, che mi ha voluto onorare del titolo di ambasciatore della Puglia “in the world”, ma sono venuto qui solo per un paio di giorni e so che lui è molto “impegneto” nella nuova campagna elettorale. Mi spiace non riuscire ad incontrarlo, ma lo farò presto».

La visita a Canosa è quasi-lampo. «Sono tornato in Puglia appena ho potuto – racconta - per riprendere quel cammino, iniziato qualche tempo fa, per dare vita a una cordata di produttori per promuovere i sapori e i prodotti tipicamente pugliesi».

Il progetto del nuovo marchio “Bontà Banfi” parte da lontano, ma si è dovuto interrompere in questi mesi di lockdown. Ora, con il figlio Walter, ha ripreso quel percorso che porterà sulle tavole italiane, e non solo italiane, prodotti tipici pugliesi “doc” attraverso per ora i «Todis», e poi, man mano, anche attraverso le altre catene di supermercati. Dalle orecchiette, alle focacce, ai vini , fino alle conserve, ai latticini e ai taralli. Tutte produzioni pugliesi “doc”, proprio come il nostro Lino nazionale. «Quelle a kilometro zero – dice - anzi a kilometro S, cioè senza nemmeno un chilometro, quelle sotto casa». Scherza Lino, nelle vesti di indaffarato ma, finalmente, sereno imprenditore. Tanto sereno che davanti a una «tazzulella e’ cafè», sorseggiato a “distanza sociale”, si ferma ancora un po’ per ricordare il periodo del lockdown a Roma, e quelle “pubblicità” prima per invitare a “restare a casa” e poi, la più recente, ad usare la mascherina e a mantenere il distanziamento. «Devo dire che è stato un periodo abbastanza difficile e quando mi hanno chiesto di girare questi spot promozionali istituzionali non ho potuto né voluto tirarmi indietro. Sono o non sono il nonno d’Italia?».

Poi un pensiero corre ai suoi colleghi del mondo dello spettacolo. «È un momento molto difficile perché il nostro settore non è ancora ripartito. Qualsiasi produzione ha difficoltà oggettive per ricominciare, perché ci sono tanti risvolti lavorativi che, in questo momento storico, impediscono una immediata ripartenza. Ma ce la dobbiamo fare, perché noi italiani siamo forti».

«… e noi pugliesi forse lo siamo anche un po’ di più» aggiunge alzando un po’ il tono della voce. Questa volta però, invece di battersi il palmo della mano sulla pelata, riprende tra le mani la copia de «La Gazzetta del Mezzogiorno» e conclude alla sua maniera: «Ce la facciamo. Forza raghezzi e forza Gazzetta».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie