Martedì 22 Gennaio 2019 | 07:20

NEWS DALLA SEZIONE

L'inchiesta di Lecce
Mazzette ai magistrati di Trani, imprenditore non risponde. Avvocatessa: estranea ai fatti

Mazzette ai magistrati di Trani, imprenditore non risponde. Avvocatessa: estranea ai fatti

 
La decisione
Regionali, centrosinistra ai gazebo il 24 febbraio per il candidato presidente

Regionali, centrosinistra ai gazebo il 24 febbraio per il candidato presidente

 
Dl semplificazioni
Xylella, il Governo: chi non abbatte gli alberi ammalati rischia il carcere

Xylella, il Governo: chi non abbatte gli alberi ammalati rischia il carcere

 
Il concorso di idee
Bari, ecco il progetto della costa sud. Decaro: la sfida dei prossimi 10 anni

Bari, ecco il progetto della costa sud. Decaro: la sfida dei prossimi 10 anni
Sisto (FI): bufala storica

 
Il caso
Brindisi, macchia scura nelle acque del Porto: al via i controlli

Brindisi, macchia scura nelle acque del Porto: al via i controlli

 
Nel pomeriggio
A fuoco bus pieno di studenti, panico a San Pacrazio Salentino

A fuoco bus pieno di studenti, panico a San Pacrazio Salentino: nessun ferito

 
Operazione Pandora
Mafia a Bari, a processo 100 affiliati dei clan Diomede-Mercante e Capriati

Bari, a processo 100 affiliati dei clan Diomede-Mercante e Capriati

 
A Miggiano
Lecce, cade dal tetto di un capannone industriale: morto 72enne

Lecce, cade dal tetto di un capannone: morto 72enne

 
In meno di 24 ore
Ex Ilva, arrivano le prime 600 firme per l'esposto contro emissioni

Ex Ilva, arrivano le prime 600 firme per l'esposto contro emissioni

 
Il ritrovamento
Foggia, trovata carcassa delfino in spiaggia: scattano le indagini Asl

Foggia, trovata carcassa delfino in spiaggia: scattano le indagini Asl

 

La polemica

Pd, la «Spina» di Bisceglie
e la fuga dal centrodestra

Pd, dopo il caso Biscegliescoppia la crisi provinciale

Rivendica di essere «un uomo di centro» ma anche il suo diritto di iscriversi al Pd: Francesco Spina, sindaco di Bisceglie e fino a ieri anche presidente della Provincia Barletta-Andria-Trani (Bat), entrambe amministrazioni di centrodestra, si difende dalle accuse di chi vede un’anomalia nella sua scelta di iscriversi al Pd insieme con alcuni esponenti della sua giunta e dipendenti del Comune, e soprattutto nella massiccia richiesta di iscrizioni online al Partito democratico arrivata da Bisceglie: in tutto 363.
Ma a livello locale e non solo, il caso ha già scatenato un piccolo terremoto. Portando al commissariamento del tesseramento del circolo Pd di Bisceglie, affidato a Domenico De Santis. E alla decisione di Spina di presentarsi come presidente dimissionario al Consiglio provinciale della Bat, i cui consiglieri di maggioranza hanno rimesso le proprie deleghe nelle sue mani. Oggi pomeriggio, hanno annunciato i consiglieri provinciali Conservatori e riformisti della Bat, «spiegheremo in una conferenza stampa le motivazioni politiche che ci hanno portato oggi a non essere presenti in aula e ieri a rimettere le deleghe» ricevute «a inizio di una legislatura che era iniziata sotto diversi auspici e intendimenti politici».

Spina, però, spiega di «aver scelto di aderire al Pd già due anni fa» e annuncia di «querelare chi dice che da giovane ero fascista e che sono un ex di Forza Italia: l’unica tessera che ho avuto - assicura - è stata quella dell’Udc». Il primo cittadino precisa anche di «aver vinto le elezioni grazie a una coalizione di liste civiche contro il centro destra e il centro sinistra, rappresentati dai due parlamentari della città: il senatore Francesco Amoruso e l’onorevole Francesco Boccia del Pd». Spina non nasconde poi la «forte amicizia» con il presidente della Regione e segretario dimissionario del Pd Puglia, Michele Emiliano, di cui ha «coordinato le liste» alle scorse regionali. E confessa di volersi iscrivere al Pd perchè gli «piace il modo di fare di Renzi ed Emiliano: sono simili, due decisionisti», dice l’aspirante democratico. Dunque, sentenzia, «la mia richiesta di iscrizione non potrà essere respinta: la mia scelta - conclude Spina - è irreversibile, sarò un sostenitore del Partito democratico». Intanto De Santis annuncia di aver convocato «tutti i tesserati online, sabato e domenica a Bisceglie, a formalizzare l’iscrizione» di persona: "Non potranno ritirare la tessera quanti sono stati candidati nelle liste contrapposte al Pd» mentre «per gli amministratori che hanno fatto richiesta decideranno gli organismi competenti».


Intanto oggi si è insediato il commissario del tesseramento Domenico De Santis che ha incontrato la segretaria cittadina Roberta Rigante e quello provinciale Agostino Cafagna. Si è deciso di convocare tutti i tesserati online sabato e domenica presso il circolo di Bisceglie. L'apertura sarà sabato dalle ore 10 alle 13, e dalle ore 17 alle 20. Domenica il circolo sarà aperto dalle ore 10 alle 13. L'invito agli iscritti online è di presentarsi e formalizzare l'iscrizione al partito democratico.
"Il tesseramento sarà trasparente e alla luce del sole e sarà garantito dalla mia presenza costante e da quella della Segreteria. -così commenta De Santis - sabato e domenica dimostreremo che il partito democratico accoglierà i nuovi iscritti che rientreranno all'interno delle regole statutarie e le faremo rispettare. Coloro i quali non rientreranno nelle regole statutarie non potranno ritirare la tessera in questa fattispecie rientrano per esempio coloro i quali sono stati candidati nelle liste contrapposte al pd. Per quanto attiene gli amministratori che hanno fatto richiesta online la decisione è rinviata agli organismi competenti."

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400