Martedì 27 Ottobre 2020 | 01:59

NEWS DALLA SEZIONE

La manifestazione
Lecce, nuovo Dpcm: tensioni in piazza, forzato cordone Polizia. «Meglio morire di Covid che di fame»

Lecce, nuovo Dpcm: tensioni in piazza, forzato cordone Polizia. «Meglio morire di Covid che di fame»

 
I dati
Virus, in Italia calano i contagi, 17mila in 24 ore. Anche 141 morti

Virus, in Italia calano i contagi, 17mila in 24 ore. Anche 141 morti. Isolati 5 varianti virus: più aggressivo e si replica meglio

 
Serie C
Bari tocca a te: alle 21 contro il Catania vietato fallire

Bari tocca a te: alle 21 contro il Catania vietato fallire

 
Il bollettino
Puglia, 414 nuovi casi: meno di ieri, ma tasso contagio resta alto (12%). Altri 10 morti (quasi tutti nel Barese)

Puglia, 424 casi: meno di ieri, ma tasso contagio resta alto (12%). Altri 10 morti (quasi tutti nel Barese), 43 nuovi ricoveri

 
serie C
Palermo-Potenza, salta la partita di giovedì: 19 giocatori siciliani positivi al Covid

Palermo-Potenza, salta la partita di giovedì: 19 giocatori siciliani positivi al Covid

 
paura contagio
Covid, pronte linee guida per maggiore uso test antigenici nelle Asl

Covid in Puglia, via libera ad uso maggiore test antigenici nelle Asl

 
la provocazione
Taviano, #iorestoaperto: gestore cinema sfida norme Dpcm

Taranto, nuovo Dpcm: titolare palestra si incatena. E nel Leccese gestore cinema: #iorestoaperto, ma poi ci ripensa

 
la protesta
Puglia, ritardi internalizzazione sanità: sindacati verso lo sciopero

Puglia, ritardi internalizzazione sanità: sindacati verso lo sciopero

 
indagini della gdf
Matera, scoperta truffa fondi europei per il turismo: diverse persone coinvolte

Matera, scoperta truffa fondi europei per il turismo: diverse persone coinvolte

 
dati regionali
Covid, in Basilicata durante week end 93 nuovi positivi (8 residenti in Puglia) su 1315 tamponi

Covid, in Basilicata durante week end 93 nuovi positivi (8 residenti in Puglia) su 1315 tamponi

 
L'intervista
Il cardinale Semeraro alla Gazzetta: «Anch’io sorpreso...»

Il cardinale Semeraro alla Gazzetta: «Anch’io sorpreso...»

 

Il Biancorosso

Serie C
Bari, al San Nicola prima vittoria di stagione: battuto 4-1 il Catania

Bari, al San Nicola prima vittoria di stagione: battuto 4-1 il Catania

 

NEWS DALLE PROVINCE

BariLa chiusura
Covid, il Dpcm «spegne» Bari: dall'Umbertino a Bari vecchia. Così orso Vittorio Emanuele Video

Covid, il Dpcm «spegne» Bari: dalla città vecchia all'Umbertino a corso Vittorio Emanuele Video

 
FoggiaIl contagio
Rodi, in scuola 25 bimbi e 9 insegnanti positivi. Sindaco: alunni in ottima salute

Rodi, in scuola 25 bimbi e 9 insegnanti positivi. Sindaco: alunni in ottima salute

 
LecceLa manifestazione
Lecce, nuovo Dpcm: tensioni in piazza, forzato cordone Polizia. «Meglio morire di Covid che di fame»

Lecce, nuovo Dpcm: tensioni in piazza, forzato cordone Polizia. «Meglio morire di Covid che di fame»

 
Taranto2 novembre
Taranto, ingressi contingentati al cimitero per la commemorazione dei defunti

Taranto, ingressi contingentati al cimitero per la commemorazione dei defunti

 
PotenzaControlli dei CC
Malfi, in deposito agricolo nascondeva armi e munizioni: arrestato 46enne

Melfi, in deposito agricolo nascondeva armi e munizioni: arrestato 46enne

 
Batl'intervista
Pedopornografia on line, don Fortunato: «Non si abbassi la soglia di attenzione»

Pedopornografia on line, don Fortunato: «Non si abbassi la soglia di attenzione»

 
Materacontrolli della ps
Matera, si affaccia al balcone e spaccia stupefacenti: arrestato pusher 46enne

Matera, si affaccia al balcone e spaccia stupefacenti: arrestato pusher 46enne

 
Brindisiopere pubbliche
Ceglie Messapica, lavori alla torre finalmente ripresi

Ceglie Messapica, lavori alla torre finalmente ripresi

 

i più letti

Giustizia svenduta

Magistrati arrestati a Trani, i fratelli Ferri: «Ci chiesero 4mln per fermare indagini»

Nel 2003 il crac del gruppo, che fatturava 400 milioni di euro

Magistrati arrestati a Trani, i fratelli Ferri: «Ci chiesero 4mln per fermare indagini»

«Ci hanno distrutto, aggredendo anche i nostri beni patrimoniali e lasciando in mezzo alla strada oltre tremila persone e distruggendo una azienda che fatturava 400 milioni di euro l’anno». Nel 2003 il gruppo Ferri aveva 400 negozi. Sedici anni dopo, la Cassazione ha chiuso con la prescrizione il processo per bancarotta a carico dei fratelli di Corato che, solo oggi, hanno denunciato di aver subito una estorsione: un avvocato, lo stesso di cui ha parlato anche il re del grano Francesco Casillo, avrebbe chiesto 4 milioni di euro per salvarli dall’indagine condotta dall’allora pm di Trani, Antonio Savasta, e dagli arresti e dalle altre misure cautelari disposte dall’allora gip Michele Nardi.

Così come la denuncia di Francesco Casillo, che ha parlato di un milione di euro versati per far chiudere l’inchiesta di Savasta sul grano contaminato, anche quella dei fratelli Ferri è finita agli atti dell’indagine della Procura di Lecce sulla giustizia truccata nel Tribunale di Trani. Anche le accuse dei Ferri, così come quelle di Casillo, risalgono al 2003 e sono ormai prescritte. Ma mentre il re del grano fu assolto, le accuse di bancarotta ai Ferri sono cadute solo per il troppo tempo trascorso. Ma nel fascicolo che i carabinieri di Barletta hanno trasmesso ad aprile alla procuratore Leonardo Leone de Castris c’è qualcosa in più: una denuncia presentata cinque anni fa dalla gip Maria Grazia Caserta, che segnalava possibili irregolarità da parte di Nardi nella gestione dei compensi ai commissari giudiziali del gruppo Ferri. Una denuncia mai presa in considerazione.

«VERRETE ARRESTATI»
L’indagine nacque sulla scorta delle denunce di alcuni dei gestori dei punti vendita del gruppo Ferri. Il resto lo racconta, ai carabinieri, Francesco Ferri. «Una sera dell'ottobre 2003 fui chiamato da mio fratello Filippo che mi chiese di parlarmi urgentemente. Mi raggiunse a casa ed era in compagnia del geometra Attilio de Palma, mi rappresentarono entrambi che per sistemare la crisi aziendale che si stava creando, bisognava rivolgersi all'avvocato Miranda (si riferisce all'avvocato Vincenzo Miranda, del foro di Trani, ndr.), che conosceva bene sia Michele Nardi che Antonio Savasta rispettivamente Gip e pubblico ministero del procedimento penale che riguardava la nostra azienda. L'Attilio de Palma disse subito che per sistemare la situazione erano occorrenti 4 milioni di euro da consegnare a Vincenzo Miranda che a sua volta li avrebbe recapitati ai due magistrati Nardi e Savasta».

Ferri dice di aver convocato i fratelli Riccardo e Antonio. «Con loro abbiamo stabilito che avremmo dato un acconto essendo una cifra richiesta esorbitante. Concordammo di versare una prima tranche di 500mila euro e della consegna materiale se ne sarebbe occupato Filippo che aveva rapporti diretti con Vincenzo Miranda». Francesco Ferri sostiene che l’avvocato Vincenzo Miranda «ci fece vedere alcuni provvedimenti restrittivi che riguardavano la nostra famiglia che sarebbero stati eseguiti di lì a breve», come effettivamente avvenne. «L'incontro con Vincenzo Miranda avvenne nel novembre 2003 mentre i primi di dicembre furono eseguiti i primi provvedimenti restrittivi che riguardavano tutta la nostra famiglia. Subito dopo le misure restrittive Vincenzo Miranda ci ha riconvocato e ha detto che erano pronte altre misure più severe che sarebbero andate in esecuzione di li a poco se non avessimo ottemperato alla richiesta di danaro».

«BASTA L’ANTICIPO»
Il racconto è confermato anche da Filippo Ferri, che parla dei 4 milioni chiesti da Vincenzo Miranda «per poter salvare l'azienda e far cessare la pressione investigativa da parte dei due magistrati e di conseguenza delle forze dell'ordine», e delle misure cautelari che gli sono state mostrate in anteprima dall’avvocato: «In quel frangente reiterò la richiesta di denaro sostenendo che per calmierare i due magistrati si sarebbe accontentato di una tranche di 500mila euro». Qui però le versioni divergono. «Racimolai la cifra di 215mila euro che aggiunti alla somma di circa 60/80mila euro, non ricordo con precisione, che mi diede mio fratello Antonio, li ho consegnati a Vincenzo Miranda presso il suo studio di Trani».

«DATECI IL TFR»
Filippo Ferri racconta ancora che l’avvocato Vincenzo Miranda aveva messo gli occhi sul Tfr degli amministratori del gruppo. «Ci disse che per assicurare la cifra richiesta in origine, cioè i 4 milioni di euro, dovevamo incassare i premi assicurativi, che ammontavano a circa un milione e mezzo di euro e dovevamo consegnarglieli». Il tentativo non va in porto, perché la compagnia rifiuta di liquidare le polizze. Ma questo, sempre secondo Ferri, non placò le richieste. «Fui costretto ad permutare una mia autovettura, una Passat all'epoca di recente immatricolazione e del valore 15mila euro, per consentire a Vincenzo Miranda di acquistare una nuova autovettura».

TV AL PLASMA, CELLULARI, SPREMIAGRUMI: I REGALI AI DUE MAGISTRATI - Un televisore 3D da 60 pollici da 974 euro, un plasma da 64 pollici da 1.433 euro. E poi kit per surround, un paio di cellulari Galaxy S4, alcuni iPhone 5, e ancora climatizzatori, computer portatili, due lavatrici, un aspirapolvere senza fili, un frigorifero americano doppia porta da 1.228 euro, uno spremilimoni... Una marea di oggetti di elettronica, tutti pagati comprati nel 2013 in un negozio Trony e pagati dall’imprenditore di Corato, Paolo Tarantini, così come le piante (8.140 euro) comprate in un vivaio di Ruvo.

Sono, secondo l’accusa, i regali che Tarantini avrebbe fatto (l’elettronica) all’ex gip Michele Nardi e (le piante) all’ex pm Antonio Savasta. Le fatture, raccolte dai carabinieri di Barletta, figurano tra gli atti dell’inchiesta messi a disposizione delle difese. L’imprenditore Tarantini, che in questa storia è parte offesa, sarebbe stato oggetto di una «stangata» orchestrata (sempre secondo l’accusa) dai due magistrati insieme al poliziotto Vincenzo Di Chiaro e all’avvocato Simona Cuomo: una falsa indagine per reati fiscali, a firma di Savasta, che sarebbe poi stata insabbiata dietro pagamento di 400mila euro. All’ex pm la Procura contesta anche la truffa, perché avrebbe chiesto altri 60mila euro a Tarantini facendogli credere che servissero per sottoporre il figlio a un intervento chirurgico a New York.

Nel verbale davanti alla Procura di Lecce, Tarantini racconta di come sarebbero avvenute le consegne dei soldi. E, oltre che dei viaggi a sbafo, parla pure dei regali. «Sotto Natale del 2013 Flavio D’Introno mi dice che bisogna fare un regalo a Nardi comprando da Trony materiale per circa 25mila euro. Io ho ordinato questo elenco di cose che mi ha detto D’Introno. Della consegna però si è occupato Flavio D’Introno, che appunto mi aveva detto che dovevano essere portati alla villa di Nardi che io però non so dove sia. So che Savasta ha una villa a Polignano (una masseria, ndr) dove sono state mandate delle piante acquistate da un floricoltore di Ruvo di cui non ricordo il nome. Io stesso ho acquistato quelle piante per un valore di circa 8mila euro. Fu Flavio D’Introno che mi accompagno dal vivaista che io non conoscevo e alla mia presenza lo stesso Flavio indicò al vivaista il luogo di consegna delle piante ed il destinatario, indicando appunto la villa di Polignano di Antonio Savasta. Erano due piante grasse, un melograno gigante e poi non ricordo che altro»

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie