Mercoledì 24 Aprile 2019 | 20:25

NEWS DALLA SEZIONE

Il caso
Stupro in Cara Bari, in carcere sesto uomo gang nigeriana

Stupro in Cara Bari, in carcere sesto uomo gang nigeriana

 
Verso il 26 maggio
Bari, due sondaggi sulle comunali: «Decaro vince al primo turno», «Ballottaggio con Di Rella»

Bari, due sondaggi sulle comunali: «Decaro vince al primo turno», «Ballottaggio con Di Rella»

 
A Bari
Concessione spiaggia Torre Quetta: rinvio a giudizio per 3 indagati

Concessione spiaggia Torre Quetta: rinviati a giudizio 3 indagati

 
Serie C
Bari calcio, «San Nicola» boom boom: festa della resurrezione

Bari calcio, «San Nicola» boom boom: festa della resurrezione

 
Elezioni in vista
A Bari e a Lecce ecco i nomi dei «figli d'arte» nelle liste politiche

A Bari e a Lecce ecco i nomi dei «figli d'arte» nelle liste politiche

 
Primo caso a Sud
Taranto, operata di tumore al cervello mentre suona il violino

Taranto, operata di tumore al cervello mentre suona il violino

 
Nel quartiere San Paolo
Bari, col fratello fa irruzione in casa e aggredisce ex moglie: arrestati

Bari, col fratello fa irruzione in casa e aggredisce ex moglie: arrestati

 
Stalking
Francavilla, non accetta la relazione dell'ex e aggredisce lui e la compagna: arrestata

Francavilla, non accetta la relazione dell'ex e aggredisce lui e la compagna: arrestata

 
emergenza in puglia
Xylella nel Barese, Noci firma l'ordinanze per bloccare il batterio

Xylella nel Barese, Noci firma l'ordinanza per bloccare il batterio

 
La visita
Ex Ilva, Di Maio a Taranto: scatta il sit in oltre la zona rossa

Ex Ilva, Di Maio a Taranto: «Mai pensato di chiudere lo stabilimento» 
Associazioni vanno via: «È teatrino»

 
La festa non autorizzara
Taranto, si sballano a rave party: 17 denunciati, tra loro un minorenne

Taranto, si sballano a rave party: 17 denunciati, tra loro un minorenne

 

Il Biancorosso

L'ALLENATORE
"La vittoria più bella? Quella ad Acireale"Cornacchini: "Le difficoltà ci saranno sempre"

"La vittoria più bella? Quella ad Acireale"
Cornacchini: "Le difficoltà ci saranno sempre"

 

NEWS DALLE PROVINCE

BariIl premio
Mafia, scuola barese vince concorso Fondazione Falcone

Mafia, scuola barese vince concorso Fondazione Falcone

 
TarantoAmbiente ferito
Ex Ilva, mamma ragazzo morto di cancro: «Non stringo la mano a Di Maio»

Ex Ilva, mamma ragazzo morto di cancro: «Non stringo la mano a Di Maio»

 
LecceTecnologia
Lecce, ecco Dumbo: miniescavatore radiocomandato che pulisce le vasche Aqp

Lecce, ecco Dumbo: miniescavatore radiocomandato che pulisce le vasche Aqp

 
BatLavoro
Barletta, sindacati soddisfatti: stop licenziamenti alla Timac

Barletta, sindacati soddisfatti: stop licenziamenti alla Timac

 
FoggiaL'intervista
Giannini: «Al treno-tram la Regione ha rinunciato»

Giannini: «Al treno-tram Foggia-Manfredonia la Regione ha rinunciato»

 
BrindisiStalking
Francavilla, non accetta la relazione dell'ex e aggredisce lui e la compagna: arrestata

Francavilla, non accetta la relazione dell'ex e aggredisce lui e la compagna: arrestata

 
MateraIn fiamme
Matera, divampa un incendio ferito un carabiniere

Matera, divampa un incendio ferito un carabiniere

 
PotenzaIl nuovo volto della regione
Basilicata, Bardi prende tempo: giunta dopo i 10 giorni

Basilicata, Bardi prende tempo: giunta dopo i 10 giorni

 

Preso nel Bresciano

Bari, preparava sequestro-rapina in Toscana: arrestato Leone «u'astat»

Il 58enne anni fa fu al centro della vicenda del sequestro del ragioniere di Berlusconi. La sua carriera di rapine eccellenti e pentitismo di convenienza

Bari, preparava sequestro-rapina in Toscana: arrestato Leone «u'astat»

L'ex pentito Francesco Leone

Dalle rapine ai sequestri agli incendi, passando per riti di affiliazione mafiosa e anni di pentitismo di convenienza. Francesco Leone, detto «u'astat», continua a far parlare di lui a distanza di qualche anno: ufficialmente residente a Frosinone è stato arrestato nel Bresciano per essere stato il mandante dell’incendio al centro estetico «Il bello delle donne» di Desenzano del Garda. Incendio avvenuto il 10 settembre dello scorso anno. Con Leone sono finite in cella altre quattro persone: sarebbe stato lui il mandante e si sarebbe fatto aiutare da due persone, che hanno materialmente eseguito l’incendio, mentre altri due si sono resi responsabili del trasferimento fraudolento di valori e del riciclaggio con riferimento ad ingenti somme nelle disponibilità del principale indagato. Secondo le indagini il mandante dell’incendio stava anche preparando un sequestro dei vertici di una società toscana di custodia valori i cui caveau sarebbero dovuti essere prelevati.

Il blitz dei carabinieri dei comandi provinciali dell’Arma e della Gdf, insieme allo Scico delle Fiamme gialle e al reparto indagini tecniche del Ros è scattato oggi all’alba nelle province di Brescia, Frosinone, Bari, Roma e Latina, dove sono stati arrestati - in esecuzione di un’ordinanza di custodia cautelare del Gip di Brescia - quattro italiani e una donna rumena accusati, a vario titolo, di concorso in incendio, riciclaggio e trasferimento fraudolento di valori.

Le indagini, ancora in corso, hanno anche accertato una "fiorente e attuale progettualità criminale», consistente nella reiterazione di incendi dolosi e danneggiamenti a concessionarie d’auto per «sentimenti di vendetta». A quest’ultimo riguardo, l'autorità giudiziaria ha disposto il sequestro di quattro immobili, due conti correnti postali e un’autovettura Mercedes. Sequestrare anche due armi clandestine e il relativo munizionamento, un silenziatore, carteggio contabile, bancario, documenti falsi, denaro contante e atti relativi al programmato sequestro di persona in Toscana.

Il 57enne barese  era stato condannato per il sequestro lampo di Giuseppe Spinelli, il ragioniere di Silvio Berlusconi rapito nel 2012 con la moglie. Leone si trovava nel Bresciano perché molto amico di una donna romena che lavorava nel centro estetico dato alle fiamme. 

LA RAPINA NEL 1992 A BARI E LA PISTA TERRORISMO - Ma la «carriera» di Leone, che pur avendo collezionato decine di ani di condanne era sempre (spesso) libero, è costellata da una serie di imprese che hanno dominato la cronaca. Nell’ottobre del 1992, si rese responsabile di una delle rapine più audaci nel centro del capoluogo pugliese, quella alla filiale della Cassa di Risparmio di Puglia : per una notte lui e i suoi complici segregarono la famiglia del direttore costringendo il responsabile della banca ad aprire il caveau e consegnare valuta estera per un valore di un miliardo e 200 milioni di vecchie lire. Per depistare le indagini, «u’uastat» e i suoi complici idearono una messinscena tentando di orientare le indagini verso la pista terroristica: fu scattata con una «Polaroid» una foto della famiglia del direttore di banca davanti a un drappo sul quale era disegnata la stella a cinque punte. Per quel colpo, Leone fu condannato a 10 anni di reclusione.

IL PENTITO A RATE - Il suo cliché di «mafioso» si scoprì a Bari per la prima volta, nel 1993 quando, diventò il teste-chiave della maxi inchiesta sulla mafia dell’hinterland barese ribattezzata «Conte Ugolino». Leone raccontò affiliazioni, testimoniò la sua iniziazione (sarebbe avvenuta all’età di 13 anni) e spedì in cella decine di persone ritenute. Erano i primi anni di applicazione della legge sui pentiti - in cui erano ammesse le dichiarazioni a rate - e «u’uastat» riempì migliaia di pagine di verbali di interrogatorio per svelare i suoi «segreti». Ma come tutte le «gole profonde» - che più parlavano e più ottenevano - Leone col passare del tempo diventò sempre meno credibile: un suo interrogatorio finì anche nella carte del processo sul rogo del teatro Petruzzelli. Così, approfittando del suo status di collaboratore di giustizia, si garantì una sorta di immunità nonostante una serie di arresti per sequestri di persona e rapine, secondo un «modus operandi» ormai collaudato. Lasciando dietro di sé una scia di sospetti e interrogativi su chi in realtà potesse nascondersi dietro le sue scorribande.

L'EVASIONE DAL CARCERE CON UN EX POLIZIOTTO - Nel febbraio del 1993, mentre era in cella per la rapina alla Caripuglia (e di lì a poco avrebbe rilasciato dichiarazioni per il «Conte Ugolino») il suo nome catalizzò nuovamente l’attenzione della cronaca: evase con un ex poliziotto accusato di concorso in omicidio dal carcere di Turi, in provincia di Bari. Una fuga meditata e favorita da una serie di circostanze non casuali: l’ex poliziotto si costituì due giorni dopo, mentre Leone fu catturato tre mesi dopo in una clinica romana.

RAFFICHE DI COLPI IN BANCA - Sempre da uomo «libero» - in attesa di processo - Leone organizzò una banda che mise a segno una quindicina di colpi (quelli accertati) con la tecnica del sequestro di persona tra Bari, Latina e Roma. Fra i colpi realizzati quello, nel 1998, alla filiale della Banca Commerciale Italiana nel «Baricentro» di Casamassima, a circa 20 chilometri da Bari, dove i banditi, travestiti da Carabinieri, entrarono nel pomeriggio (alla chiusura della banca) nell'abitazione del direttore dell'istituto di credito e presero in ostaggio fino alla sera la moglie, il figlio, la baby sitter e la madre di questa. Il bottino fu 300 milioni di lire. Leone, travestito da commisario di polizia, tentò un colpo da 4 miliardi di lire: gli stipendi del personale Aeronautica di Ciampino. Fu arrestato mentre tentava di sequestrare un ufficiale cassiere.

IL DEBOLE PER LE DONNE - Nel 2000 (dopo lo «sfratto» dal programma di protezione), il suo arresto disposto dalla la Procura di Roma: per questo, Leone incassò un anno dopo, nel maggio del 2001, altri 12 anni di reclusione. Un rivolo dell’indagine romana è ancora in attesa di essere definita nel capoluogo pugliese nei confronti di una donna, E proprio il gentil sesso avrebbe rappresentato un’altra variabile (o debole?) della vita spericolata di Leone: durante la sua detenzione in un penitenziario per pentiti, l’ex «gola profonda» della mala barese avrebbe avuto uin flirt con un’agente di custodia. 

Infine, il colpo grosso ai danni del ragioniere dell’ex Premier Berlusconi, quello che potrebbe aver segnato la fine della sua carriera. Ma per «u’uastat» non è arrivato il momento della pensione.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400