Martedì 18 Giugno 2019 | 11:28

NEWS DALLA SEZIONE

Ha 2 anni
Lecce, bimba con esofago ricostruito mangia normalmente

Lecce, bimba con esofago ricostruito mangia normalmente

 
nel Foggiano
Poggio Imperiale, morta Nonna Peppa, la donna più anziana d'Europa

Poggio Imperiale, morta Nonna Peppa, la donna più anziana d'Europa

 
L'allarme
Scoppiano tubature Consorzio Bonifica, inondate campagne a Minervino Murge

Scoppiano tubature Consorzio Bonifica, inondate campagne a Minervino Murge

 
L'annuncio
Domani via alla maturità, polizia postale Bari: «Non credere alle fake news»

Domani via alla maturità, polizia postale Bari: «Non credere alle fake news»

 
Non si fermò all'alt
Foggia, investì vigile con lo scooter: individuato minorenne, denunciato

Foggia, investì vigile con lo scooter: individuato minorenne, denunciato

 
Energia
Fotovoltaico, Puglia da record: primi in Italia per potenza

Fotovoltaico, Puglia da record: primi in Italia per potenza

 
Il provvedimento
Banche, passa norma fusioni in Dl crescita. Jacobini: fine delle incertezze

PopBari, in Dl crescita passa norma fusioni per banche. Jacobini: fine delle incertezze

 
La polemica
Andria segretario Pd a Meloni «Ma fai la casalinga». La replica: rispetta donne

Andria segretario Pd a Meloni «Ma fai la casalinga». La replica: rispetta donne

 
Lega Pro
Bari, a Mattera e Feola difficile rinnovo del contratto

Bari, a Mattera e Feola difficile rinnovo del contratto

 
Centrodestra
Puglia 2020, Fitto: io candidato? Prima confronto su contenuti poi i nomi

Puglia 2020, Fitto: io candidato? Prima confronto su contenuti poi i nomi

 
Politica
Regionali, maggioranza centrosinistra Puglia: bene ricandidatura Emiliano

Regionali, maggioranza centrosinistra Puglia: bene ricandidatura Emiliano

 

Il Biancorosso

CALCIO MERCATO
Il Monopoli sulle tracce di Barretoriparte dalla Puglia l'avventura ?

Il Monopoli sulle tracce di Barreto, riparte dalla Puglia l'avventura ?

 

NEWS DALLE PROVINCE

LecceHa 2 anni
Lecce, bimba con esofago ricostruito mangia normalmente

Lecce, bimba con esofago ricostruito mangia normalmente

 
Foggianel Foggiano
Poggio Imperiale, morta Nonna Peppa, la donna più anziana d'Europa

Poggio Imperiale, morta Nonna Peppa, la donna più anziana d'Europa

 
MateraNel Materano
Boom case vacanza nel Metapontino, terza località in Italia

Boom case vacanza nel Metapontino, terza località in Italia

 
BatDal geologo Dellisanti
Minervino Murge, scoperta nuova grotta carsica

Minervino Murge, scoperta nuova grotta carsica

 
BariLa storia
Bari, invalida al 100%: da 4 anni in lotta con l'Inps per indennità accompagnamento

Bari, invalida al 100%: da 4 anni in lotta con l'Inps per indennità accompagnamento

 
TarantoCittà nostra
Taranto, chiuse indagini su due clan: sotto accusa 31 persone

Taranto, chiuse indagini su due clan: sotto accusa 31 persone

 
PotenzaRegione Basilicata
Potenza, più soldi per i portaborse: il Consiglio studia una legge ad hoc

Potenza, più soldi per i portaborse: il Consiglio studia una legge ad hoc

 
BrindisiL'incidente
Ceglie Messapica, parco giochi pericoloso: bimbo in ospedale

Ceglie Messapica, parco giochi pericoloso: bimba in ospedale

 

i più letti

I fatti a Messina

Scontri tra tifoserie: domiciliari per ultras Bari

Già disposti 18 Daspo

Scontri tra tifoserie: domiciliari per ultras Bari

La Digos di Messina sta eseguendo un provvedimento di arresti domiciliari nei confronti di 5 ultras baresi coinvolti negli scontri con alcuni tifosi messinesi che avvennero nella città dello Stretto il 21 ottobre e il 4 novembre scorsi. Per gli stessi fatti il questore Mario Finocchiaro aveva emesso 18 Daspo.

Il 21 ottobre gli scontri avvennero all’imbarcadero dei traghetti Caronte & Tourist tra un piccolo gruppo di tifosi del Messina che rientravano dalla partita giocata a Torre del Greco e quelli del Bari che avevano fatto una trasferta a Marsala. Il bilancio fu di decine di feriti e danni ai tornelli della stazione marittima. Sulla vicenda aprì un’inchiesta la polizia che acquisì subito i filmati delle telecamere per l’identificazione dei tifosi.
Il 4 novembre scorso, invece, alcuni tifosi del Bari, provenienti da una trasferta ad Acireale, in attesa di imbarcarsi per Villa San Giovanni, scesero dai pullman con mazze, bombe carta e fumogeni e tentarono di provocare alcuni automobilisti incolonnati verso il traghetto. Anche in quel caso fu la polizia a riportare l’ordine. L’indagine che ha portato agli arresti è stata coordinata dalla Procura di Messina guidata da Maurizio De Lucia.

I 5 ultras baresi arrestati oggi e coinvolti in due fatti di guerriglia urbana accaduti a Messina il 21 ottobre e il 4 novembre scorsi sono stati identificati dalla Digos della città dello Stretto. Nel primo dei due episodi - entrambi si sono verificati nell’area degli imbarchi della società Caronte &Tourist - un piccolo gruppo di tifosi del Messina, appena sbarcato, provenienti da una trasferta a Torre del Greco, è stato aggredito dai tifosi baresi, in attesa di imbarcarsi alla volta di Villa San Giovanni, di rientro dalla competizione calcistica disputatasi a Marsala.
Brevi minuti di «guerriglia urbana», sedati dai poliziotti che erano agli imbarchi. Le due tifoserie hanno lanciato fumogeni e bombe carta. Gli agenti hanno evitato che gli scontri degenerassero facendo risalire i tifosi del Bari sul pullman ed allontanando quelli messinesi dall’area intanto chiusa al traffico. Al termine dell’indagine avviata subito dopo la Digos di Messina, con l’aiuto dei colleghi baresi, ha denunciato 10 ultras baresi.


Nel secondo episodio sempre i tifosi del Bari di rientro da Acireale in attesa di imbarcarsi verso la Calabria hanno cercato di aggredire degli automobilisti. All’intervento dei poliziotti hanno lanciato fumogeni e bombe carta ferendo tre agenti. Gli investigatori hanno i identificato e denunciato altri 7 tifosi. Ai domiciliari oggi sono finiti Roberto Conese, barese, Cristiano Ladisi, barese, Nicola Sibillani, Vitangelo Spizzico. Marco Atzori è stato portato in carcere perché durante la perquisizione è stato trovato con un chilo di hashish, una pistola giocattolo, munizioni da guerra. Sono accusati, a vario titolo, di interruzione di servizio di pubblica utilità, danneggiamento aggravato, lancio e possesso di oggetti pericolosi, lesioni, rissa.

Ad incastrare i tifosi del Bari arrestati stamani sono state soprattutto le immagini delle telecamere di sorveglianza visionate dalla polizia scientifica di Messina che ha svolto un lavoro molto accurato». A dirlo il vicequestore di Messina Nicola Spampinato oggi durante la conferenza stampa a Messina per l’arresto di 5 tifosi del Bari.
«L'indagine non è stata semplice - prosegue Spampinato - i più violenti erano con il volto coperto. Questi non sono tifosi, sono delinquenti, la maggior parte di loro ha precedenti penali. Vanno in giro camuffati in barba ai Daspo, ora la misura è stata inasprita con l’obbligo di firma ed è più efficace. Mazze e armi, invece, le nascondono probabilmente nei mezzi di trasporto. Negli stadi non entrano ma sono utilizzate nei tragitti al ritorno».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE