Domenica 18 Agosto 2019 | 16:56

NEWS DALLA SEZIONE

Politica
L'ira di Altieri: «Emiliano rispetti i leghisti pugliesi»

L'ira di Altieri: «Emiliano rispetti i leghisti pugliesi»

 
Bollino rosso
Bari, auto in fiamme sull'A14: coda lunga 4 km e traffico in tilt

Bari, auto in fiamme sull'A14: coda lunga 4 km e traffico in tilt

 
Disagi in spiaggia
Monopoli, sversati liquami in mare: divieto balneazione al Lido Bianco

Monopoli, sversati liquami in mare: divieto balneazione al Lido Bianco

 
Nel Tarantino
Scontro frontale tra due auto tra Laterza e Ginosa: morto 40enne, 3 feriti

Scontro frontale tra due auto tra Laterza e Ginosa: morto 40enne, 3 feriti

 
Il caso
Choc a Monopoli, una «Maria nera» ruba la scena alla «Madonna della Madia»

Choc a Monopoli, una «Maria nera» ruba la scena alla «Madonna della Madia»

 
Sviluppo
Il Sud sorprendente volano per l’avvio di nuove imprese

Il Sud sorprendente volano per l’avvio di nuove imprese

 
L'incidente
Grassano, muore a 25 anni dopo un volo con l’auto in una scarpata

Grassano, muore a 25 anni dopo un volo con l’auto in una scarpata

 
le «pagelle» arwu
UniSalento perde quota ma resta nella top 1000 delle migliori al mondo

UniSalento perde quota ma resta nella top 1000 delle migliori al mondo

 
Uilvi decimati
Xylella, scoppia un’altra lite e il batterio avanza ancora

Xylella, scoppia un’altra lite e il batterio avanza ancora: «Ci vuole chiarezza»

 
La denuncia di Radicali e Penalisti
«Bari ha bisogno di un nuovo carcere»: solo 299 posti, mai i detenuti sono 428

«Bari ha bisogno di un nuovo carcere»: solo 299 posti, ma i detenuti sono 428

 
Calcio
Lecce, domani terzo turno di Coppa contro la Salernitana, Liverani: «Serve entusiasmo»

Lecce, domani terzo turno di Coppa contro la Salernitana, Liverani: «Serve entusiasmo»

 

Il Biancorosso

Sport
Bari calcio, boom per gli abbonamenti: superati i 5mila tesserati

Bari calcio, boom abbonamenti: superati i 5mila tesserati

 

NEWS DALLE PROVINCE

FoggiaBottino 10mila euro
Cerignola, in 5 assaltano market: via con il denaro della cassaforte

Cerignola, in 5 assaltano market: via con il denaro della cassaforte

 
BariPolitica
L'ira di Altieri: «Emiliano rispetti i leghisti pugliesi»

L'ira di Altieri: «Emiliano rispetti i leghisti pugliesi»

 
BrindisiIl caso
Cisternino, si appropriava di auto poste sotto sequestro: denunciato

Cisternino, si appropriava di auto poste sotto sequestro: denunciato

 
HomeNel Tarantino
Scontro frontale tra due auto tra Laterza e Ginosa: morto 40enne, 3 feriti

Scontro frontale tra due auto tra Laterza e Ginosa: morto 40enne, 3 feriti

 
GdM.TVIl ritrovamento
Scanzano Jonico, sulla spiaggia spunta un granchio tropicale

Scanzano Jonico, sulla spiaggia spunta un granchio tropicale

 
PotenzaIl caso
Castelmezzano, Rubano offerte in chiesa: messi in fuga da 2 parrocchiani

Castelmezzano, rubano offerte in chiesa: messi in fuga da 2 parrocchiani

 
NewsweekVacanze vip
Gallipoli, attracca al porto lo yacht dell’emiro del Qatar

Gallipoli, attracca al porto lo yacht dell’emiro del Qatar

 
BatL'iniziativa il 22 agosto
Bisceglie dedica a Leopardi la scalinata dell'Infinito

Bisceglie dedica a Leopardi la scalinata dell'Infinito

 

i più letti

Il figlio del boss

Mafia e scommesse on line, presi Tommy Parisi  a Bari e Martiradonna jr a Pavia

Il giovane rampollo del clan di Japigia era sfuggito al blitz di mercoledì

tommy parisi

Sono stati catturati ne pomeriggio due latitanti sfuggiti al blitz di mercoledì contro una presunta organizzazione criminale che riciclava denaro attraverso la scommesse on line e che ha portato all'emissione di 21 ordinanze di custodia cautelare in carcere. Entrambi gli arresti, eseguiti a Bari e Pavia, hanno riguardato Tommy Parisi, 35 anni e Michele Martiradonna, 49 anni, figlio del boss Vito (ieri è stato fermato in Spagna l'altro fratello di 37 anni, Mariano, che stava per costituirsi).

Parisi è stato catturato sotto casa della madre al rione Japigia. Il giovane rampollo del clan di Japigia, quando è stato bloccato dai militari delle Fiamme gialle in via Archimede, era in compagnia del suo avvocato - Nicola Lerarrio - con il quale aveva intenzione di consegnarsi alle autorità ma le Fiamme gialle hanno anticipato i tempi. 

«Avevo preannunciato alla Procura che lo avrei accompagnato io stesso oggi in carcere perché si costituisse - ha spiegato il legale - e con Tommy Parisi avevamo appuntamento sotto casa sua. È sceso con i borsoni, pronto per andare in carcere, ma le forze dell’ordine mi hanno preceduto di qualche minuto».

Michele Martiradonna, invece, è stato fermato dai Carabinieri a Pavia mentre era a bordo di un'auto con targa spagnola.

Secondo l'accusa, le sette sale da gioco riconducibili a Tommy Parisi, il figlio del boss barese, fatturavano «circa 300.000 euro a settimana, quindi erano sale grosse». Con il 15% di utile medio, da dividere a metà con il bookmaker, e senza contare provvigioni di agenzia e gli altri giochi on-line.

Sono queste le cifre che giravano nel sistema Martiradonna, azzerato mercoledì dall’operazione «Scommessa» della Dda di Bari. Un meccanismo, quello dei «.com» maltesi (le piattaforme senza licenzia italiana), che si era diffuso a macchia d’olio in tutta la Puglia: la Bet1128 dei Martiradonna aveva i suoi «master» anche a Foggia e nel Salento. Quasi tutti sono stati arrestati.

Le indagini della Finanza, che ha visto la collaborazione tra lo Scico e il Gico di Bari diretto dal tenente colonnello Angelo Ancona, hanno ad esempio svelato il ruolo di Giuseppe La Gala, 59 anni, referente foggiano dei Martiradonna già dai tempi della Paradisebet, che ha – tra l’altro – un punto scommesse all’interno di una multisala: in tre mesi, a fronte di un flusso di giocate da 1,2 milioni, la sua rete di 23 sale produce 246mila euro di utili.

La Gala è finito ai domiciliari insieme al socio, l’altro foggiano Alessandro Di Bello, 40 anni, e a Raffaele Tagliente, 38 anni, di Taranto, che con Martiradonna ha un accordo molto lucroso, chiuso sulla parola: «Su 100 mila euro di fatturato e 50mila euro di pagato (scommesse perse per il bookmaker) restano 50mila, di cui 25mila vanno alla rete (provvigioni e premi da riconoscere ai livelli sottostanti, agenti e agenzie) e del delta di 25mila, parte, pari all’1,50%, sono da riconoscere al provider, e la differenza da dividere tra lor due secondo le percentuali del 30% (a Martiradonna) e 70% (a Tagliente)». Siamo nell’ordine di un milione di euro al mese di raccolta nelle sue sale, e di 20mila euro al mese che Tagliente consegna più volte in contanti a Francesco Martiradonna.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie