Sabato 19 Gennaio 2019 | 01:27

NEWS DALLA SEZIONE

Violenza in città
Bari, migrante scaraventato giù dalla bici per divertimento: «è razzismo»

Bari, migrante scaraventato giù dalla bici per divertimento: «è razzismo»

 
Sentenze tributarie pilotate
Sentenze tributarie pilotate: chieste 11 condanne a Bari

Bari, al processo «Gibbanza» pioggia di prescrizioni: chieste 11 condanne

 
La denuncia
Ex Ilva: da domenica raccolta di firme per esposto contro Arcelor Mittal

Ex Ilva: da domenica raccolta di firme per esposto contro Arcelor Mittal

 
A Bari
Giachetti contro Emiliano: «Ha lavorato per distruggere il Pd»

Giachetti contro Emiliano: «Ha lavorato per distruggere il Pd»

 
L'inchiesta
Cloro sporco in Puglia, interdetti due funzionari di Aqp

«Cloro sporco» in Puglia, interdetti due funzionari di Aqp

 
Ferrovie
Treni in Puglia, in arrivo una task force per garantire la puntualità

Treni in Puglia, in arrivo una task force per garantire la puntualità

 
SERIE D
Cittanova - Bari: il punto con La Voce Biancorossa, segui la diretta

Cittanova - Bari: il punto con La Voce Biancorossa, segui la diretta

 
L'APPUNTAMENTO
Circolo della Vela Bari, i primi 90 annidomani la grande festa con l'open day

Circolo della Vela Bari, i primi 90 anni
domani la grande festa con l'open day

 
Morirono 10 persone
Fabbrica fuochi esplose a Modugno: socio superstite patteggia pena

Fabbrica fuochi esplose a Modugno: socio superstite patteggia pena

 
La visita
Criminalità, capo polizia Gabrielli: «Foggiano area difficile, sottovalutata criminalità»

Criminalità, capo polizia Gabrielli: «Foggiano area difficile, sottovalutata criminalità»

 

Dopo l'assoluzione ex compagno

Estetista uccisa a Mola, 4 anni
in cella per un tabulato
sbagliato: citata Wind3

Avvocati: errore su cella telefonica determinò accuse e arresto. Stando alle informazioni sui tabulati inizialmente fornite dalla compagnia telefonica, il testimone a quell'ora si trovava a 20 chilometri di distanza

Estetista uccisa a Mola «Condannate l'amante»

Intenteranno una causa per risarcimento danni nei confronti della compagnia telefonica 'Wind3' i difensori di Antonio Colamonico, assolto ieri dalla Corte di Assise di Appello di Bari - dopo quattro anni e mezzo trascorsi in carcere - dall’accusa di aver ucciso la sua ex compagna, l’estetista Bruna Bovino, il cui corpo fu trovato semicarbonizzato e con diverse ferite provocate da forbici, nel dicembre 2013, nel centro estetico che gestiva a Mola di Bari, a circa 20 chilometri dal capoluogo pugliese.

Secondo gli avvocati Massimo Roberto Chiusolo e Nicola Quaranta, l’errore nell’individuazione di una cella telefonica sarebbe stato determinante per la ricostruzione dei tempi dell’omicidio fatta dalla Procura e posta a fondamento dell’arresto di Colamonico, che in primo grado era stato condannato a 25 anni di reclusione.

I pm ritenevano che la donna fosse stata uccisa alle 17, mentre invece un testimone, un commerciante amico della vittima, ha sempre sostenuto di averla vista viva poco dopo le 18, orario in cui Colamonico era ormai a Polignano, a circa 37 chilometri da Bari.

Stando alle informazioni sui tabulati inizialmente fornite dalla compagnia telefonica, il testimone a quell'ora si trovava a 20 chilometri di distanza e quindi le sue dichiarazioni erano state ritenute inattendibili, rafforzando l’ipotesi accusatoria e i sospetti su Colamonico. In realtà una perizia tecnica disposta nel processo di secondo grado, su richiesta delle difese, ha accertato l’errore causato dall’omonimia di due strade, dimostrando che il telefono del testimone, dopo le 18, agganciava effettivamente una cella telefonica non lontana da Mola. I legali annunciano che aspetteranno le motivazioni della sentenza per poi procedere alla richiesta di risarcimento.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400