Mercoledì 21 Novembre 2018 | 01:06

NEWS DALLA SEZIONE

Il decreto
Elezioni regionali, in Basilicata si vota il 26 maggio 2019

Elezioni regionali, in Basilicata si vota il 26 maggio 2019

 
La decisione
Taranto, sindaco Melucci ritira le dimissioni

Taranto, il sindaco Melucci ci ripensa e ritira le dimissioni

 
Inchiesta conclusa
Bari calcio, pm chiede archiviazione per Giancaspro: «Non truffò ex socio Paparesta»

Bari calcio, pm: «Archiviazione per Giancaspro, non truffò Paparesta»

 
Sull'A14
Canosa, assalto con bande chiodate a portavalori di gioielli sull'A14

Canosa, assalto con bande chiodate a portavalori carico di gioielli 

 
Dal 9 dicembre
Trasporti, in Puglia arriva il nuovo Frecciarossa che collega Lecce a Milano e Torino

Trasporti, in Puglia arriva il nuovo Frecciarossa che collega Lecce a Milano e Torino

 
Serie B
Lecce, Mancosu esalta La Mantia, Palombi e Falco

Lecce, Mancosu esalta La Mantia, Palombi e Falco

 
Violenza su minorenni
Taranto, istruttore abusava delle sue giovani allieve in palestra: arrestato

Taranto, istruttore abusava delle sue giovani allieve in palestra: arrestato

 
La prima stamattina all'alba
Seconda tromba d'aria in Salento: sradica struttura legno, ferito 33enne

Seconda tromba d'aria in Salento sradica struttura legno: ferito 33enne

 
Taranto
Ex Ilva, Genitori Tarantini contro Di Maio: lei ci ha tradito

Ex Ilva, Genitori Tarantini contro Di Maio: lei ci ha tradito

 
I funerali del 19enne
Calciatore suicida, l'allenatore del Martina: vuoto incolmabile

Calciatore suicida, l'allenatore del Martina: vuoto incolmabile

 
Il caso
Noci, armati di kalashnikov, fanno irruzione in casa e sequestrano ragazzo: 5 arresti

Noci, armati di kalashnikov sequestrano ragazzo per un debito: 5 arresti

 
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno

Dopo l'assoluzione ex compagno

Estetista uccisa a Mola, 4 anni
in cella per un tabulato
sbagliato: citata Wind3

Avvocati: errore su cella telefonica determinò accuse e arresto. Stando alle informazioni sui tabulati inizialmente fornite dalla compagnia telefonica, il testimone a quell'ora si trovava a 20 chilometri di distanza

Estetista uccisa a Mola «Condannate l'amante»

Intenteranno una causa per risarcimento danni nei confronti della compagnia telefonica 'Wind3' i difensori di Antonio Colamonico, assolto ieri dalla Corte di Assise di Appello di Bari - dopo quattro anni e mezzo trascorsi in carcere - dall’accusa di aver ucciso la sua ex compagna, l’estetista Bruna Bovino, il cui corpo fu trovato semicarbonizzato e con diverse ferite provocate da forbici, nel dicembre 2013, nel centro estetico che gestiva a Mola di Bari, a circa 20 chilometri dal capoluogo pugliese.

Secondo gli avvocati Massimo Roberto Chiusolo e Nicola Quaranta, l’errore nell’individuazione di una cella telefonica sarebbe stato determinante per la ricostruzione dei tempi dell’omicidio fatta dalla Procura e posta a fondamento dell’arresto di Colamonico, che in primo grado era stato condannato a 25 anni di reclusione.

I pm ritenevano che la donna fosse stata uccisa alle 17, mentre invece un testimone, un commerciante amico della vittima, ha sempre sostenuto di averla vista viva poco dopo le 18, orario in cui Colamonico era ormai a Polignano, a circa 37 chilometri da Bari.

Stando alle informazioni sui tabulati inizialmente fornite dalla compagnia telefonica, il testimone a quell'ora si trovava a 20 chilometri di distanza e quindi le sue dichiarazioni erano state ritenute inattendibili, rafforzando l’ipotesi accusatoria e i sospetti su Colamonico. In realtà una perizia tecnica disposta nel processo di secondo grado, su richiesta delle difese, ha accertato l’errore causato dall’omonimia di due strade, dimostrando che il telefono del testimone, dopo le 18, agganciava effettivamente una cella telefonica non lontana da Mola. I legali annunciano che aspetteranno le motivazioni della sentenza per poi procedere alla richiesta di risarcimento.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400