Venerdì 14 Agosto 2020 | 16:29

NEWS DALLA SEZIONE

dalla polizia
Latitante lucano arrestato in Romania: era ricercato in tutta Europa

Latitante lucano arrestato in Romania: era ricercato in tutta Europa

 
dipendente amiu
Trani, colpito da macchina compattatrice mentre raccoglie rifiuti: in Rianimazione

Trani, colpito da macchina compattatrice mentre raccoglie rifiuti: in Rianimazione

 
Il fenomeno
Scomparse nel Barese 6.370 persone

Bari e provincia: in 50 anni scomparse 6370 persone, metà sono minori

 
In città
Sos prostituzione anche a Ferragosto l'aiuto dei volontari a Bari

Sos prostituzione anche a Ferragosto l'aiuto dei volontari a Bari

 
il bollettino
Coronavirus, in Puglia 12 nuovi casi su 1701 test. Le Asl: «Situazione sotto controllo, importante comunicare i rientri»

Coronavirus, in Puglia 12 nuovi casi su 1701 test. Le Asl: «Situazione sotto controllo, comunicare i rientri»

 
serie b
Lecce alla missione possibile: trattenere Falco e Saponara

Lecce alla missione possibile: trattenere Falco e Saponara

 
Il caso
Barletta, contrordine: candidati tutti ammessi al concorso

Barletta, concorso per vigili urbani, il comune ci ripensa: candidati tutti ammessi

 
Il caso
A Potenza città 2 assessori col Bonus Inps

A Potenza 2 assessori col bonus Inps: maggioranza in imbarazzo

 
il fatto
Costretta dal fidanzato a prostituirsi e picchiata in un B&B a Lecce: salvata dalla polizia

Costretta dal fidanzato a prostituirsi e picchiata in un B&B a Lecce: salvata dalla polizia

 
il bollettino
Coronavirus, in Basilicata 4 nuovi positivi su 378 test: guariti 12 migranti

Coronavirus, in Basilicata 4 nuovi positivi su 378 test: guariti 12 migranti in centro accoglienza

 
tragedia sulla strada
Auto contro moto tra Locorotondo e Martina Franca: muore giovane coppia

Auto contro moto tra Locorotondo e Martina Franca: muore giovane coppia, lascia bimbo di 10 mesi

 

Il Biancorosso

serie c
Bari, squadra ancora senza allenatore né ds

Bari, squadra ancora senza allenatore né ds

 

NEWS DALLE PROVINCE

Batdipendente amiu
Trani, colpito da macchina compattatrice mentre raccoglie rifiuti: in Rianimazione

Trani, colpito da macchina compattatrice mentre raccoglie rifiuti: in Rianimazione

 
FoggiaEventi naturali
Chiesto lo stato di calamità per il nubifragio su Foggia

Chiesto lo stato di calamità per il nubifragio su Foggia

 
BariIl fenomeno
Scomparse nel Barese 6.370 persone

Bari e provincia: in 50 anni scomparse 6370 persone, metà sono minori

 
Materaa 38 anni
Matera, minaccia di morte la nonna con una catena per avere soldi: arrestato

Matera, minaccia di morte la nonna con una catena per avere soldi: arrestato

 
PotenzaIl fenomeno
Nonni senza nipoti e sposano la politica

Nonni lucani lasciati senza nipoti, sposano la politica

 
LecceIl fatto
Nardò: «Augurate la morte ai profughi, vergogna»

Nardò, il parroco tuona: «Augurate la morte ai bimbi profughi, vergogna»

 
Tarantonel Tarantino
Manduria, rapina donna in chiesa e scappa: acchiappato da sottufficiale Marina Militare

Manduria, rapina donna in chiesa e scappa: acchiappato da sottufficiale Marina Militare

 
BrindisiIl ritrovamento
Brindisi, immersione fatale: sub muore a Punta della Contessa

Brindisi, immersione fatale: sub muore a Punta della Contessa

 

i più letti

Il caso

Xylella curata con rame e zinco
Inchiesta sul "metodo Scortichini"

Il commissario del Crea: «Stiamo verificando possibili strumentalizzazioni»

ulivo, xylella

Il Crea ha aperto una indagine interna sul ricercatore Marco Scortichini, il batteriologo che ha proposto una cura per la Xylella a base di rame e zinco su cui gli scienziati sono molto divisi. Lo ha annunciato ieri il commissario straordinario del Consiglio per la ricerca in agricoltura, Salvatore Parlato, ascoltato in commissione Agricoltura della Camera nell’ambito dell’inchiesta conoscitiva sul batterio killer degli ulivi.
«C’è un ricercatore del Crea che con altri ha brevettato un prodotto venduto come soluzione», ha detto il deputato grillino Gianpaolo Cassese, imprenditore agricolo di Grottaglie: «Vorrei chiedere se questa soluzione è stata verificata e se associare la vendita di un prodotto al nome del Crea non sia un problema di immagine». «Nel caso specifico - ha risposto Parlato - il Crea sta verificando i comportamenti eventualmente strumentalizzati o non strumentalizzati possano compromettere il ruolo dell’ente». Tuttavia Parlato ha definito Scortichini «un pregevole ricercatore che fa attività di ricerca allineata» con gli obiettivi del Crea.
Sul ruolo di Scortichini e sulla sua ricerca, finanziata dalla Regione, nei mesi scorsi si sono sviluppate enormi polemiche: secondo altri ricercatori, tra cui quelli del Cnr, la sperimentazione dell’aerosol di rame e zinco proposto da Scortichini sarebbe stata svolta in maniera non corretta e su un ceppo di Xylella diverso dalla Fastidiosa. «Nessuno - ha spiegato Pio Federico Roversi, direttore del Centro di ricerca Difesa e sperimentazione - può chiedere a un medico delle piante di non fare tutti i tentativi, tutte le sperimentazioni per farle sopravvivere. Anche quelle sperimentazioni che sono state citate dall’onorevole Cassese vanno in questa direzione e devono essere verificate».
Il Crea ha illustrato una sperimentazione che utilizza nanoparticelle ottenute dal guscio dei crostacei. È uno degli otto progetti in corso (si chiama Fata) ed è basato sull’uso di sostanze naturali: il guscio dei
crostacei e sottoprodotti della lavorazione del melograno che vengono inglobati all’interno di nanoparticelle. «L’obiettivo - ha detto Roversi - è portare una molecola naturale con attività battericida all’interno della pianta; il tutto a lento rilascio come succede nella medicina in ambito umano; il problema da superare non è solo contrastare il batterio con la giusta sostanza ma anche farlo arrivare nella modo migliore». La Xylella non è «sulla» pianta, ma all’interno del suo sistema conduttore e quindi estremamente difficile da raggiungere. Tra gli altri progetti di ricerca, il Crea ha citato quelli per riequilibrare i microrganismi del suolo sul quale vive la pianta e il monitoraggio con aereo e droni delle piante apparentemente non ancora infette. «La vera sfida - ha concluso Roversi - è avere un sistema il più precoce possibile che rilevi in tempi rapidi, senza mezzi, distruttivi il killer che c’è ma ancora non si vede». Il commissario Parlato ha poi spiegato che le sperimentazioni ora verranno fatte sul campo, a Monteroni, in una azienda agricola di proprietà del Crea che «verrà riattivata in parte» per attività di ricerca. Nello stesso tempo, però, l’azione di contrasto alla diffusione del batterio «non può non prendere in considerazione le eradicazioni».
«È importante - ha commentato Cassese - intervenire subito a sostegno del territorio, ma anche di tutti i produttori agricoli d’Italia visto che in cinque anni gli ettari di oliveti colpiti da 8.000 sono saliti a 170 mila, modificando drammaticamente anche l’aspetto del paesaggio pugliese». Il deputato tarantino ha anche sottolineato «i ritardi di molti enti, tra cui la Regione», ed ha ribadito che la priorità è «tutelare una regione come la Puglia, che con la sua tradizione olivicola ha reso il nostro Paese famoso nel mondo». E proprio per parlare di Xylella, ieri sera il governatore Michele Emiliano ha incontrato a Bisceglie il ministro Gianmarco Centinaio, in Puglia per partecipare a Digithon.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie