Giovedì 24 Gennaio 2019 | 13:55

NEWS DALLA SEZIONE

Batte bandiera panamense
Porto di Taranto, Guardia Costiera blocca nave non sicura

Porto di Taranto, Guardia Costiera blocca nave non sicura

 
Il 14 giugno
Ligabue: parte dallo stadio San Nicola di Bari il tour 2019

Ligabue: parte dallo stadio San Nicola di Bari il tour 2019

 
L'esito del vertice
Trivelle, Conte: «Stop alle ricerche in attesa del Piano delle Aree»

Trivelle, Conte: «Stop alle ricerche in attesa del Piano delle Aree»

 
A taranto
Ilva, Corte di Strasburgo: «Emissioni hanno messo in pericolo salute»

Ilva, Corte di Strasburgo: «Emissioni hanno messo in pericolo salute»

 
Le commoventi dichiarazioni
Ha una rara malattia ma è riuscito ad andare in Erasmus: la lettera di un giovane salentino

Ha una rara malattia ma è riuscito ad andare in Erasmus: la lettera di un giovane salentino

 
L'ordigno nella notte
Foggia, bomba distrugge negozio di estetica, è il secondo episodio

Foggia, bomba distrugge negozio di estetica, è il secondo episodio

 
Nel Leccese
Porto Cesareo, furto al Comune nella notte, rubati soldi e carte d'identità

Porto Cesareo, furto al Comune nella notte, rubati soldi e carte d'identità

 
Si chiamava Gianluca Bisconti
Auto contro un palo nella zona industriale di Lecce: muore 32enne

Auto contro un palo nella zona industriale di Lecce: muore 32enne

 
Di Bari e Tricase (Le)
Sul treno per scappare da incomprensioni in famiglia: fermati in stazione due adolescenti

Sul treno per scappare da liti in famiglia: fermati in stazione 2 adolescenti

 
Di Lauria
A Bologna per il padre malato, ma ha doppio lavoro: stanato furbetto della legge 104 nel Potentino

A Bologna per il padre malato, ma ha doppio lavoro: stanato furbetto nel Potentino

 
Sostegno alla ricerca
Tornano le arance Airc anti-cancro: il 26 gennaio in tutte le piazze pugliesi

Tornano le arance Airc anti-cancro: il 26 gennaio in tutte le piazze pugliesi

 

A Monteroni (Le)

Violenze se non lavoravano 10 ore al giorno:
32 braccianti sfruttati, arrestato caporale pakistano

Erano costretti a raccogliere pomodori, dormivano in scarse condizioni igieniche, malpagati, e pranzavano con pane e legumi: è finita l'agonia di 32 lavoratori soggiogati da un 36enne

pomodori raccolti

Un pakistano di 36 anni, A.Z., è stato arrestato in una campagna di Monteroni (Lecce) perché sfruttava 32 lavoratori (perlopiù connazionali) impegnati nella raccolta di pomodori. La polizia è intervenuta in seguito ad alcune denunce di immigrati sfruttati e l'arrestato è stato colto in flagrante. Nella campagna gli agenti hanno trovato i braccianti, molti clandestini, in pessime condizioni igieniche. Tutti dormivano su giacigli di fortuna all'interno dello stesso casolare, e il pakistano li pagava saltuariamente, promettendo loro che il pagamento totale sarebbe arrivato alla fine della stagione. Tutti i lavoranti venivano costretti con violenze fisiche e verbali a stare 10 ore al giorno sotto al sole per raccogliere i pomodori, potevano fare solo una breve pausa pranzo, composto da pane e legumi, e il loro compenso andava da 1 a 3 euro all'ora. Non avevano nemmeno diritto a ferie, giorno di riposo o assenze per malattia. Era lo stesso caporale a comprare loro il pranzo, trattenendo una somma dal loro stipendio. Nel casolare la polizia ha trovato anche dei pesticidi, pericolosi per l'uomo, con cui i braccianti erano quotidianamente a contatto. 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400