Martedì 16 Ottobre 2018 | 08:46

Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno

La faida nel Pd

Caso Barletta, Caracciolo a Mennea: «Getti fango per il posto in giunta»

L'ex assessore tuona contro il consigliere che lo aveva accusato di essere il regista della crisi che ha spinto il sindaco Cannito a dimettersi

Caso Barletta, Caracciolo a  Mennea:«Getti fango per il posto in giunta»

Caracciolo e Mennea

Una faida tutta interna al Partito democratico. È questa la deriva assunta dalla crisi del Comune di Barletta con il sindaco Mino Cannito dimissionario ad appena due mesi dal voto. Il consigliere regionale e comunale d’opposizione, il dem Ruggiero Mennea, ha infatti individuato nell’ex assessore Filippo Caracciolo il «regista» dietro il gruppo degli otto consiglieri «scissionisti» che hanno spaccato la maggioranza. Un’accusa, da sommare alle voci di corridoio degli ultimi giorni, che il diretto interessato smentisce seccamente.

«La rappresentazione politica offerta dal consigliere Mennea - accusa Caracciolo -, risulta assolutamente farneticante e pregiudizievole. Le sue sono pure affermazioni denigratorie rispetto alla mia persona e al mio operato politico. Con attitudini da commedia dell’arte, piuttosto che occuparsi di politica, preferisce esibirsi in minacce gratuite ed attacchi personali».
L’ex assessore rivendica con convinzione («l’ho voluta fortemente») la scelta di Dino Delvecchio come candidato sindaco del centrosinistra e rovescia l’accusa: «Fu Mennea a utilizzare tutte le armi possibili perché il progetto naufragasse arrivando a impegnarsi affinché il Pd non esibisse il proprio simbolo e presentasse la propria lista. In quella fase elettorale - aggiunge - cercò in tutti i modi di patrocinare la presenza di una lista civica di matrice dem asservita alla coalizione elettorale di Cannito». E ancora: «Mennea cercò in tutti i modi di opporsi al volere della direzione barlettana del Pd, tentando di imporre candidature a lui vicine ma assolutamente lontane dall’azione di rinnovamento etico del circolo di Barletta».

Quanto alle ragioni della crisi in corso, Caracciolo punta l’indice sulla tenuta complessiva della maggioranza («il progetto Cannito sta naufragando per incapacità di governo, gestione e mediazione») e aggredisce la «linea» di Mennea che, da consigliere d’opposizione, ha esortato Cannito a ritirare le dimissioni e proseguire per stanare chi «manovra» il gruppo dissidente: «Appare paradossale che l’azione mai partita dell’amministrazione, trovi significative sponde di aiuto nel consigliere Mennea che, in teoria e solo in teoria, dovrebbe occuparsi del suo ruolo di oppositore. Invece - prosegue - sta passando il concetto che il primo cittadino debba governare con il consenso delle opposizioni e del Pd in particolare. Questa è una assurdità che chiedo al Pd regionale, provinciale e locale di smantellare quanto prima e in modo ufficiale».

Ed è, in ordine di tempo, il secondo appello ai vertici del partito, dopo quello lanciato, in senso diametralmente opposto, da Mennea. La questione, insomma, è sul tavolo del segretario regionale Marco Lacarra e il duello rusticano tra i due consiglieri dem non tarda, come ovvio, a trasferirsi proprio sul fronte partitico con tutte le conseguenze del caso: «Per quanto concerne la mia estraneità al Pd evocata dal collega consigliere - ribatte ancora Caracciolo - voglio ricordargli che, se fosse vero quanto dichiarato, il sottoscritto non farebbe parte della segretaria regionale (ne fa parte anche Mennea, ndr). Credo inoltre che l’azione messa in campo dal consigliere sia rivolta anche contro l’operato di Michele Emiliano. Probabilmente - conclude l’ex assessore - ritiene che metterla in rissa favorisca la sua ascesa al ruolo di assessore, dimenticando che la giunta Emiliano è sempre stata strutturata in modo che gli assessori coniugassero competenza e appartenenza territoriale. Alzare polveroni mediatici non sarà di alcun aiuto».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

ALTRI ARTICOLI DALLA SEZIONE

Tap, sindaco Melendugno da Conte:«Stop a progetto, commesse illegalità»

Tap, sindaco Melendugno da Conte per dire no. Palazzo Chigi: stop costerebbe troppo

 
Foggia, un operatore aiuterà bimbo disabile escluso dalla mensa

Foggia, operatore aiuterà bimbo disabile escluso da mensa a scuola

 
Scontro auto nel Foggiano: morte mamma e figlia di pochi mesi

Scontro tra auto nel Foggiano: morte mamma e figlia di pochi mesi

 
Mammografie, Puglia maglia neraM5S: le Asl sbagliano indirizzo

Mammografie, Puglia maglia nera. M5S: le Asl sbagliano indirizzo

 
Sequestrate costruzioni abusive nel Parco Nazionale Murgia

Sequestrate costruzioni abusive nel Parco Nazionale Murgia

 
Tenta di rubare iPhone a una donna in pieno centro: arrestato 38enne marocchino

Tenta di rubare iPhone a una donna in centro: arrestato marocchino

 

GDM.TV

Gala Niaf a Washington: gli ospiti ballano la pizzica con Emiliano

Gala Niaf a Washington: gli ospiti ballano la pizzica con Emiliano

 
Alessandra Amoroso a Bari: lei firma le copie del disco, i fan cantano

Alessandra Amoroso a Bari: lei firma le copie del disco, i fan cantano in strada

 
Getta sacco rifiuti in strada, assessore Ambiente glielo restituisce

Getta sacco rifiuti in strada, assessore Ambiente glielo restituisce

 
Le Cesine, sequestrati 3 quintali di marijuana e hashish: 2 arresti

Le Cesine, sequestrati 3 quintali di marijuana e hashish: 2 arresti

 
Bari, troppi tagli a scuola: ecco il raduno degli studenti in sciopero

Bari, troppi tagli a scuola?
E gli studenti scioperano

 
Le acque rosse vicino le salineSequestro choc a Margherita di Savoia

Le acque rosse vicino le saline
Sequestro choc a Margherita di Savoia

 
Arresto gambiano a Foggia: i video e le versioni contrastanti

Arresto gambiano a Foggia: i video e le versioni diverse. «Agenti circondati»

 
Intitolazione caserma a Marzulli, Decaro: «Lui era davvero un galantuomo»

Squillo di tromba e commozione
per la caserma dedicata a Marzulli

 

PHOTONEWS